Diana: “Buoni spesa, esclusi commercianti da Lago Patria a Ponte a Mare”

171
informareonline-giochi
Pubblicità

Diana: “Disuguaglianze e disagi per i cittadini”

“Circa 20 giorni fa è stata inviata al Comune di Castel Volturno tutta la documentazione di cinque ditte situate a sud del territorio comunale, per l’iscrizione nell’elenco delle attività commerciali che possono accettare i buoni spesa del comune, per aiutare i cittadini in difficoltà, ma nessuna delle cinque  è stata iscritta. A rendere nota la vicenda è stato il dott. Cesare Diana, che si è occupato personalmente della procedura.”
“In un primo momento – ha precisato il noto professionista – la dott.ssa La Penna responsabile dei Servizi Sociali , ha risposto che non avevamo seguito le procedure, poi che non era arrivata la documentazione. Così ho provveduto di nuovo a rinviare tutto all’indirizzo pec indicato dal bando ed anche all’indirizzo mail con il quale comunico con la dirigente, ma ad oggi ancora nessuna risposta. Il sindaco di Castel Volturno e la responsabile dei servizi sociali La Penna, continuano a fare orecchie da mercante, creando gravi disuguaglianze tra i commercianti delle diverse zone del comune e arrecando tantissimi disagi ai cittadini, già afflitti dall’emergenza coronavirus.”
“A tutela dei 5 commercianti, le cui ditte insistono dal tratto che va da Ponte a Mare a Lago Patria, che non sono stati autorizzati, adiremo alle vie legali per ottenere il riconoscimento del diritto e dell’eventuale risarcimento.
È inammissibile che il sindaco di Castel Volturno faccia differenza tra i commercianti del comune, costringendo, come se non bastasse, i cittadini a percorrere circa 15 km per poter utilizzare i buoni spesa, in un periodo in cui le limitazioni sulla mobilità impongono di fare tutto nelle vicinanze delle proprie abitazioni per limitare il contagio Covid”, ha concluso Diana.
Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità