La Fondazione Mario Diana Onlus è stata istituita nel giugno del 2013 dai familiari dell’imprenditore casertano Mario Diana, vittima innocente della criminalità organizzata. L’impegno della Fondazione è orientato soprattutto alla tutela dell’ambiente e alla sostenibilità nella consapevolezza che è necessario favorire un cambiamento nei comportamenti dei cittadini al fine di realizzare modelli di produzione e consumo sostenibili nel tempo e più attenti ai diritti delle generazioni future.
Con questo nobile intento nasce “Seguimi”, un progetto di educazione ambientale e cittadinanza partecipata; uno strumento per intervenire sui territori con lo scopo di educare all’economia circolare, attivare azioni per sensibilizzare, formare e informare i cittadini sulla corretta gestione dei rifiuti di imballaggi e conseguente sviluppo quali-quantitativo della raccolta differenziata finalizzata al riciclo.
Il progetto prevede due fasi di attuazione; la prima ha coinvolto Marcianise, soggetto capofila, con Frattaminore, Capodrise, Casapulla e Carinaro. La seconda annualità, invece, partirà nel mese di ottobre prossimo, con altri cinque Comuni: Succivo, Orta di Atella, Frattamaggiore e Castel Volturno. Il Comune capofila, questa volta, sarà la città di Caserta. La novità è che, nel capoluogo di provincia, saranno avviate attività anche nelle scuole Superiori. Il progetto di educazione ambientale, che ha ottenuto il patrocinio della Regione Campania, intende coinvolgere Cittadini, Amministrazioni comunali e Istituti scolastici, affinché diventino protagonisti di nuove scelte e stili di vita improntati al rispetto dell’ambiente, delle regole e dell’altro. Il tutto finalizzato a far prendere coscienza ai cittadini che il rifiuto, se ben differenziato, è una risorsa.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito internet: www.progettoseguimi.it

di Teresa Lanna

 

Print Friendly, PDF & Email