informareonline-e-possibile-trasformare-il-fashion-system-in-unindustria-completamente-zero-waste

È possibile trasformare il fashion system in un’industria completamente zero-waste?

Nunzia Gargiulo 06/12/2021
Updated 2021/12/06 at 4:23 PM
3 Minuti per la lettura

È possibile trasformare il fashion system in un’industria completamente zero-waste?

Uno studio dimostra che l’industria della moda può essere etica e sostenibile sposando la filosofia zero-waste, ovvero senza scarti, che consente di ridurre o evitare gli sprechi…

Ma è possibile vivere in un mondo in cui l’industria della moda sia completamente zero-waste? O si tratta solo di una visione utopica?

Che la moda inquini, e non poco, lo sappiamo bene.

Ma cosa stiamo facendo di concreto? Abbiamo trovato qualche soluzione? Purtroppo, finché ci sarà spreco, ci sarà inquinamento e fino a quando le aziende continueranno a produrre scarti di lavorazione, ci sarà impatto ambientale.

Così come ce ne sarà finché i consumatori continueranno ad acquistare con poca consapevolezza, accumulando vestiti messi che finiranno poi per essere cestinati. Tutto a scapito del Pianeta.

E quindi qual è la direzione da prendere?

C’è chi cerca alternative naturali per i tessuti (come la fibra tessile di latte scaduto, ad esempio), c’è chi propone collezioni moda che non producano più scarti…concezione secondo cui nasce appunto la produzione zero-waste. Ma c’è anche chi predilige l’upcycling impiegando quindi il riuso di vecchi tessuti o capi già esistenti.

Le soluzioni, pertanto, restano molteplici. La start-up di Shelly Xu, ad esempio, punta sulla capacità di eliminare quante più cuciture ed assemblaggi possibili così da realizzare un capo sartoriale a partire da un tessuto unico che non verrà tagliato in mille parti e si propone quindi di agire in prevenzione evitando al massimo ogni singolo centimetro di stoffa sprecata.

Il problema principale, quindi, è che sia i consumatori sia i produttori devono avere un ruolo attivo, ponendosi e ponendo domande sui processi produttivi, valutando le conseguenze delle proprie azioni e proponendo soluzioni o cercando alternative dove l’attuale sistema moda causa problemi. Come consumatori, quello che possiamo fare è iniziare a volerne sapere di più su come e dove viene prodotto quello che compriamo.

Non serve modificare drasticamente le proprie abitudini d’acquisto ma semplicemente compiere con consapevolezza le piccole scelte quotidiane.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *