Diamo i Numeri! – Dati e Notizie

69
informareonline-diamo-i-numeri-nuova-immagine
Pubblicità

Emozioni

Per esprimere la felicità ci sono 17 espressioni facciali, per la paura 3, per la sorpresa 4, per tristezza e rabbia 5, per il disgusto una sola [da uno studio dell’Ohio State University, Caperna].

Pubblicità

Clamorosi

Mattoncini di Lego venduti dagli anni Cinquanta a oggi: sei mila miliardi [ ItaliaOggi].Ogni giorno in Europa muoiono 800 persone a causa dell’alcol [Foglio].Negli ultimi dieci anni in Europa sono nati 79 milioni di bambini e sono morte 81,5 milioni di persone [Lettura].Tra luglio e dicembre 2020 l’Inter ha perso 62,7 milioni di euro, la Juve 113 [Sta].

Amori

Il tuo primo amore?

«A diciotto anni mi sono fidanzata con un ragazzo carino, un po’ noioso, del resto faceva le lancette degli orologi. Sono rimasta incinta. Lui non lo voleva. Mi ha fatto fare un aborto, legale, con uno psicologo che mise per iscritto che non ero in grado di avere un figlio. Ricordo di aver pensato che quando gli uomini si mettono insieme, sono nemici. Subito dopo sono caduta in depressione. Mi ricordo sola, con le luci spente, perché tanto se la luce era accesa, era buio lo stesso»

[Ornella Vanoni, a Simona Sparaco, Specchio].

Esse

«Le regole delle tre “S” britanniche: sintesi, stile, spirito (prima di sesso, sangue, soldi)» [CdS].

La spagnola Acs offre 10 miliardi per Autostrade

Secondo il Financial Times, il gruppo di costruzioni spagnolo Acs ha offerto 10 miliardi di euro per comprare Autostrade per l’Italia. Ci sarebbe una lettera con cui il gruppo guidato da Florentino Pérez (anche presidente del Real Madrid), avrebbe esplicitato l’intenzione di acquisire la società concessionaria da Atlantia, che ne detiene l’88% del capitale, di cui è socia in joint-venture paritetica con i tedeschi di Hochtief in Abertis, il principale gestore della rete autostradale spagnola.

«Nella lettera il patron del Real Madrid Pérez ha sottolineato la proficua partnership siglata tre anni fa in occasione del dossier Abertis e proprio sulla scorta degli ottimi rapporti costruiti con la holding infrastrutturale italiana ora si propone di acquistare attraverso il costruttore spagnolo un pacchetto consistente della concessionaria del Paese. Il piano prevedrebbe poi, in un momento successivo, di procedere con una fusione tra Aspi e Abertis per creare un campione delle autostrade in Europa. Acs possiede il 50% meno un’azione di Abertis, in parte direttamente in parte tramite la controllata Hochtief» [Galvagni, Sole].

«Acs in questo è momento è molto liquida perché ha appena venduto le attività energetiche per 4,9 miliardi ai francesi di Vinci e quindi ha un gruzzoletto che può dirottare altrove persino ad investire sulla capogruppo Atlantia magari rilevando anche la quota di Edizione, cioè la holding dei Benetton, che la controlla al 30%» [Savelli, CdS].

La lettera di Acs è arrivata mentre il board di Atlantia, stava valutando l’offerta da 9,1 miliardi di euro (al netto del debito) presentata dal consorzio guidato da Cassa Depositi e Prestiti con i fondi esteri Blackstone e Macquarie. Florentino Pérez, d’altra parte, nella missiva sottolinea anche di essere disponibile e favorevole a considerare l’ingresso nella partita di altri investitori e tra questi cita proprio Cdp.

Buste paga

Breve rassegna degli stipendi annui di alcuni banchieri: Charles F. Lowrey, presidente e ceo di Prudential, 14 milioni di sterline; Larry Finl, ceo di Black Rock, 30 milioni di dollari; Marco Greco, ceo del gruppo assicurativo elvetico Zurich, 8,8 milioni di franchi; Carlo Cimbri, ad di Unipol, 5,65 milioni di euro (2,7 milioni da voci fisse, 2,8 da una parte variabile, il primo assoluto in Italia), Thomas Gottstein, ceo di Credit Suisse, 8,5 milioni di franchi svizzeri; Christian Sewing, ceo di Deutsche Bank, 7,36 milioni di euro; Jean Pierre Mustier, fino al 2020 ad di Unicredit, 900 mila euro più una parte variabile in azioni (4,4 milioni di euro); Carlo Messina, ceo di Intesa Sanpaolo, 5,36 milioni di euro (2,6 si stipendio fisso e il resto di remunerazione variabile); Onur Genc, ad di Bbva, 3,3 milioni in compensi fissi più una quota variabile sconosciuta; Frédéric Oudéa, ceo di Société Générale, 2,68 milioni di euro; Oliver Bate, del colosso tedesco Allianz, 5,35 milioni’ Thomas Buberl, numero uno di Axa, 4 milioni; Philippe Donnet, ceo di Generali, ha guadagnato 3,1 milioni più 2,3 milioni in azioni [CdS].

«La crisi economica mondiale sta cambiando tutto. L’epoca dei campioni super pagati come Michael Schumacher o Lewis Hamilton sembra destinata a finire. In nome dell’austerity, sarà fatta circolare presto una proposta della Federazione internazionale e di Liberty Media, proprietaria della F.1, per introdurre un tetto agli stipendi dei piloti dal 2022. «Secondo indiscrezioni, la cifra massima che le squadre potranno spendere non dovrebbe oltrepassare i 30 milioni di dollari complessivi (circa 25 milioni di euro) per l’ingaggio dei due piloti titolari più le riserve» [GdS].

New York sta varando un aumento dei tributi per i ricchi, potrebbe diventare lo Stato americano con le tasse più alte: «Chi guadagna più di 5 milioni di dollari l’anno pagherà in tasse locali (Stato e città) dal 13,5 al 14,8%, superando, così, l’aliquota massima della California che è del 13,3%. Cifre alle quali vanno aggiunte le tasse federali che Biden vuole aumentare per finanziare il piano delle opere pubbliche, ma solo per chi guadagna più di 400 mila dollari l’anno (l’aliquota marginale massima federale dovrebbe salire dal 37 al 39,6%)» [CdS].

Nella classifica dei miliardari 2021 di Forbes, su 2.775 paperoni, le donne sono 328. Tra loro: la cinese Kate Wang, 39 anni, a capo della Rlx Technology, azienda di sigarette elettroniche; la tedesca Julia Thiele-Schürhoff, 50 anni, figlia di Heinz Hermann, fondatore della conglomerata Knorr-Bremse (sistemi di freni, immobiliare, agricoltura e altro); le italiane Giuliana, 80 anni, e Marina Caprotti, 43, che hanno assunto il controllo di Esselunga, dopo la morte del fondatore Bernardino, 1,7 miliardi di dollari ciascuna; Miriam Adelson, 75 anni, vedova del magnate dei casinò di Las Vegas Sheldon Adelson, morto nel gennaio scorso a 87 anni, grande finanziatrice di Donald Trump; Julia Koch, vedova di David Koch, magnate degli idrocarburi; Miuccia Prafa, 72 anni, 2,9 miliardi di dollari. L’ultima entrata: Kim Kardashian West, 40 anni, 69 milioni 700 mila followers su Twitter, 1 miliardo di dollari di patrimonio. La più giovane delle debuttanti: Whitney Wolfe Herd, 31 anni, nata in Utah, Stati Uniti, co-fondatrice di Tinder, 1,3 miliardi di dollari. Le più giovani in assoluto: le sorelle Alexandra e Katharina Andresen, 24 e 25 anni, cui il padre Johan ha trasferito 84% della Ferd, una finanziaria norvegese [CdS]

Denise Coates, 53 anni, capo di Bet365, una società online attraverso la quale si può scommettere su tutto, ha guadagnato dal 2016 a oggi 1,3 miliardi di sterline. Tra l’aprile 2019 e il marzo 2020, ha incassato l’equivalente di 1,3 milioni di sterline al giorno, pari a 54.000 sterline l’ora (62 mila euro). Un importo 2.360 volte superiore a quello del primo ministro [ Sta].

Il governatore di New York Andrew Cuomo riceverà 4 milioni di dollari per la pubblicazione del suo libro American Crisis: Leadership Lessons from the Covid-19 Pandemic. Secondo il New York Times, che ne ha dato notizia, il volume è stato realizzato grazie ai suoi collaboratori «cooptati durante il loro servizio pubblico. Un particolare che potrebbe rappresentare una violazione della legge che proibisce l’uso di risorse pubbliche per guadagni privati».

Paul Simon ha venduto, per centinaia di milioni di dollari, il suo intero catalogo musicale alla Sony, oltre 60 anni di canzoni. Bob Dylan, che tempo fa fece un accordo simile, aveva incassato tra 300 e 400 milioni di dollari per 600 canzoni, Neil Young 150 milioni per il 50% della sua produzione musicale.

Il presidente boliviano Luis Arce ha fatto sapere che, grazie all’Imposta sulle grandi fortune da lui introdotta per la prima volta lo scorso anno, sono stati raccolti 159,3 milioni di bolivianos, corrispondenti 19,2 milioni di euro. La tassa colpisce i residenti con un patrimonio complessivo superiore ai 30 milioni di bolivianos.

Sfregiare una donna ?Costa 18 mila dollari…

Tale Tommaso Girotti, classe 1983, milanese, dirigente del gruppo Enel, è finito agli arresti domiciliari nella sua casa di Milano con le accuse di stalking e tentate lesioni gravi. Secondo gli inquirenti, coordinati dal pm romano Daniela Cento, l’uomo avrebbe contattato un sicario sul dark web, gli avrebbe fornito nome cognome e indirizzo della sua ex ragazza – una trentenne romana che, un anno fa, lui stesso non aveva voluto sposare e che ora intendeva tenerlo alla larga – e gli aveva chiesto di punirla. «Voglio che resti paralizzata dalla schiena in giù e che vada sulla sedia a rotelle. E le dovete tirare l’acido in faccia senza prendere gli occhi». Girotti aveva già effettuato quattro transazioni per 11.700 dollari in bitcoin, sarebbero dovute essere cinque a lavoro ultimato (il prezzo finale era 18 mila dollari). «Deve sembrare una rapina, le devono rubare la borsa».

«L’allarme è stato lanciato lo scorso febbraio, la ragazza, indicata nel dark web con nome cognome e indirizzo è stata immediatamente contattata dai funzionari della polizia. Ha raccontato della sua ultima storia, delle pressioni subite, ma non immaginava di correre un rischio così alto. Così sono nati i sospetti nei confronti di Girotti. E mentre la vittima del piano folle è finita sotto protezione, la Postale è risalita, attraverso le transazioni in bitcoin, al wallet e alla carta di credito dell’uomo che si nascondeva dietro un nick name. A quel punto è stata eseguita la perquisizione nell’abitazione di Girotti. L’esame di tablet e smartphone ha confermato: negli apparecchi era installata la app per le transazioni in bitcoin, il browser Tor per la navigazione sul dark web aperto, al momento della perquisizione, sulla pagina Hitman hire a killer, il Vpn free per rendere anonimo l’indirizzo Ip. Poi 37 fogli con pensieri rivolti alla donna contro la quale voleva vendicarsi. Poi il libro, Il cervello delle donne, capire la mente femminile attraverso la scienza» [Mess].

Influencer

«Chi sosteneva la competenza è invece pronto ad abbracciare cantanti e artisti che parlano di vaccini, clima, omofobia, basta che la pensino come loro» [Pregliasco, al Foglio].

Elettori

Intervistato dal New York Times, Tim Cook ha detto che sogna un mondo in cui sia possibile votare tramite iPhone. Facciamo le nostre operazioni bancarie sui telefoni. «Abbiamo i nostri dati sanitari sui telefoni. Nel nostro telefono abbiamo più informazioni su di noi che a casa nostra. Allora perché no?» [Dago].

Fischi

I pastori delle Canarie, per comunicare a distanza, hanno una lingua fatta di fischi, fondata su 2 vocali e 4 consonanti [Rep].

Divani

Il protocollo della visita dei due europei ad Ankara non è stato gestito da burocrati bruxellesi, ma da due esperti: Nicolas de La Grandville, francese, diplomatico di carriera, già consigliere diplomatico del presidente Sarkozy e addirittura capo del protocollo del ministero degli Esteri francese, ora capo del servizio protocollo della Commissione, e Nikolaus Meyer-Landrut, già consigliere della Merkel, ambasciatore europeo in Turchia. «Con queste premesse, qualche “addetto ai livori” di Bruxelles evoca l’idea di un tremendo trappolone fatto alla von der Leyen, in un momento in cui lei si ritrova debole a causa di una campagna vaccinale che non va come dovrebbe…» [Dago].

Virologi

A Firenze, nel 1621, tale dottor Nardi «accusò il Cts di allora d’aver provocato le 12 mila vittime dell’epidemia di tifo per non aver fatto abbastanza uso dell’olio controveleno, “neglecto certissimo presidio” con cui lui aveva fatto invece miracoli. Non si trattava esattamente di AstraZeneca, ma di un intruglio infernale preparato nell’officina medica granducale e nel quale erano stati cotti e bolliti degli scorpioni. Ovviamente la gente prendeva l’olio controveleno, e ci restava secca più che per il tifo» [ Foglio].

Musica

Il nuovo EP Lost Tapes of the 27 Club contiene quattro nuove canzoni di Kurt Cobain Amy Winehouse, Jimi Hendrix, Jim Morrison create dal computer. Per realizzarle, la casa discografica ha preso una trentina di brani per ciascuno di loro e li ha dati in pasto a Magenta, il programma di Google per generare la musica. «L’intelligenza artificiale li ha analizzati, ne ha isolato elementi caratteristici, linee vocali, riff di chitarra, progressione degli accordi, ritmo e melodia, poi li ha ricomposti in modo originale» [ Sta].

Il computer ha composto anche i versi, ma per cantarli sono stati necessari degli umani.

Poesia

The Hill We Climb, uscito in Italia per Garzanti. «Amanda Gorman, in un’intervista, ha raccontato di come, dopo la famosa performance, la sua vita sia cambiata in sei minuti. Che è, più o meno, il tempo necessario per leggere il poemetto. Prendendosela comoda. Sono, complessivamente, 98 versi (circa), quasi tutti di una riga. Ma spalmati – alternando una pagina bianca a una scritta – su 40 mezze paginette, più un’introduzione di Oprah Winfrey, di 38 righe, in corpo e spaziatura abbondante, che – aggiungendo fogli di guardia, frontespizio, colophon, biografia, eccetera – fanno 56 pagine. Euro: 10. Il rischio, detto fra noi, è che si finisca di leggere il poemetto nel tempo di attesa alla cassa della libreria» [Giornale].

Cristo

«Per finire, almeno oggi, almeno qua, passiamo a Lev Tolstoj, al diario. “25 novembre 1888. / Sono stato poco bene. Ho dormito male. È venuta la Hapgood. / La Hapgood: ‘Perché non scrivete?’ / Io: ‘È un inutile passatempo’. / La Hapgood: ‘Perché?’ / Io: ‘Ci sono troppi libri, e ora qualsiasi libro scrivi, il mondo va avanti sulla stessa strada. Se venisse Cristo e desse alle stampe il Vangelo, le signore gli chiederebbero l’autografo, e niente più”. Amen» [Sofri, Foglio].

Draghi contro i cinesi

«Il governo Draghi applica per la prima volta, da quando esiste la normativa del golden power, il veto su un’acquisizione cinese. Su proposta del ministero dello Sviluppo economico, guidato da Giancarlo Giorgetti, d’intesa con Dis, Difesa e Affari esteri, è stata bloccata l’acquisizione da parte della Shenzen investment holdings co. del 70% del capitale di Lpe spa, azienda lombarda attiva nel settore dei semiconduttori (sviluppo di reattori epitassiali). Si tratta di un presidio italiano in un comparto hi-tech decisivo nelle catene produttive di molte grandi industrie ma anche per sviluppi legati alla sicurezza militare» [C.Fo., Sole].

Ieri, in audizione davanti alle commissioni Attività produttive di Camera e Senato riunite in seduta comune, il ministro Giorgetti ha detto che il settore dell’automobile e quello siderurgico sono «particolarmente esposti alla concorrenza cinese» e che il governo sta valutando «la possibilità di estendere l’ambito di applicazione della normativa golden power anche a filiere che allo stato ne sono escluse e che rivestono invece un evidente rilievo nell’assetto economico nazionale».

Macron rottama l’Ena

«L’Ena, la superscuola delle élite francesi, fucina di ministri e presidenti della Repubblica tra cui Emmanuel Macron, presto non esisterà più. Ieri pomeriggio, in videoconferenza, l’attuale inquilino dell’Eliseo ha approfittato di una “conferenza con i manager dello stato” sulla riforma dell’alta funzione pubblica per annunciare la soppressione dell’École nationale d’administration, fondata da Charles de Gaulle nel 1945 per formare il fior fiore della nazione, la classe dirigente che avrebbe dovuto riscattare l’onore dello stato francese compromesso dal regime vichysta. Al posto dell’Ena, ci sarà una nuova istituzione “più aperta alla diversità” e “meno sconnessa dalla realtà”, secondo le parole della macronia. Si chiamerà Institut du service public (Isp), sarà “una scuola di guerra” dell’alta funzione pubblica e si ispirerà all’École de guerre che forma le forze armate francesi» [Foglio].

Dati rubati da milioni di profili LinkedIn

«A pochi giorni dalla notizia del maxi furto di dati dai profili Facebook, una mega razzia di informazioni personali e professionali da quasi tutti gli utenti di Linkedin. A finire in mano agli hacker sono stati questa volta nomi, email, numeri di telefono, dettagli sul posto di lavoro trafugati da 500 milioni di profili della piattaforma di Microsoft (su un totale di 600 milioni iscritti). Tutte credenziali che potrebbero essere usate per ulteriori attacchi, phishing e truffe online. Secondo i ricercatori di Cyber News, l’archivio è in vendita sul dark web. Per l’accesso al database completo delle informazioni rubate viene richiesto il pagamento di 1.800 dollari» [CdS].

Gli esperti consigliano di cambiare le password degli account email associati ai profili LinkedIn, di diffidare dei messaggi LinkedIn e delle richieste di connessione da parte di sconosciuti.

L’arresto del sindaco di Opera

Antonino Nucera, sindaco di Opera, comune di 13 mila abitanti alle porte di Milano, è stato arrestato con l’accusa di peculato. La scorsa primavera, in piena emergenza sanitaria, ha sottratto mascherine destinate a case di riposo e farmacie per darle ad amici e familiari. Nucera è ai domiciliari, così come il capo dell’ufficio tecnico di Opera Rosaria Gaeta, legata sentimentalmente a Nucera, e gli imprenditori Giovanni Marino, Giuseppe Corona e Rosario Bonina. Oltre al peculato, le accuse sono: corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente e traffico di rifiuti in merito all’interramento di rifiuti nel Parco agricolo Sud Milano.

«Mentre il mondo intero travolto dal coronavirus cercava disperatamente mascherine chirurgiche, il sindaco Antonino Nucera dirottava le forniture della Protezione civile direttamente ai suoi uffici per poi distribuirle ad amici e parenti. Dispositivi di protezione che in quei giorni marzo e aprile dello scorso anno erano stati inviati a Opera […] per i nonnini ricoverati nella Rsa Anni azzurri Mirasole della frazione di Noverasco, e per la farmacia comunale per poi essere distribuiti alla popolazione. Ma che Nucera mette a disposizione di amici e parenti. Il 21 marzo, ad esempio, le distribuisce alla ex moglie preoccupata per gli anziani genitori. Ma anche ad amici e parenti, oltre al personale comunale e ai vigili che però, secondo gli inquirenti, avrebbero dovuto riceverle dalla Regione. Mentre sette giorni dopo chiede a una dipendente comunale di metterne da parte 500 da sottrarre alle duemila arrivate dalla Città metropolitana di Milano per la farmacia comunale: “Facciamo così: 1.500 vendile, e 500 gli dico di portarle da noi che le teniamo lì se ci servono”. Peggio ancora accade il 9 aprile quando Nucera viene a sapere della disponibilità di 500 mascherine destinate dalla Protezione civile agli ospiti della Rsa Mirasole: “Gliene daremo 50, va bene?”. Gli investigatori captano una lunga telefonata con il direttore sanitario della struttura dove il sindaco chiede “ma come sei messo a mascherine? Mi aiuti? Un po’ di mascherine per me?”. La reazione del dirigente è stranita: “Ma come prima me le dai e poi me le togli?”. Nucera allora spiega che “oggi mi hanno consegnato delle mascherine tra virgolette da consegnare a te, alla Rsa. Me ne hanno date un po’, facciamo metà e metà…”. Il responsabile della Rsa, prova a fare un po’ di resistenza, poi risponde imbarazzato: “Dai tienile per te non ti preoccupare”. A quel punto però prevale l’anima politica di Nucera (eletto con una coalizione di centro destra a forte spinta leghista): “No però io vengo lì che faccio tutta la scena, facciamo due foto…”» [Giuzzi, CdS].

di Nicola Dario

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità