EDITORIALE – Ultimissime da Informare

152
informareonline-editoriale-marzo-2020

Questo mese lo abbiamo dedicato alla violenze sulle donne, un dramma che è in continuo aumento e ringrazio coloro che hanno partecipato a questo speciale. Ci sono anche dei cambiamenti in termini organizzativi che erano necessari e in coerenza con la linea editoriale che da sempre ho portato avanti: la formazione giovanile.
Fabio Corsaro, precedente giovane direttore responsabile, per motivi di studio lasciò il suo ruolo, che è stato ricoperto da me in questi due anni, in attesa di formare un altro giovane di pari qualità. Dal prossimo mese, quindi, il ruolo di Direttore Responsabile sarà ricoperto da Antonio Casaccio, che ha da poco ottenuto il tesserino di giornalista pubblicista. A 21 anni appena compiuti. Faccio ad Antonio un augurio di buon lavoro, consapevole che lascio un patrimonio umano e culturale di grande valore. Antonio e la redazione dovranno continuare a crescere insieme, come squadra, in coerenza con i valori che da sempre portiamo avanti. Cresce anche il numero di tirocinanti-collaboratori-volontari che danno sempre più forza all’Associazione Officina Volturno, pertanto, riusciremo ad ampliare sempre di più, la nostra presenza sul territorio.

Tutto ciò mi rende orgoglioso e ancora più motivato per la fiducia e le speranze che vengono riposte nel nostro Informare che continua a crescere e a diffondersi. Infine, questo mese passiamo a 48 pagine, aumentando di ben 8 pagine il giornale; un passaggio diventato necessario, seppure economicamente impegnativo, per poter dare spazio a tutti i nostri collaboratori a cui va il mio augurio di buon lavoro.

di Tommaso Morlando

In questi due anni Informare non è stata solo un’immensa fucina per comprendere il valore della libertà nel giornalismo, ma è stata un’occasione per entrare in una nuova famiglia. Condividere una passione con 50 ragazzi che animano una redazione è qualcosa che avrei considerato impensabile, in particolar modo a Castel Volturno. Ci tengo a ringraziare tutti i collaboratori-volontari: questi ragazzi hanno un coraggio immenso e una capacità critica straordinaria, sono l’espressione più vitale della “voce contraria” in una società sempre più conforme. Voglio ringraziare soprattutto Tommaso e Angelo Morlando, perché mi insegnano ogni giorno il valore della dedizione, di avere il coraggio di farsi guidare da libertà e passione, di credere in ciò che sei e in ciò che ami. Saranno una tappa indimenticabile della mia vita, così come lo saranno Informare e tutta questa giovane ciurma assetata di riscatto.
Ricoprire a quest’età un ruolo così importante mi spaventa; ho tanta strada ancora da fare e vivo questo momento come un nuovo inizio. Spero che questa riflessione sia anche uno sprono ai tanti giovani che amano scrivere, il futuro è nelle nostre mani e per esserne protagonisti dobbiamo avere il coraggio di metterci in gioco. Può cambiare il Direttore, ma non i nostri princìpi: continueranno le nostre denunce verso chi tenta di uccidere il nostro territorio; un’antimafia che deve partire dai giovani e muoversi verso di loro; la promozione culturale di un territorio ricco, anche se usurpato. Informare è un palcoscenico fatto per e dai giovani, quest’idea oggi è un atto di coraggio. Continueremo a difenderla insieme.

di Antonio Casaccio

TRATTO DA MAGAZINE INFORMARE N°203
MARZO 2020

Print Friendly, PDF & Email