Facciamo un pacco alla camorra – cibo per il corpo e per l’anima

41
Informareonline-Pacco-min
Pubblicità

Parte l’edizione 2020 de “Facciamo un pacco alla camorra”, che festeggia i suoi 12 anni. L’iniziativa, promossa dal consorzio N.C.O. (Nuova Cooperazione Organizzata), in collaborazione con il comitato Don Peppe Diana, ha da sempre un obiettivo principale: il riutilizzo sociale e produttivo dei beni confiscati alla camorra che, una volta liberati, possono essere messi a disposizione dei cittadini e della collettività.

I terreni o le aziende sequestrate alla criminalità organizzata vengono date in gestione ad associazioni no profit, che poi si impegnano a produrre beni e prodotti di ogni genere (pasta, olio, vino, etc..) contenuti nel pacco.

Pubblicità
Il progetto, iniziato nel lontano 2008, mira ad apportare un cambiamento e a proporre “un nuovo modello di economia”, incentrato sul lavoro collettivo e sulla costruzione di reti sociali e comunità, attraverso le quali le persone possano promuovere un bene relazionale in contrapposizione alla criminalità organizzata.
L’edizione di quest’anno avrà lo scopo di raccogliere fondi che serviranno a finanziare e sostenere le attività e i progetti dei partner storici del “Pacco alla camorra”.
Anche per questa edizione come in passato, la redazione di Informare, impegnata in prima linea contro la criminalità organizzata, si associa all’iniziativa e ne sarà partner. Sarà possibile, dunque, prenotare questo pacco chiamando alla nostra associazione e venendo a ritirarlo presso la nostra sede.

In un momento di pandemia mondiale dovuta al Covid-19, occorre rafforzare la presenza sociale nelle nostre comunità. Sarà quindi ancora più importante e significativa la partecipazione ad un’iniziativa contro la camorra e di sostegno per tutti coloro impegnati per la legalità.

La lista dei panieri del 2020:
-Il pacco “Parliamo con dolcezza” (45 euro) contiene: bottiglia di spumante di Asprinio prodotto da Cantine Vitematta con l’uva coltivata sul bene confiscato “A. Di Bona” di Casal di Principe (CE); panettone artigianale (da 500gr) prodotto con una ricetta della Fattoria Fuori di Zucca, confettura di mela annurca prodotta dal primo impianto di trasformazione su un bene confiscato (Bene Confiscato “Alberto Varone” affidato alla Cooperativa Al di là dei Sogni), crema alle nocciole confezionata presso il Bene Confiscato “Alberto Varone” affidato alla Cooperativa Al di là dei Sogni, torrone da gr 100 prodotto con le noccioline coltivate dalla cooperativa La Strada sul bene confiscato Antonio Landieri a Teano (CE), libro “Oltre la camorra, una storia di resistenza” Città Nuova Editrice.
– Il pacco “Insieme a Il Commissario Mascherpa” (35 euro) contiene: 1 Pacco di pasta BIO da 500 gr di Gragnano trafilata al bronzo, 1 Bottiglia da 500 ml di olio EVO, prodotto dalla cooperativa Osiride con le olive prodotte sul bene confiscato a Teano (CE), 1 Sugo pronto ml 314 Olive e Capperi, prodotto dalla cooperativa Un Fiore per la Vita ad Aversa (CE) e trasformato presso la cooperativa Al di là dei Sogni sul bene confiscato a Maiano di Sessa Aurunca (CE), 1 Torrone da gr 100 prodotto dalla società “Strega Alberti” a Benevento con le noccioline coltivate dalla cooperativa La Strada sul bene confiscato a Teano (CE), 1 fumetto del “commissario Mascherpa”.
– Il pacco “Brindiamo alla libertà” (30 euro) contiene: bottiglia di spumante di Asprinio prodotto con l’uva coltivata sul bene confiscato “A. Di Bona” di Casal di Principe (CE) – (Cantina Vitematta), panettone artigianale (da 500gr) prodotto con una ricetta della Fattoria Fuori di Zucca; libro “Oltre la camorra, una storia di resistenza” – Città Nuova Editrice.
– Il pacco “Un sorso di cultura” (20 euro) contiene: 2 bottiglie di vino prodotto con l’uva coltivata sul bene confiscato “A. Di Bona” di Casal di Principe (CE)-(Cantina Vitematta), libro “Oltre la camorra, una storia di resistenza” – Città Nuova Editrice.

di Donato Di Stasio

TRATTO DA MAGAZINE INFORMARE N°212
DICEMBRE 2020

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità