“Hanno sequestrato la struttura regionale, ma il centro sociale siamo tutte e tutti noi! Non basta un sigillo a fermare la comunità viva antirazzista, resistente e solidale che siamo e che sentiamo attorno a noi da tutta Italia e da tutto il mondo!” ha tuonato così ieri il Centro Sociale ExCanapificio.

A seguito del sequestro degli immobili dell’ExCanapificio di Caserta, numerose dimostrazioni di solidarietà sono arrivate da parte di associazioni e personalità della rete dell’assistenzialismo sociale.

informareonline-excanapificio-1

Sulla bacheca della Fondazione Mario Diana ONLUS si legge “Esprimiamo solidarietà e vicinanza a tutti gli operatori […] abbiamo comunicato ai responsabili del Centro la disponibilità ad ospitare presso la nostra sede le attività compatibili. 
È il momento di fare rete, di costruire una reale solidarietà e siamo certi che tutte le realtà sociali del territorio daranno il loro contributo.”

La solidarietà Francesco Madonna

Francesco Madonna, di ArticoloUno MDP dice: “Esprimiamo la nostra solidarietà e vicinanza ai compagni del CSA ExCanapificio: ci faremo promotori […] affinché venga accelerata la convocazione di un tavolo in Regione Campania sulla questione, invitando il Presidente De Luca e l’Assessore Bonavitacola a definire un piano di messa in sicurezza della struttura nel più breve tempo possibile. […] Invitiamo anche tutte le altre forze della Sinistra casertana […] a formare un fronte politico e morale per restituire il prima possibile al capoluogo casertano questo presidio di solidarietà”.

informareonline-excanapificio-2

Il comunicato stampa del CSA precisa: “Come richiesto espressamente anche dalla Procura, i lavori di messa in sicurezza sono di competenza della regione Campania che è proprietaria dello stabile.”

Ed in merito al futuro dello stabile: “Quando per motivi di sicurezza si chiude un presidio di legalità […] gli enti locali hanno il dovere di attivarsi per ripristinare quanto prima la sicurezza”.

informareonline-excanapificio-3

I volontari e gli assistenti non mollano.

Già da stamattina sono operativi con un gazebo in Viale Ellittico per continuare a promuovere assistenza, mentre si preparano ad un presidio davanti la Prefettura di Caserta e ad un corteo che si partirà Sabato alle ore 14:00 dalla Prefettura.

Appuntamenti ai quali non possiamo mancare per chiedere di trovare una soluzione nel più breve tempo possibile che sia la riapertura dell’Ex Canapificio o un’alternativa.

 

di Francesco Cimmino

Print Friendly, PDF & Email