La dedizione per la moda: una passione cucita addosso

Enzo Miccio

È tra i wedding planner più ricercati in Italia. Uno straordinario talento creativo: creatività e passione sono le parole chiave del successo professionale di Enzo Miccio (in foto), capace di distinguersi per il suo originale linguaggio universale della moda. L’irriverente esperto di moda non rinuncia ad essere poliedrico nel creare con la sua fantasia collezioni di abiti da sposa, in cui l’obiettivo è permettere ad ogni donna di avere un abito che la rispecchi al meglio. Con stile ed eleganza, è divenuto il protagonista e conduttore di numerosi programmi televisivi, come il “Diario di un Wedding Planner”, “Ma Come ti vesti?”. Inoltre è l’autore di diversi libri in cui approfondisce la sofisticatezza del glamour e l’immediatezza del casual; svela segreti di beauty e l’evoluzione della moda. Enzo Miccio arriva sul grande schermo dove interpreterà se stesso nella pellicola dal titolo “Può baciare lo sposo”, in uscita il 1 marzo nei cinema italiani.

Com’è nata la passione per questo mestiere?
«Tutto è avvenuto in maniera naturale, sono sempre stato un grande fautore ed un organizzatore di feste, questo spirito d’iniziativa è diventato poi un lavoro. Ho cercato quindi di sviluppare quello che sono le mie attitudini personali, anche la mia educazione. La formazione che mi ha dato la mia famiglia mi ha aiutato a sviluppare queste attitudini».

Nell’organizzazione di un matrimonio, qual è il momento più importante?
«Direi che il giorno dell’evento è quello che presta maggiori attenzione, quello più delicato perché si gioca con una scaletta molto serrata: tutto si deve concretizzare e mettere in scena in un lasso di tempo breve, non si possono avere ritardi, non si può sbagliare».

A cosa si ispira la sua collezione “L’oro di Napoli”?
«La collezione 2017 “L’oro di Napoli”, nasce dal mio amore per la mia città, nutrivo questa voglia di celebrarla in qualche modo. Napoli mi è sempre stata molto vicina, anche nel mio percorso professionale: la cultura e la storia di questa città sicuramente aiutano nella propria formazione. Nel mio sangue scorre questo sangue, con la sua bellezza, con l’originalità, con il suo buon gusto, ha influenzato questa collezione molto attuale. Tra l’altro, la riproporrò in alcuni capi rivisitati nella 2019 che uscirà ad Aprile a Sposi Italia».

In cosa consiste la Enzo Miccio Accademy?
«È un’accademia itinerante che si occupa di formare futuri addetti al settore wedding, ma non solo. Da me vengono persone che si occupano e lavorano in settori collaterali, parlo di fioristi, allestitori, di società riguardante il catering, di location, ai quali spiego qual è la mia filosofia nell’organizzazione di un matrimonio».

Qual è il suo processo creativo, per la collezione ICONS 2018?
«Quando ho creato la collezione Icons, ho pensato di immaginare le tre icone che mi hanno dato una mano per svilupparla. Una donna romantica senza tempo come “Grace Kelly”; una donna sofisticata, e parliamo di “Marlene Dietrich”; ed infine una donna femminile, la bomba sexy che era “Rita Hayworth”, sempre rispettando le visioni che cerco di imporre al mercato del wedding. Senza scollature e trasparenze, contro qualsiasi trend del mercato, ho cercato di rivolgermi a quelle spose che credono nel matrimonio e nei suoi favolosi valori».

Com’è cambiato il mestiere del wedding planner?
«È enormemente cambiato. Ha perso un po’ di smalto in questi ultimi anni, creando tutta una fascia intermedia di persone poco qualificate. Da una parte ha inflazionato il mercato con un filo di pressappochismo, dall’altra parte invece ha dato la spinta per far sì che i veri professionisti del settore potessero emergere».

Consigli per i giovani?
«Fare tanta gavetta. Devono cercare di capire il mondo del wedding che ha tantissime porte, capire le loro attitudini in base a quelli che sono i propri desideri. Il wedding planner deve saper fare delle cose, non ci si può improvvisare con una bella borsetta firmata e un cellulare. Formarsi».

di Chiara Arciprete

Tratto da Informare n° 178 Febbraio 2018