Diamo i numeri! – Dati e Notizie

64
informareonline-diamo-i-numeri-nuova-immagine
Pubblicità

«Il tempo e il destino

raggiungono ogni essere»

Pubblicità

Proverbio tibetano

Fuori  sacco (di… Patate)

Al Serendipity 3, nell’Upper East Side di Manhattan, un piatto di patatine fritte costa 200 dollari: patate Chipperbec prodotte a Bakersfield, in California, vengono lavate e marinate nel Dom Perignon e nella French Champagne Ardenne Vinegar per poi essere fritte per due volte nel grasso d’oca e cosparse di sale al tartufo di Guerande, olio al tartufo, pecorino tartufello delle Crete Senesi, tartufo nero estivo italiano, burro al tartufo, panna biologica del Jersey, raclette svizzera al tartufo di Gruyère Dop invecchiata per 3 mesi e, naturalmente, polvere d’oro a 23 carati.

In vendita in quel ristorante ci sono anche: il Quintessential Grilled Cheese, un panino da 214 dollari, che deve essere ordinato con almeno 48 ore di anticipo, per esser certi che in frigo ci sia abbastanza caciocavallo podolico italiano da far sciogliere fra due fette di pane allo champagne e burro; il dolcissimo Frrrozen Haute Chocolate ice cream sundae, realizzato con i 14 più preziosi cacao mai prodotti, da mangiare con un cucchiaio d’oro, a sua volta decorato con diamanti bianchi e color cioccolato, che si può portare a casa come souvenir per 25 mila dollari. Tra i clienti: Kim Kardashian, Ryan Reynolds e Selena Gomez, che lo ama così tanto da esserne diventata socia [Sta].

Altri cibi costosissimi: il gelato Black Diamond, servito allo Scoopi Cafe di Dubai, vaniglia del Madagascar con zafferano iraniano, tartufi bianchi di Alba e oro 23 carati, servito in una coppetta di Versace, per l’equivalente di 700 euro; il Winston, cocktail da 10 mila euro realizzato da Joel Heffernan al Club 23 di Melbourne con il Cuvée Léonie del 1858 di Croizet, anch’esso detentore del Guinness World Record come cognac più costoso venduto all’asta; The Douche Burger, manzo di Kobe marmorizzato in foglia d’oro, foie gras, caviale, aragosta, tartufi, fondue di gruviera allo champagne, salsa barbecue al caffè Kopi Luwak e sale rosa dell’Himalaya, venduto al 666 Burger di New York per 666 dollari (pagamento anticipato, perché si è pur sempre in un fast food); la pizza Luigi XIII, creata da Renato Viola, diametro di appena 20 centimetri, condita con mozzarella di bufala Dop, gamberoni di Acciaroli, sale all’albicocca, caviale, canocchie e aragosta mediterranea, costa 8.300 euro e viene servita direttamente a domicilio dal mastro pizzaiolo in persona.

Varie & eventuali

Un calciatore su tre in Inghilterra non è vaccinato e non ha intenzione di farlo. È quanto emerge da un sondaggio, pubblicato sul Daily Telegraph, condotto tra i club di Championship, League One e League Two, ovvero i campionati professionistici sotto la Premier League.

Sayed Sadaat, 39 anni, ex ministro afghano delle Comunicazioni, l’anno scorso, subito dopo gli accordi di Doha tra americani e talebani, scappò con moglie e figli in Germania. Ora, a Lipsia, in bicicletta, consegna pizze e panini a domicilio [CdS]

Settimo portavoce per la Casellati

Sarà Marco Ventura il consigliere della comunicazione di Maria Elisabetta Casellati, che nomina così il suo settimo portavoce dall’inizio del mandato di presidente del Senato nel 2018. Ventura, già capo ufficio stampa esteri di Berlusconi a Palazzo Chigi e consigliere per la comunicazione del presidente Rai Marcello Foa, prende il posto di Andrea Zanini, che ha preso a sua volta il posto di Francesco Condoluci. Prima di loro hanno affiancato la Casellati Anna Laura Bussa, giornalista politica dell’Ansa, Tonino Bettanini e Maurizio Caprara [Foglio].

Al Serendipity 3, nell’Upper East Side di Manhattan, un piatto di patatine fritte costa 200 dollari (vedi  new sotto)

Opzioni offerte da Facebook per definire il proprio genere: 71. C’è anche una casella bianca che permette all’utente di moltiplicarle [Guia Soncini, L’era della suscettibilità, Marsilio]

PC info

E se arriva un virus informatico che si rivela imbattibile quanto il Covid-19?

«Chi lo escogitasse ne rimarrebbe a sua volta vittima, quindi la speranza è che si astenga dall’inventarlo. In caso contrario, il 95 per cento delle attività collasserebbe. Resteremmo senza acqua, elettricità, gas, trasporti. Le aziende si fermerebbero. Una discreta Apocalisse. Per com’è fatta la Rete, non la escludo» [Alessandro Curioni, classe 1967, insegnante di sicurezza dell’informazione alla Cattolica di Milano, a CdS].

Password

Esempio di password sicurissima secondo Edward Snowden: MargaretThatcherIs100%Sexy [Wired].

Minacce

Che minacce ha ricevuto e sotto che forma?

«Ci hanno preso gusto, questi signori. Il mio numero di cellulare, la mia mail professionale sono state postate su Telegram. Da allora mi telefonano per dirmi di tutto. Nella migliore delle ipotesi al mio pronto segue il silenzio, altrimenti insulti a gogò. O frasi del tipo “con quale coraggio baci i tuoi figli quando torni a casa” oppure “verrai giudicato da un tribunale terreno”. Ricevo centinaia di sms da sconosciuti e materiale astruso sugli effetti collaterali dei vaccini».

E sui social?

«Ho due profili come presidente Anpas e anche quelli si riempiono di post. Su Instagram è un fioccare di bastardo, figlio di…, la pagherai. Credo che i mittenti siano leoni solo davanti alla tastiera però chissà che, a forza di beccarmi queste raffiche di ingiurie e frasi minatorie, qualcuno non passi alle mani preso da un raptus».

E lei, in apparenza poco atletico, saprebbe difendersi?

«Da giovane ero cintura marrone di karate» [Fabrizio Pregliasco, 61 anni, virologo, a Margherita De Bac, CdS].

I dati sul lavoro in Italia

Secondo i dati diffusi dall’Istat, in Italia il numero degli occupati a luglio è sceso di 23 mila unità rispetto al mese precedente mentre il saldo rispetto al luglio 2020 è ampiamente positivo +440 mila unità. Sottolinea l’Istat che «non si è ancora tornati ai livelli pre-pandemia», cioè febbraio 2020, con il numero di occupati che «è inferiore di oltre 260 mila unità».

«Osservando il dettaglio sulla tipologia di occupati, il dato si muove in due direzioni opposte. A luglio crescono dipendenti, sia a termine (+12 mila) sia stabili (+12 mila), mentre scendono nettamente gli indipendenti, come liberi professionisti e partite Iva, in flessione di 47 mila unità» [ Rep].

Buste paga

Spencer Elden, il bambino che nel 1991 finì sulla copertina dell’album Nevermind dei Nirvana, ha chiesto 2 milioni 250 mila dollari di risarcimento alla band per aver utilizzato la sua foto senza una liberatoria scritta dei suoi genitori [Mess].

Elden ha anche accusato la band di pedopornografia. Secondo l’avvocato Robert Lewis il fatto che il bambino fosse ritratto nudo in piscina di fronte un biglietto da un dollaro infilzato da un amo da pesca «lo equipara a un lavoratore del sesso».

Ieri i dirigenti Ita, la nuova Alitalia, hanno consegnato ai rappresentanti dei lavoratori una bozza del nuovo contratto: per i piloti è previsto un taglio del 21% dello stipendio medio, del 25% per i comandanti, dell’11% per gli assistenti di volo (dove è prevista una fungibilità di mansioni non essendoci più ripartizioni fra capo cabina di medio e lungo raggio) e del 15% per le retribuzioni del personale di terra. Inoltre, meno turni di riposo (da 120 a 110 più altri 14 che possono essere revocati) e meno ferie (da 30 a 28). Le promozioni da pilota a comandante avverranno a discrezione di Ita e non più in funzione dell’anzianità , Mess].

Quattro anni di cassa integrazione, fino al 2025, per tutti i lavoratori Alitalia che non verranno assunti da Ita. È la richiesta avanzata dai sindacati al governo nel corso dell’incontro che si è svolto ieri al ministero del Lavoro. Al momento la proposta di Alitalia in amministrazione straordinaria è di un anno di cassa integrazione straordinaria.

Nell’agosto 2012 tale Cathie Wood, allora 57enne, capo delle strategie del gestore Alliance Bernstein, alle prese con uno dei suoi peggiori risultati trimestrali, sentì lo Spirito Santo che le diceva: «Cambia vita, segui il mio piano». Si licenziò, mise in piedi un nuovo fondo d’investimento chiamato Ark Innovation – come l’Arca di Noè – specializzandosi nelle scommesse su titoli tecnologici e Etf. La sua strategia: investimenti ad alto rischio, ma anticipati e spiegati con un flusso incessante di podcast, newsletter e video su YouTube (l’opposto di quel che succede di solito a Wall Street, dove le strategie di investimento sono tenute segrete).

Nel 2020 è arrivata gestire ben 85 miliardi di dollari. Investitori giovani e anticonformisti si fidano di lei. La sua newsletter quotidiana è diventata lettura obbligata dei trader. BlackRock, il più grande gestore di denaro al mondo, ha ad esempio aggiunto tre fondi “trasparenti”: che rivelano quotidianamente intenzioni e offerte. E pure Goldman Sachs Asset Management e JPMorgan Chase stanno convertendo alcuni fondi in Etf “trasparenti e attivi” [Rep].

Attenzione, però: secondo alcuni analisti il metodo di Ark Innovation potrebbe andare a picco molto presto.

Afghanistan

Quanto hanno speso gli Stati Uniti in venti anni di guerra in Afghanistan? Nel 2020 un rapporto del Dipartimento della Difesa, tenendo conto solo delle spese operative (cibo per i soldati, carburante dei mezzi, armi, munizioni, carri armati, aerei, etc.), parlava di 815,7 miliardi di dollari. Se però consideriamo anche gli interessi già pagati sugli ingenti prestiti che Washington ha contratto per finanziare le operazioni, le spese per l’assistenza ai reduci —destinate a crescere negli anni a venire —, i miliardi spesi in aiuti umanitari e soprattutto della spesa per il nation building (addestramento truppe, costruzione strade, scuole, etc.), la somma arriva a 2.313 miliardi [Palumbo, CdS].

Due turisti stranieri, un americano di 21 anni e una inglese di 20, sono stati sopresi lunedì notte mentre, con i vestiti indosso, si tuffavano nella fontana di piazza Farnese a Roma. Ora dovranno pagare 900 euro di multa [Leggo].

«Per me non è importante il successo sul web ma lavorare. Perché alla fine del mese la padrona di casa non mi chiede quanto follower ho, ma l’affitto» [Saverio Raimondo, 37 anni, comico e cantante, Verità].

Vax

I profughi afghani arrivati in Italia con il ponte aereo sono stati vaccinati nei centri della Difesa e messi in quarantena non appena hanno toccato terra. Ognuno di loro è stato visitato da dei medici, che hanno deciso il vaccino più consono rispetto all’età e alle condizioni di salute. Alcuni di loro, però, avevano già ricevuto una prima dose di Sputnik e Coronavac: per il momento, si è preferito non inoculare la seconda dose.

Ora che le dosi di vaccino abbondano, Draghi vuole far vaccinare pure tutti gli immigrati che sbarcano a Lampedusa, in Sicilia e in Calabria, a prescindere dalla loro reale identità e dal fatto che abbiano o possano avere in futuro uno status riconosciuto o un permesso di soggiorno. Il ministero dell’Interno conta di mettere il sistema a regime in poco tempo

La Cina vieta i talent

Il governo cinese ha imposto una stretta sui talent show, accusati di influenzare negativamente i giovani e di mettere in risalto artisti dai comportamenti «effemminati». L’Amministrazione Statale per la Radio, il Cinema e la Televisione ha rimarcato la necessità di «correggere con forza i problemi legati alla violazione delle leggi e della morale degli artisti» e di instaurare «un’atmosfera di amore per il Partito comunista e il Paese».

Anche la Polonia si fa un muro

Andrzej Sados, rappresentante permanente della Polonia presso la Ue, intervenuto alla commissione Affari esteri del Parlamento, ha detto che per fermare i migranti, il suo Paese costruirà una barriera fisica di 187 chilometri alla frontiera con la Bielorussia.

225 milioni di multa a WhatsApp

In Irlanda l’Authority per la protezione dei dati ha accusato WhatsApp di violare il Regolamento europeo sulla privacy, infliggendole una multa record di 225 milioni di euro e chiedendo all’azienda di porre subito fine agli abusi. Il problema è questo: WhatsApp, di proprietà di Facebook, avrebbe condiviso i dati degli utenti con altre aziende del colosso di Mark Zuckerberg senza la dovuta trasparenza, come invece prevede il regolamento europeo. La società ha detto che ricorrerà in appello, che ha fatto di tutto «per fornire agli utenti informazioni trasparenti e complete» e ha definito la multa «completamente sproporzionata» [Sole].

Della questione si occupa il garante irlandese perché Facebook, Google e molte altre grosse corporation tecnologiche hanno il loro quartier generale europeo lì.

Orologi

Il nuovo ministro della Difesa, Abdullah Gulam Rasoul, nome di battaglia mullah Zakir, venne fermato dalle truppe americane nel dicembre del 2001. Aveva un kalashnikov, delle bombe da mortaio nel bagagliaio e due orologi Casio al polso. Allora gli americani non pensavano di dover trattare con lui da ministro e lo trattarono in modo piuttosto ruvido. Come mai due orologi? Li convinse di aver paura di arrivare in ritardo. Non sapevano che Mullah Zakir si dilettava ad inventare trappole esplosive e che quegli orologi funzionavano come timer [CdS].

Missili

Il 3 ottobre del 1942, da Peenemünde venne lanciata come prova la prima V2, la bomba volante, l’arma segreta di Adolf Hitler, inventata da Werner von Braun, che avrebbe dovuto costringere alla resa la Gran Bretagna. Raggiunse 84,5 chilometri di quota, e sulla punta vi era dipinta una donnina nuda seduta su uno spicchio di luna [Giardina, ItaliaOggi].

Laptop

Nell’ottobre 2015 il capo della polizia nigeriana ha dichiarato che Boko Haram aveva costruito ordigni nascosti in iPad e telefonini. Erano bombe- trappola, abbandonate negli atenei per colpire gli studenti dediti alla cultura occidentale [Di Feo, Rep].

Semina

I cosiddetti «ordigni da semina», piccoli, economici, facili da occultare. Nascosti in apparecchi radio, finte bottiglie di liquore, flaconi di liquidi per lenti a contatto, tacchi delle scarpe, telefonini. Ma il salto di qualità arrivò nel 2009 con l’ordigno celato nelle mutande o nel retto. Trovata del ramo yemenita di Al Qaeda ma usata, in parte, da Hamas (Gaza, 2005) e da un gruppo pachistano (2008). Il metodo migliore per sfuggire alle perquisizioni.

Addio alla benzina al piombo su tutto il pianeta

La benzina con il piombo, la vecchia Super, è sparita in tutta la Terra. Anche l’Algeria, che era rimasta l’ultima nazione a venderla nei distributori, ha smesso. L’ha annunciato il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (Unep). Antonio Guterres, segretario generale dell’Onu, ha detto che l’eliminaziona totale della benzina con il piombo «è una storia internazionale di successo. In questo modo si sono evitate oltre un milione di morti premature all’anno per malattie cardiache, infarti e tumori e si sono protetti i bambini i cui cervelli sono i più danneggiati dal piombo».

«Pericolosa e mortale quanto il vaiolo, la benzina con il piombo, chiamata anche «benzina rossa» è stata gradualmente messa al bando nei Paesi industrializzati verso la fine degli anni Ottanta del secolo scorso, dopo che gli scienziati avevano portato prove inoppugnabili dei danni causati all’ambiente e alla salute umana. Si è passati alla benzina verde che al posto del piombo all’inizio conteneva benzene. In Italia non si vende più benzina rossa ai distributori dal 2001, ma se ne produce ancora una minima quantità per le auto storiche» [CdS].

Gasolio in mare a Cipro Nord

«Le autorità turche che controllano la parte settentrionale di Cipro hanno denunciato il rischio di un “disastro per l’ecosistema marittimo” a seguito di una fuoriuscita di carburante da una centrale elettrica in Siria. Secondo i responsabili locali, citati dall’agenzia Tak, le perdite ammonterebbero a circa 20 mila tonnellate e sarebbero giunte a una trentina di km dalle coste nordorientali. Un team di esperti ambientali è stato inviato da Ankara per valutare la situazione. Le autorità di Damasco hanno invece ridimensionato l’incidente, parlando di una perdita compresa tra 2 e 4 tonnellate di carburante. Il governo di Nicosia ha riferito di non aver “localizzato” finora segnali di inquinamento nelle acque al largo delle zone costiere sotto il suo controllo, assicurando comunque di essere pronti a intervenire» [Sta].

Palle

di Michele Serra

la Repubblica

Il vecchio Joe Biden, quando si trascina fino alle telecamere per dire che la guerra è finita (anche perduta: ma è un dettaglio troppo doloroso per dirlo), dimostra trecento anni. Sembra decrepito e afflitto, come l’Impero americano al crepuscolo.

Fa pena, ma anche un po’ rabbia. Perché accetta il peso di una fuga della quale lui è solamente l’esecutore. Fu Trump, nel febbraio 2020, per mano del suo segretario di Stato Mike Pompeo, a firmare, a Doha, la resa con i talebani. Sola condizione richiesta, l’incolumità degli americani in partenza.

Nessun’altra contropartita rilevante.

Perché Biden non lo dice, e si lascia svillaneggiare da Trump e dalla becera destra americana, che della fuga dall’Afghanistan, carte alla mano, sono gli artefici indiscussi?

Non riesco a capirlo. Leggo dotte analisi geopolitiche, imparo un sacco di cose, ma nessuno sa spiegarmi come sia possibile che il capo dei democratici si carichi sulle spalle questo peso senza cercare almeno di condividerlo con il capo dei repubblicani, che ne è stato il vero artefice, e oggi simula indignazione per le conseguenze di una sua decisione.

Forse la sola spiegazione possibile — direbbe un mister nelle interviste post-partita — è che la sinistra non ha le palle. E nel caso le abbia avute, molti campionati fa, le ha perse.

Signorile, educata, masochisticamente orgogliosa dei suoi dubbi, si lascia dire le peggiori cose praticamente senza reagire.

Mentre il suo avversario vomita insulti e spara frottole senza ombra di imbarazzo (più son cafone più son contento: potrebbe essere il mantra delle nuove destre), i dem sprigionano malinconia e pacatezza da ogni sospiro.

Moriremo eleganti.

di Nicola Dario

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità