emissioni

Emissioni in atmosfera, sintesi delle linee guida SNPA N°43/2022

Angelo Morlando 05/12/2022
Updated 2022/12/05 at 12:34 PM
4 Minuti per la lettura

EMISSIONI IN ATMOSFERA, prescrizioni-condizioni a supporto dei procedimenti autorizzativi AIA
SINTESI DELLE RECENTISSIME LINEE GUIDA SNPA N° 43/2022

Pubblicate lo scorso settembre, le recenti linee guida necessitano di un glossario iniziale. S’intende con l’acronimo SME: Sistemi di Monitoraggio in Continuo delle Emissioni in atmosfera. S’intende con l’acronimo AIA: Autorizzazione Integrata Ambientale.

Citando l’abstract: “La presente Linea Guida intende proporre alle Autorità competenti indirizzi omogenei e condivisi in ambito nazionale dal SNPA al fine di permettere di impartire PRESCRIZIONI nei provvedimenti autorizzativi delle installazioni AIA (e non AIA) dotate di SME, per i quali è prevista (o prescritta) la conformità alla norma tecnica UNI EN 14181, al fine di garantire un approccio univoco e trasparente sul territorio nazionale; parimenti la proposta è rivolta alle Autorità Competenti al Controllo in ambito del sistema a rete del SNPA in riferimento alle principali esplicitazioni delle CONDIZIONI di monitoraggio da prevedere nei Piani di Monitoraggio e Controllo (PMC), in coerenza con quanto prescritto dall’Autorità Competente”.

Per ARPA Campania ha contribuito la dott.ssa Margherita Arpaia. Il capitolo terzo è quello che prevede la “proposta di prescrizioni alle aa.cc. e condizioni da prevedere nei piani di monitoraggio e controllo (PMC)” che è possibile sintetizzare come di seguito.

L’analisi delle linee guida per le emissioni in atmosfera

Per il controllo dei dati SME e la conformità dei valori limite emissivi: “Considerata l’importanza degli SME
e il suo crescente impiego nel controllo delle emissioni in atmosfera si ritiene che lo SME debba essere esercito ai fini del rispetto e della verifica di conformità dei Valori Limite Emissivi (VLE)
”.

Per il manuale di gestione SME, le proposte consentono: “ai Gestori, di verificare il rispetto delle emissioni in atmosfera, assicurare la disponibilità e la qualità dei dati e gestire correttamente il sistema di monitoraggio; alle Autorità Competenti al Controllo di verificare la corretta gestione dello SME nel rispetto della normativa vigente, dei provvedimenti autorizzativi, delle norme tecniche di settore”.

In conformità alla normativa, “si suggeriscono le seguenti prescrizioni/ condizioni: richiamare in tutti i provvedimenti autorizzativi delle aziende AIA dotate di SME il punto 9 “Obblighi vari per gli impianti dotati di AIA” della Circolare MATTM n.27569 del 14/11/2016…; esplicitare, nei provvedimenti autorizzativi delle aziende dotate di SME, la gestione dettagliata di tali Sistemi nel rispetto della normativa vigente e delle norme tecniche di riferimento…”.

Per la gestione dei malfunzionamenti e delle anomalie: “Si suggeriscono le seguenti prescrizioni/condizioni: prescrivere al Gestore di comunicare tempestivamente… i malfunzionamenti e le anomalie riscontrate sugli impianti legati allo SME…; prescrivere al Gestore di informare… delle attività di manutenzione (ordinarie e/o straordinarie) degli impianti legati allo SME; prescrivere al Gestore di gestire i malfunzionamenti e le anomalie secondo le modalità e le procedure previste dall’autorizzazione, dalla norma e riportate nel M.G.SME; prescrivere al Gestore di comunicare… l’indisponibilità dei dati SME superiori alle 48 ore fornendo le evidenze e le cause di tale indisponibilità”.

In allegato al documento è altresì riportato un elenco delle possibili verifiche sugli SME da condurre durante le Visite Ispettive AIA presso gli stabilimenti di competenza Statali e Locali.

Fonte: https://www.arpacampania.it/news

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *