Estate nel Casertano: i pro e i contro

informareonline-spiaggia

Il periodo estivo è quello più atteso dell’anno. Tuttavia, la maggior parte delle vacanze al mare prenotate mesi prima, quest’anno sfortunatamente, sono state annullate. Il COVID-19 infatti, ha costretto migliaia di turisti, a passare la stagione estiva 2020 all’interno dei propri paesi.

Castel Volturno, Baia Verde, Pescopagano, Destra Volturno si stanno preparando ad un periodo che si spera possa portare, o meglio, riportare alla prosperità luoghi come questi che, in passato, hanno vissuto “tempi migliori”.

Bisogna però focalizzarsi sui i pro e i contro di tale avvenimento. Sappiamo per certo che all’interno del nostro territorio, vi è un numero notevole di chilometri di costa, con altrettanti lidi balneari.

Negli scorsi anni, questi fattori hanno portato ad una forte affluenza di pendolari che, hanno contribuito si all’avanzare dell’economia, ma che d’altra parte hanno causato molteplici problematiche dal punto di vista della logistica territoriale.

Siamo ancora all’inizio della stagione estiva e già, durante i week-end, si registra ed è possibile notare il forte avvento di persone all’interno del nostro territorio. Potremmo si reputarlo un fattore positivo, se non fosse che non sempre è possibile contare sul senso civico dei cittadini.

Le strade così come le spiagge risultano talvolta colme di spazzatura…un triste scenario che andrà a peggiorare con l’arrivo dei mesi più caldi e con l’affluenza di persone che, in particolare quest’anno, si sono mobilitate per cercare case da affittare, per riuscire a godersi il nostro amato mare. Mare che, in piena emergenza Corona Virus, grazie allo “stop” di sversamenti illeciti, grazie al fermo dell’attività dell’uomo talvolta inquinante, ha dato spettacolo mostrando di conseguenza un’acqua pulita e cristallina.

Quindi, coloro che sono soliti villeggiare in località come la Calabria o la Sardegna, quest’anno, per costrizione o meno, hanno deciso di rimanere all’interno del casertano.

Molti proprietari di ville e di appartamenti infatti, hanno preso la scelta di trasferirsi in primis loro all’interno delle loro abitazioni estive.

Un fattore decisamente positivo invece, è che il forte tasso di popolazione che si verificherà all’interno del nostro territorio in questi mesi, porterà l’economia casertana in risalita. Basti pensare all’enorme potenziale sia naturale che gastronomico dei nostri paesi. Pizzerie e ristoranti che durante il lockdown avevano in previsione di chiudere i battenti, ad oggi si ritrovano con un sostanzioso numero di richieste e prenotazioni, che permettono di ridare speranza agli imprenditori nostrani.

Sarà sicuramente un periodo in cui ci si dovrà organizzare nei minimi dettagli, un periodo in cui sarà necessario l’intervento delle nostre istituzioni per gestire le problematiche che si verranno a creare a causa dell’aumento di popolazione.

Siamo certi che tale situazione sarà gestibile durante i tre mesi estivi? È una domanda a cui, per ora, non possiamo rispondere, non ci resta che confidare nel senso civico, ma soprattutto nel rispetto che le persone avranno nei confronti del nostro territorio.

di Clara Gesmundo

Print Friendly, PDF & Email