È il Chelsea di Tuchel a incoronarsi Campione d’Europa

118
informareonline-chelsea-campione-deuropa

Tuchel porta a Londra la seconda Champions nella storia del Chelsea

All’Estádio do Dragão di Porto è il Chelsea di Thomas Tuchel a trionfare nella sua seconda finale consecutiva di Champions League.

I Blues si schierano in campo con un insolito 5-4-1 per contrastare l’offensivo City di Guardiola. La partita inizia con ritmi molto alti con un Manchester propositivo ma, l’infortunio di Thiago Silva – sostituito da Christensen – sembra spezzarli e, 3 minuti dopo, il Chelsea trova il vantaggio con un’azione in contropiede. Un passaggio filtrante di Mount trova Kai Havertz che, freddissimo davanti a Ederson, lo salta e mette la palla in rete.

Il secondo tempo non sembra iniziare in modo diverso: il City non riesce a imporre il gioco spettacolare al quale ha abituato i Citizens, prova più volte la verticalizzazione con lanci lunghi trovando però l’opposizione di Rüdiger e Christensen.

Sugli sviluppi di un’azione del City uno scontro fortuito tra Kevin De Bruyne e Antonio Rüdiger obbliga il tecnico catalano a sostituire il fantasista belga che in lacrime lascia il posto a Gabriel Jesus.

Guardiola prova le ultime disperate mosse inserendo Fernandinho prima e Agüero poi, nel tentativo di riagguantare la partita, riuscendo a far tremare sporadicamente il Chelsea, protetto da un onnipresente N’Golo Kanté.

La serata portoghese si chiude con un ultimo squillo di Riyad Mahrez che lascia inerme Mendy a seguire la traiettoria di poco fuori lo specchio della porta.

Dopo gli interminabili 7 minuti di recupero i Blues trionfano rivivendo un déjà vu. Tuchel, proprio come Roberto Di Matteo, è subentrato lo scorso gennaio sulla panchina del Chelsea riuscendo, da sfavorito, a conquistare la Coppa dalle grandi orecchie.

di Rossella Schender

Print Friendly, PDF & Email