Diamo i Numeri! – Dati e notizie

informareonline-diamo-i-numeri-2

1- A Parigi, nonostante lo sciopero nazionale, 400 persone vanno ogni sera a vedere Servillo che recita Elvira al Teatro dell’Athénée.
[Corriere della Sera]

2- L’Italia nel 2017 ha istituito degli indennizzi per le vittime di violenza di genere: 8200 per gli orfani di femminicidio, 4800 per uno stupro, 3000 per uno sfregio. Cifre irrisorie se paragonate al resto dell’Europa, dove i risarcimenti sono proporzionali al danno. La vita di una donna vale davvero così poco?

3- In media un Babbo Natale guadagna 1.800 euro per sei giorni. Sulle consegne: cento euro per chi vuole che bussi alla porta di casa dopo le 23.00; 80 euro per gli orari più comodi tipo le 5 del pomeriggio.
[Libero]

4- Un neolaureato in Italia guadagna in media 28.827 euro lordi annui, in Slovenia 32.475, in Francia 36.809, in Germania 49.341, in Svizzera 73.370.
[Cds]

5- La Banca Popolare di Bari, con i suoi 69.073a soci e 3.300 dipendenti, è la più grande del Sud. La perdita d’esercizio registrata alla fine dell’anno 2018 è stata di 397milioni. Nel primo semestre del 2019 la perdita era di 73,3 milioni.

6- Già nel 2016, Bankitalia aveva rilevato criticità sul rafforzamento del capitale della Popolare di Bari. Un’ispezione di quell’epoca si conclude con la constatazione di «ritardi e incertezze». L’azione del cda viene giudicata «non pienamente adeguata all’acquisizione di Tercas», che ha generato «in misura rilevante la elevata incidenza» dei crediti deteriorati. «L’ispezione su 383 rapporti, pari a crediti per 165 milioni, ha fatto emergere “errori nel 20% dei casi esaminati, con punte del 30% per quelli garantiti da immobili”. Inoltre, si sottolinea, le stime della Popolare di Bari sul proprio capitale “non hanno finora tenuto conto dei potenziali impatti dei rischi derivanti dall’imponente stock di azioni della Banca poste in vendita da oltre undicimila soci” pari a 281 milioni di controvalore, quasi un quarto del capitale sociale. “Le formulazioni delle ipotesi a base degli stress test sono risultate non sufficientemente conservative con riferimento all’emissione di strumenti di capitale”» .[Ansa]

7- L’episodio numero 1 del Tenente Colombo è stato diretto da Steven Spielberg.

8- Secondo il rapporto annuale della Ong Reporters sans frontières, nel 2019 sono stati uccisi 49 giornalisti in tutto il mondo, il dato più basso degli ultimi 16 anni. I reporter hanno perso la vita soprattutto in zone di guerra, come la Siria, lo Yemen e l’Afghanistan, ma non mancano le morti in Paesi ufficialmente in pace, come il Messico, in cui quest’anno sono stati uccisi in 10. Inoltre, se diminuiscono i giornalisti assassinati, dall’altra parte salgono le detenzioni: 389, il 12% in più rispetto allo scorso anno. Quasi la metà di queste è avvenuta in Cina, Egitto e Arabia Saudita.

9- Solo 1 bambino su 4 trova posto all’asilo nido. È il dato che emerge dall’ultimo rapporto Istat, riguardante l’anno scolastico 2017/2018: i posti disponibili, di cui poco più della metà pubblici, hanno ricoperto il fabbisogno di appena il 24,7% dei bambini con meno di 3 anni.Una percentuale ancora al di sotto del parametro del 33% richiesto dall’Unione europea. Oltre alle grandi differenze tra Nord e Sud elevato anche il costo medio del servizio, vicino ai 2mila euro: il 12,4% dei genitori di bambini di 0-2 anni che non vanno nido ha dichiarato di non averli iscritti a causa dei carichi eccessivi.

10- È nato il quarto gruppo automobilistico più grande al mondo, dopo Volkswagen, Toyota e quello formato da Renault, Nissan e Mitsubishi. Dal valore di 45 miliardi di euro la nuova holding includerà Fca, proprietaria di Fiat e Chrysler, e Psa, che invece possiede Peugeot, Citroën e Opel. L’intenzione di una fusione era già stata annunciata a fine ottobre, dopo che un primo tentativo tra Fca e Renault era naufragato per volontà del governo francese. John Elkann sarà presidente e Carlos Tavares il Ceo. La nuova società sarà il quarto costruttore automobilistico al mondo per volumi e il terzo per fatturato, con vendite annuali di 8,7 milioni di veicoli e ricavi congiunti di quasi 170 miliardi di euro. Prima della chiusura, prevista fra 12-15 mesi, Fca distribuirà ai propri azionisti un dividendo speciale di 5,5 miliardi di euro. Psa invece distribuirà tra i propri azionisti la quota del 46% detenuta nella società di componentistica Faurecia.

11- Dal sito nucleare di Rotondella, in provincia di Matera, è stato rimosso un monolite in cemento armato da 130 tonnellate. Era pieno di rifiuti radioattivi. L’estrazione è stata portata a termine dalla Sogin. Il monolite era stato realizzato negli anni Sessanta. Al suo interno, suddivisi in quattro pozzi a sezione quadrata, c’erano, a 6,5 metri di profondità, fusti con rifiuti a media radioattività, inglobati in malta cementizia. Ogni singolo pozzo pesava circa 45 tonnellate. Ora i pozzi sono stati trasferiti in un deposito temporaneo in attesa del deposito nazionale il cui completamento è previsto per il 2025. L’operazione, avviata nel 2006, è costata 12 milioni per attività, acquisti di materiali esterni, contratti con i fornitori, personale. Emanuele Fontani, amministratore delegato di Sogin:«Tutte le volte che andiamo a toccare materiale nucleare non adeguatamente progettato per essere smantellato ci troviamo a sostenere costi veramente molto alti». La messa in sicurezza del sito di Rotondella costerà in tutto 220-230 milioni. A fine 2018 il volume dei rifiuti radioattivi (solidi e liquidi) presenti nel sito di Rotondella era di 3.214 metri cubi.

12- L’Everton darà ad Ancelotti 24 milioni lordi, distribuiti da adesso al 2024. L’obiettivo è portare la squadra di Liverpool, oggi sedicesima, tra le prime sette del campionato. «C’è una similitudine che quasi fa sorridere: Ancelotti passa dal cinema al teatro, il presidente del club di Liverpool Bill Kenwright è uomo di spettacolo, tra i più importanti produttori teatrali d’Inghilterra».
[CdS]

13- L’Atalanta di Giampiero Gasperini, in Champions, ha già guadagnato la cifra di 39,4 milioni di euro. Il Napoli, 58,6 milioni. La Juve, 79,1. Poco più di 55 milioni di euro i bianconeri se li erano garantiti ancor prima di giocare il girone.
[Forbes]

14- Dalle quattro e mezza del pomeriggio di lunedì scorso, e solo per qualche ora, il miliardario francese Bernard Arnault è stato l’uomo più ricco del mondo. Le azioni Lvmh hanno infatti raggiunto a Wall Street i 458,46 dollari, portando Arnault davanti a Jeff Bezos. Alla chiusura però – le nostre 22.00- le Amazon erano aumentate dello 0,7% e Bezos era di nuovo primo. Arnault ha chiuso la giornata con 109,3 miliardi di dollari di capitalizzazione, secondo la classifica del Real Time Billionaire. La capitalizzazione di Bezos risultava invece di 110,1 miliardi.
[Forbes]

15- La Regina Elisabetta è pronta a pagare uno stipendio di 45-50 mila sterline – più un 15% da versarsi a un fondo pensioni – a un social media manager capace di mettere in atto una strategia di comunicazione efficace con l’aiuto di un team di esperti ai suoi ordini. Si tratta di migliorare l’immagine digitale della famiglia reale. Orari: 37,5 ore settimanali, distribuite tra il lunedì e il venerdì. 33 giorni di ferie. Bisogna rispondere prima del 24 dicembre.

16- 6 miliardi di euro per 18mila assunzioni su 700mila beneficiari, due terzi delle quali arrivate in modo indipendente dall’iter. Nei primi 6 mesi del 2019 Il 53% dei controlli della Guardia di Finanza sulle prestazioni sociali ha riscontrato una frode. Dopo un anno il reddito di cittadinanza si è rivelato un costoso.

17- In 10 anni, abbiamo spedito 538mila lavoratori all’estero. Il 12% degli occupati è a rischio povertà. L’art. 1 della Costituzione recita: “L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro”. Dopo 60 anni non solo l’occupazione è bassa, ma i diritti e il benessere dei lavoratori non sono più una priorità del Paese.

18- Le 5 più grandi compagnie di petrolio e gas spendono 200 milioni di dollari l’anno per controllare, ritardare o bloccare qualsiasi accordo vincolante sul clima.

19- Ceausescu, il tiranno romeno, aveva istituito la polizia mestruale, incaricata di impedire alle puerpere di abortire.
[CdS]

20- Dei 4.279 agenti in servizio a Città del Messico, 2.453 risultano sovrappeso, e più di 800 sono considerati obesi. Premio di 50 dollari al mese in busta paga a chi si iscrive al programma Poliziotti in salute.
[BusinessInsider]

21- Sempre più gente si trasferisce a Milano, che infatti è in testa alla speciale classifica del Sole 24 Ore sulla qualità della vita con 587,6 punti. Il 30 settembre l’anagrafe comunale ha annunciato che la città ha raggiunto un milione e 400mila residenti. Un record di poco inferiore a quello raggiunto negli anni Settanta del miracolo economico. Il fortunato milionequattrocentomillesimo milanese, catanese di origine, si è aggiudicato un caffè con il sindaco Beppe Sala.
[Il Sole]

22- Altre province dove, secondo il Sole, si vive bene: Bolzano (prima in «Demografia e società»), Trento (prima in «Ambiente e servizi»), Aosta (prima in «Ricchezza e consumi»), Trieste (prima in «Cultura e tempo libero»). Nella classifica generale Roma guadagna tre punti e si piazza in 18esima posizione. La città dove si vive peggio è, per la quarta volta, Caltanissetta, già ultima nel 1995, nel 2000 e nel 2008. In generale tutte le peggiori province si trovano al Sud. Belluno, passata dal quarto posto al 51esimo, è quella che ha perso più posizioni. Da segnalare Oristano – 65esima in classifica ma prima in «Giustizia e sicurezza» – come provincia meno litigiosa d’Italia: le cause civili iscritte nel 2018 sono state solo 1.340 ogni 100mila abitanti, contro le circa 3.600 di Milano che, in fatto di sicurezza, veste la maglia nera: è 107esima, cioè ultima.
[ibid]

23- Finora, più di un milione di italiani si sono messi a letto con l’influenza. Lo dice l’ultimo bollettino Influnet dell’Istituto superiore di Sanità. Solo nell’ultima settimana si sono ammalati in 207.000, con un’incidenza pari a 3,43 casi per mille assistiti (fra i bambini al di sotto dei cinque anni 9 casi per mille assistiti). Piemonte, Lombardia, Trentino, Emilia-Romagna, Umbria e Marche sono le regioni dove il virus ha colpito di più. Il picco epidemico è atteso tra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio.

24- Con 16.349.586 dollari Rafael Nadal conquista il titolo di tennista più pagato dell’anno. Seguono Novak Djokovic con 13.372.355 dollari e Roger Federer con 8.716.975. In ottava posizione l’italiano Matteo Berrettini con 3.439.783 dollari (dati ATP Prize Money Leader).
[Money.it]

25- David Copperfield – che fu capace di attraversare la Grande Muraglia Cinese e di far sparire la Statua della Libertà – è per il quarto anno consecutivo il mago più pagato al mondo. In dodici mesi ha messo insieme 60 milioni di dollari grazie a 654 spettacoli. Possiede undici isole alle Bahamas e un patrimonio netto di 875 milioni di dollari.
[Forbes]

26- Jeff Bezos ha aumentato la prima paga degli addetti ai magazzini di Amazon Italia. Da gennaio i neo-assunti prenderanno 1.540 euro al mese, cento euro più di prima. Promesso aumenti proporzionati all’anzianità anche a chi in azienda lavora già. Si parla di 80 euro lordi per chi è assunto da un paio anni.
[Cds]

27- Italiani che hanno fatto tatuare il loro cane o il loro gatto: 30mila.
[Persiani, Giornale]

28- Siamo prossimi alla stagione dei divorzi, +25% a feste finite. Gli americani hanno battezzato il primo lunedì dopo capodanno “divorce day”.
[Libero]

29- L’Acqua granda di un mese fa è costata a San Marco 3 milioni di euro tra indagini, interventi urgenti di restauro, e interventi per limitare l’invasione di future acque alte. A questi vanno aggiunti 840mila euro per intervenire su una delle cupole dove i lavori erano già in corso e dove – a causa del forte vento della notte del 12 novembre – sono saltate alcune lastre di copertura.
[Dal Mas, Avvenire]

30- Gli occhiali da sole di John Lennon, quelli con la montatura dorata e le lenti tonde verdi, firmati da Oliver Goldsmith, sono stati battuti all’asta da Sotheby’s a Londra a quasi 165 mila euro. Oltre venti volte la stima iniziale, fissata tra i 7.000 e i 9.500 euro.
[Repubblica]

31- Il Cda di Atlantia ha sospeso la seconda rata dei 13 milioni di liquidazione che spettano all’ex ad Giovanni Castellucci. La sospensione, fanno sapere dall’azienda, avviene in via precauzionale «in relazione agli elementi emersi nell’indagine in corso, indipendentemente dalla rilevanza penale degli stessi». A pesare su questa decisione c’è il complessivo peggioramento della posizione dell’ex ad, indagato per le 43 vittime del Morandi. Per Castellucci la decisione è immotivata.
[La Stampa]

32- Il passaggio al Conte 2 ha fatto schizzare la presenza in tv del ministro dell’Economia Roberto Gualtieri. Lo dicono i dati dell’osservatorio MediaMonitor che ha confrontato la presenza dei politici sulle principali tv nazionali (Rai, Mediaset, La7, SkyTg24) fra gli ultimi 3 mesi di governo Conte 1 e i primi 3 del Conte 2. Oltre a Gualtieri, hanno guadagnato in visibilità il ministro della Salute Roberto Speranza (+113,8%) e il responsabile dei Beni culturali e del turismo Dario Franceschini: rispetto al Conte 1 ha guadagnato il 136,6%. Avanzano anche Giorgia Meloni (+58,8%) e Matteo Renzi (+9,7%). Il fondatore di Italia Viva ha fatto registrare un incremento delle presenze non solo per essere stato tra i protagonisti della formazione del governo Conte bis, ma anche perché «oggetto di indagini sulla sua Fondazione Open», fanno notare da Mediamonitor. Il cambio di governo ha tolto visibilità a Matteo Salvini (-27,9%) passato all’opposizione ma anche a Luigi Di Maio, già vicepremier e oggi ministro degli Esteri (-20,8%) e al segretario del Pd Nicola Zingaretti (-19%). Anche Giuseppe Conte appare meno: -15,4% rispetto a quando guidava l’esecutivo gialloverde.
[Cds]

Cose che non sono numeri

Sulla scia della banana da 120mila euro di Cattelan, la Tassoni ha messo sotto scotch una cedrata, Burger King Francia una patatina fritta, la Garnier la maschera per capelli Fructis (alla banana), l’agenzia funebre Taffo ha appiccicato al muro una cassa da morto, la Lego una banana di mattoncini, la Durex anziché il nastro adesivo ha usato una striscia argentata di condom allacciata intorno al frutto giallo perché «la banana va protetta, sempre».
[Cds]

 

di Nicola Dario

Print Friendly, PDF & Email