“È l’inizio della vostra vacanza o solo della tua?”

Giunti allʼesodo estivo, sempre più spesso sentiamo notizie di abbandoni dei nostri amici a quattro zampe. Allʼinizio di luglio c’è stata la giornata anti-abbandono in tuttʼItalia, organizzata dallʼEnte Nazionale Protezione Animali. Giunta alla V edizione, l’iniziativa è stata svolta in varie piazze del Paese per prevenire il fenomeno del randagismo. La campagna di sensibilizzazione, realizzata da Itaca Comunicazione e promossa dall’ENPA sui media nazionali, ha avuto come titolo “È l’inizio della vostra vacanza o solo della tua?” nella speranza di contribuire a ridurre i casi di abbandono animale. La frequenza con la quale vengono adottati i nostri amici a quattro zampe è notevole, ma bisogna comprendere quanto sia grave abbandonare il proprio animale domestico, essendo questo, oltre che un gesto vile, anche un reato penale.

Se incontriamo un cane o un gatto abbandonato, possiamo avvicinarci, rassicurandolo e dandogli conforto. Poi è importante verificare la presenza o meno di una medaglietta identificativa; a quel punto, è consigliabile chiamare un canile o un gattile riferendo come e dove è stato ritrovato l’animale abbandonato, in modo da poterlo recuperarlo e trasferirlo in una struttura adeguata. Gli operatori, a quel punto, rileveranno lʼeventuale microchip risalendo al proprietario. Oppure, è possibile contattare la polizia al 113. È importante dire se lʼanimale è ferito: in tal caso bisogna contattare il servizio veterinario dellʼazienda ASL o chiamare il canile municipale.

Per quanto concerne i gatti, quando questi vengono abbandonati, alcuni di essi vengono censiti e, se sterilizzati e appartenenti ad una colonia felina, hanno come riconoscimento un piccolo segno sullʼorecchio. Se guardassimo con attenzione gli occhi dei nostri animali domestici, capiremmo lʼamore incondizionato che hanno nei nostri confronti; loro farebbero tutto per noi che siamo il loro riferimento.

Quest’estate andiamo in vacanza insieme agli amici più fedeli.

di Maria Grazia Scrima

Print Friendly, PDF & Email