informareonline-diamo-i-numeri-nuova-immagine

Diamo i Numeri! – Dati e Notizie

Nicola Dario 26/03/2021
Updated 2021/03/26 at 10:01 PM
41 Minuti per la lettura

Il Qatar si è impegnato a modificare la sua legge sul lavoro: il salario minimo sarà aumentato del 33%, arriverà a mille rials quatariani al mese (230 euro), all’incirca un euro l’ora. Ai salariati dovrà essere concesso vitto e alloggio o, in alternativa, un’indennità mensile di 180 euro. «A beneficiarne saranno principalmente gli immigrati provenienti da India, Pakistan, Filippine, Bangladesh e Nepal, i lavoratori domestici e quelli dei cantieri per la realizzazione del piano di opere pubbliche lanciato dall’emirato per ospitare la Coppa del Mondo dal 21 novembre al 18 dicembre 2022» [ItaliaOggi].

Secondo una stima dell’Organizzazione internazionale del lavoro delle Nazioni Unite a beneficiarne saranno più di 400 mila lavoratori, il 20% del settore privato.

«In Alto Adige il caso di una bambina “no mask” è sbocciato in un braccio di ferro tra genitori con esposti incrociati. All’origine del caso c’è il ricorso contro l’uso della mascherina presentato al Tar dai genitori di una bambina che frequenta le elementari in provincia di Bolzano. Alla fine il presidente della Terza Sezione del Consiglio di Stato Franco Frattini ha sospeso, con un decreto monocratico, l’obbligo che indossi la mascherina, motivandolo con difficoltà respiratorie. La decisione ha mobilitato i genitori dei compagni di classe» [CdS].

Intel ha annunciato un radicale cambio di strategia imprenditoriale, la società californiana investirà 20 miliardi di dollari nella costruzione di due nuovi grandi stabilimenti in Arizona. L’obiettivo è produrre quanto più possibile internamente e negli Stati Uniti. In più, il primo produttore mondiale di chip per i computer intende dotarsi di una capacità industriale aggiuntiva, in modo da poter essere conto terzista. Il titolo ha guadagnato il 7% nel dopo borsa.

Debiti

Nel 2021 il rapporto debito pubblico/pil potrebbe arrivare al 160%, superando il record raggiunto dopo la prima guerra mondiale (158%) [Cottarelli, Rep].

Africa Asia

I cinesi mantengono una task force navale permanente davanti a Aden per evitare che le loro navi finiscano in mano ai pirati [Giornale].

Da gennaio a giugno 2020 gli atti di pirateria in Asia sono raddoppiati. Assalti alle navi: 50, di cui 16 solo nello stretto di Singapore. Di lì passa l’80% del petrolio importato da Cina e Giappone. Brandon Prins, dell’Università del Tennessee: «Spesso i pirati sono solo pescatori che vogliono far soldi in fretta. La pirateria è una rapina a mano armata in acque internazionali. Si tratta prevalentemente di piccoli gruppetti, tra le tre e le otto persone, che salgono a bordo armati di coltelli e pistole per rubare qualcosa in fretta: metalli di scarto, pezzi di ricambio per motori, radio di bordo e effetti personali dell’equipaggio. Sono crimini che nel 2020 risultano addirittura più frequenti soprattutto per effetto della crisi economica innescata dalla pandemia e dal lockdown. La crisi fa sì che ci siano meno marinai a bordo, meno equipaggio, meno personale di sicurezza e quindi più opportunità per i pirati» [Pizzati, Sta].

Clamorosi

Per l’Associazione nazionale avvocati divorzisti le richieste di separazione sarebbero aumentate del 50% rispetto al 2019 [Mess].La probabilità di trovare una targa automobilistica palindroma è dello 0,02066% [Alle cinque della sera].A Milano i falchi pellegrini nidificano sul Pirellone [Giornale].Nel cervello di un uomo deprivato di qualunque contatto umano, fisico o virtuale, si attiva la stessa area coinvolta nella fame [Specchio]. Ogni notte a Berlino un’automobile viene data alle fiamme dagli ecologisti

Dantedì

Il famoso incontro tra Dante e Beatrice a Firenze nel 1283. Lui ha 18 anni, è un adolescente pieno di desideri insoddisfatti, lei 17 ed è sposata al cavaliere Simone de’ Bardi, gira per strada in compagnia di gentildonne più anziane. Lui cerca di non farsi vedere, ma lei incrocia il suo sguardo e lo saluta, mandandolo al settimo cielo («tanto che mi parve allora vedere tutti li termini delle beatitudini»). È la prima volta che sente la sua voce. A questo punto, Dante torna a casa e si chiude in camera sua. La notte la sogna nuda [Barbero, Dante, Laterza, 2020].

Dante scrive tutto in un sonetto, A ciascun’alma presa, e lo manda, anonimo, ai suoi amici. È un gioco di cui tutti conoscono le regole: ricevere un sonetto è una sfida, e bisogna rispondere. Un altro Dante, Dante da Maiano, gli consiglia di sciacquarsi i testicoli in acqua fredda («che lavi la tua coglia largamente, / a ciò che stinga e passi lo vapore»).

Accuse rivolte a Dante nel processo contro di lui istruito, in puro spirito accademico, nel 1966 ad Arezzo: corruzione, speculazione edilizia, trame con la massoneria, compravendita di magistrati, di avversari politici, abuso d’ufficio, distrazione di denaro pubblico, estorsione, pedofilia. Il giudice era Giovanni Leone, futuro presidente della Repubblica. Sentenza: assolto, un po’ per mancanza di prove, un po’ perché, essendosi l’imputato buttato in politica, c’era il sospetto di accanimento giudiziario [Feltri, Sta].

«Malacoda, Scarmiglione, Alichino, Calcabrina, Cagnazzo, Libicocco, Draghignazzo, Ciriatto sannuto, Graffiacane, Farfarello, Rubicante pazzo… Sono nomi da commedia dell’arte. Il diavolo può essere affascinante come Mefistofele, terrificante come quello dell’Esorcista, oppure buffo. I diavoli di Dante sono così: grotteschi. Il male autentico è nell’uomo. E l’Inferno può essere dentro di noi» [7]

Gemma

Alla moglie, Dante non dedicò mai nemmeno un verso [Infante, Focus].

Altre cose  dantesche

I discendenti di Dante vivono nel Veronese e producono Valpolicella;  ai tempi di Dante ricorrere alle armi, aggredire, ferire e anche ammazzare la gente per la strada poteva accadere anche ai cittadini più autorevoli; Dante nel De vulgari eloquentia definisce il romanesco tristiloquium, lingua squallida; le parolacce scritte nella Divina Commedia sono sterco, merda, merdose, puttana, cul, fiche, vacca e vagina; oggi papa Francesco pubblicherà una lettera apostolica intitolata Candor Lucis aeternae, dedicata a Dante; sia De Gasperi sia Togliatti adoravano Dante; Dante a scuola si annoiava e concluse che il modo migliore per imparare le cose è leggere libri per conto proprio.

Amori

Una blogger chiamata Tasha K. ha scoperto che Derrick Jaxn, 31 anni, americano di Atlanta, nero, considerato nei paesi anglosassoni il guru delle relazioni di coppia, 3,7 milioni di seguaci su Facebook, 1,3 milioni su Instagram, sette libri pubblicati e 750mila iscritti al suo canale Youtube, tradiva la moglie. Nonostante Jaxn predicasse il rispetto per le donne e consigliasse di rimanere sempre fedeli, non appena la moglie e i figli andavano in Colorado a visitare i genitori di lei, lui si incontrava con l’amante, tale Candice De Medeiros. Sono venute fuori una foto dei fedifraghi in vacanza a Miami e persino nel letto nuziale.

Jaxn aveva messo in commercio un gioco di carte per aiutare uomini e donne a rispettarsi gli uni con le altre sin dal primo appuntamento.

«Viviamo in una società dove tutti gli step evolutivi si sono spostati più in avanti. Anni fa, una cinquantenne veniva considerata “vecchia” perché non più fertile e, complici i pregiudizi sulla menopausa, si pensava che arrivare a questa età significasse anche raggiungere la pace dei sensi. Oggi, invece, sappiamo che a 50 anni una donna è nel pieno della comprensione e realizzazione di sé anche da un punto di vista sessuale».

Dottoressa cosa implica aprirsi all’amore dopo aver percorso già tanta strada, nella vita?

«Darsi una direzione diversa. Vivere un amore dopo i 45, 50, 55 anni, è un’esperienza rinvigorente, un elisir di benessere che allontana la percezione della vecchiaia. Sentirsi coinvolte, appagate dall’incontro con qualcuno, specie se inaspettato, è un dono che negli anni della maturità si riesce ad assaporare in un modo più pieno e consapevole»

[Maria Claudia Biscione, psicoterapeuta e sessuologa, Rep].

Buste paga

Papa Francesco ha firmato una lettera apostolica in forma di Motu Proprio in cui dispone il taglio degli stipendi a cardinali e superiori. Un taglio per «salvaguardare gli attuali posti di lavoro» in Vaticano, considerato «il disavanzo che da diversi anni caratterizza la gestione economica della Santa Sede» e «l’aggravamento di tale situazione a seguito dell’emergenza sanitaria determinata dalla diffusione del Covid19, che ha inciso negativamente su tutte le fonti di ricavo della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano». Ricorda Gian Guido Vecchi sul CdS che «tra Santa Sede e Governatorato lavorano poco meno di cinquemila persone, in gran parte laici. Così, a tempo indeterminato e “a decorrere dal 1° aprile 2021”, gli stipendi dei cardinali saranno ridotti del 10 per cento, quelli dei capi e dei segretari dei dicasteri dell’8 per cento e quelli di chierici e religiosi del 3 per cento. Le retribuzioni dipendono da ruolo e anzianità, ma indicativamente, ad esempio, gli stipendi più alti, quelli di porporati e arcivescovi, superano i tremila euro e non arrivano a cinquemila. Tutti i dipendenti avranno bloccato lo scatto di anzianità fino al 2023, eccetto i dipendenti laici dal primo al terzo livello».

Il tesoro della famiglia di Patricia Mountbatten (1924-2017), seconda contessa di Birmania, figlia maggiore di Louis Mountbatten, ultimo viceré dell’impero anglo-indiano, madrina del principe Carlo d’Inghilterra e cugina del marito della regina Elisabetta, il principe Filippo, è andato all’asta mercoledì da Sotheby’s a Londra. Si tratta di 400 beni preziosi tra arredi, gioielli, cineserie, quadri, suppellettili, orologi. Valutazione complessiva: un miliardo e mezzo di sterline.

Faceva parte della collezione anche un raro robot giocattolo Radicon, in latta, a batteria, del 1958, di provenienza giapponese.

«Just Eat è pronta non solo ad assumere i rider come dipendenti, ma anche ad applicare il contratto nazionale della logistica: 9 euro di compenso orario di base (anziché i 7,5 euro promessi) più ferie, malattia e indennità varie. Una rivoluzione che Cgil, Cisl e Uil si augurano possa fare da apripista per tutti i 30 mila ciclofattorini italiani» [Rep].

«A Cavour, nel centro del paese e situata ai piedi del parco naturale Rocca di Cavour, affascinante villa storica appartenuta all’onorevole Giovanni Giolitti, nella quale lo statista amava trascorrere i mesi estivi». Così l’annuncio di vendita di Sotheby’s Italia, che presenta la residenza nel torinese appartenuta a Giolitti, ora di proprietà degli eredi, in vendita a partire da 680 mila euro.

Il completo indossato da David Bowie per una serata al The Blitz Club di Londra sarà messo all’asta oggi. Si parte da 15 mila sterline [Fatto].

Il Tribunale di Belluno ha respinto le richieste di due infermieri e otto operatori sociosanitari, tutti dipendenti di due case di riposo del Bellunese, i quali, avendo rifiutato il vaccino, erano stati prima messi in ferie forzate, poi sospesi dal lavoro. Il giudice ha deciso che, pur non essendo stati licenziati e pur potendo tornare a lavorare quando la pandemia sarà passata, non hanno diritto allo stipendio.

Il dipinto di Banksy intitolato Game Changer, apparso per la prima volta il 6 maggio 2020 su uno dei muri del Southampton General Hospital, è stato battuto da Christie’s per 16,75 milioni di sterline (19,4 milioni di euro), contro i 2,5 della base di partenza. È un record per un’opera di Banksy. Il dipinto raffigura un bimbo che disdegna Batman e Spiderman, gettati in un bidone, per giocare con un’infermiera mascherata, in uniforme della Croce Rossa, che vola in soccorso dei malati. I soldi raccolti con l’asta saranno devoluti al servizio sanitario pubblico britannico.

Un gruppo di biglietti autografi di Lady D, scritti tra il 1990 e il 1997 e indirizzati a un amico di famiglia, sono stati messi all’asta nel Regno Unito e venduti per un totale di 82 mila sterline. La maggior parte del fondo è stato acquistato da un anonimo collezionista di oggetti appartenuti alla principessa. I proventi della vendita saranno suddivisi tra quattro istituzioni patrocinati da Diana: l’English National Ballet, Opera Rara, la Young Musicians Symphony Orchestra e il Benesh International Endowment Fund.

«Tra i biglietti – con il monogramma sormontato dalla coroncina, bordati in rosso carminio e provenienti da Kensington Palace – ce n’era uno in cui Lady D parlava della regina come del “boss”: Diana ringraziava l’amico per averla portata fuori a colazione ma si augurava di non averlo fatto tardare all’abbazia di Westminster e fatto arrivare più tardi del “capo”, la regina Elisabetta I. “Nel caso – aggiungeva – spero tu mi abbia menzionata nelle scuse”. In un altro cartoncino, lo ringraziava per averlo portata a pranzo fuori, “una distrazione molto gradita”, nelle settimane precedenti al suo divorzio dal principe Carlo» [Agi].

Nell’ultimo anno, in borsa, le aziende che si occupano di cibo a domicilio hanno guadagnato tantissimo: Hellofresh è salita di oltre il 150%, Delivery Hero del 70%, Just Eat Takeaway del +6%. Nel prossimo trimestre è prevista la quotazione anche di Deliveroo [Sta].

L’Accademia di Belle Arti di Amburgo ha inventato le borse di studio per non fare nulla. Tre donne, vincitrici di un bando, percepiranno 1.600 euro una tantum per non lavorareIn cambio dovranno produrre un rapporto sull’attività (o inattività svolta). Nel giro di tre mesi, sono arrivate 2.900 domande da 70 Paesi diversi. I candidati hanno dovuto rispondere alle domande di un questionario: «Cos’è che non volete fare? Per quanto tempo volete non farlo? Perché per voi è importante non fare proprio questo?». Ha spiegato Friedrich von Borries, architetto e insegnante di Teoria del design, ideatore dell’esperimento: «Non è uno scherzo, ma un esperimento per capovolgere una società strutturata intorno alle conquiste e ai risultati. Scardinando il meccanismo del lavoro quotidiano, si può invece immaginare una società che consuma meno energia, anche quella umana» [Mosseri, Giornale].

Le tre vincitrici: Hilistina Banze, 31 anni, pedagoga, assistente sociale, consulente per l’integrazione della città di Amburgo, che per una settimana non indosserà il velo islamico che di solito porta sul capo; Mia Hofner, 26 anni, studentessa di design a Colonia, che ha promesso di non usare computer e cellulare per due settimane; Kimberley Vehoff, 22 anni, specialista di tecnologia alimentare, che lavora su turni sei giorni a settimana e vorrebbe dedicare più tempo ai suoi cari.

Un disegno inedito di Gian Lorenzo Bernini (1598-1680) è stato venduto al prezzo record di 1,9 milioni di euro nel corso di un’asta online della casa francese Actéon [CdS].

La nave che blocca il Canale di Suez

«La Ever Given, una nave cargo lunga quattrocento metri e pesante 220mila tonnellate, si è incagliata ieri nel Canale di Suez bloccando per ore la circolazione in entrambe le direzioni» [Mess].

Si tratta di una delle navi portacontainer più grandi al mondo. Entrata nel canale dall’imbocco di Suez, nel mar Rosso, la nave ha percorso sei miglia marine (il canale è lungo complessivamente 120 miglia) per poi arenarsi, causando un enorme ingorgo alle due estremità dell’arteria commerciale. Non era mai accaduto niente del genere in 150 anni.

«La Evergreen, la società di Taiwan che gestisce la nave, non ha dato ancora una versione definitiva dell’incidente, ma una prima ricostruzione possibile parla di un blackout elettrico a bordo che avrebbe messo la nave in condizione di non manovrare: i venti forti che spirano in queste ore nell’area del Canale hanno messo il cargo di traverso, con la prua incastrata nella sabbia dalla parte orientale del canale, e la poppa arenata sulla riva occidentale. I meteorologi egiziani hanno confermato che l’area del Canale è stata colpita da una tempesta di sabbia, con venti che hanno raggiunto i 50 chilometri l’ora» [Rep].

Da subito sul posto sono stati inviati diversi rimorchiatori con il compito di far girare la Ever Given e permetterle di riprendere il suo corso, ma finora ogni tentativo è stato vano. Ci sono anche degli escavatori che stanno cercando di rimuovere la sabbia in cui si è incagliata la prua della nave.

La gigantesca nave container trasporta pecore, stipate all’interno di colorati container ammassati lungo i suoi 400 metri di lunghezza e 59 di larghezza, gli uni sopra gli altri. Aveva imbarcato le pecore in Cina e le deve scaricare a Rotterdam il 31 marzo.

«Mediamente, ogni anno per Suez passa il 12% del commercio mondiale (in termini di volume): l’anno scorso si è trattato di 18.829 navi con 1,17 miliardi di tonnellate di merci a bordo» [CdS].

Nel primo pomeriggio di ieri la circolazione è ripresa sulla parte storica della linea d’acqua, non ancora sul secondo ramo, più largo, inaugurato nel 2015.

«Il danno al canale che collega il Mar Mediterraneo al Mar Rosso, e quindi all’Oceano Indiano, da cui transito oltre il 10% del petrolio e del gas naturale liquefatto trasportato via mare, soprattutto dal Golfo Persico all’Europa, è già ingente. Se si trattasse veramente di giorni, i mercati di diverse materie prime ne risentirebbero. Basti pensare che in poche ore 10 milioni di barili di greggio sono rimasti ad aspettare sulle loro petroliere costrette all’ancoraggio in entrambe le direzioni. Inaugurato nel 1869, dal Canale di Suez non transitano solo petrolio e prodotti raffinati. Ma moltissime merci, esportate ed importate dall’Europa» [Sole].

«L’interruzione della navigazione causerà ritardi e congestione del traffico navale per almeno altri tre giorni. L’incidente ha causato un rimbalzo dei prezzi dell’oro nero sui mercati internazionali: le quotazioni del petrolio al Wti, dopo il forte calo di martedì, sono risalite, portando il barile a 60,87 dollari, in rialzo del 5,38% alle precedenti quotazioni» [Mess].

«I vaccini non sono l’unico bene di prima necessità che manca oggi all’Europa. La pandemia ha mandato in tilt il traffico merci mondiale. Il blocco del Canale di Suez ha complicato la situazione. E l’elenco delle materie prime introvabili (e carissime) nel Vecchio continente è sempre più lungo: non ci sono polimeri per fare la plastica. I chip per far funzionare auto e telefonini sono più rari dei leopardi delle nevi. L’Ance, l’associazione dei costruttori edili italiani, minaccia di fermare i cantieri per carenza di pvc, acciaio e rame. Manca il legno per fare i pallet, i produttori di divani pugliesi sono a corto di materiale per le imbottiture. La carta da macero per fare tazzine per il caffè da asporto è introvabile e cara come il fuoco. E l’ultimo inquietante allarme arriva dal Sud America: non ci sono più container disponibili per la spedizione di polpa di legno verso l’Europa, con il rischio che il vecchio continente si trovi senza le scorte necessarie per produrre carta igienica» [Livini, Rep].

La Evergreen è così grande che occuperebbe da sola tutta Piazza San Pietro e gran parte di via della Conciliazione.

La marcia indietro della Merkel

Ieri mattina Angela Merkel ha convocato la stampa per dire che il lockdown dal 1° al 5 aprile, deciso con i governatori dei Laender appena due giorni fa, non ci sarà: «Chiedo scusa ai cittadini, il “riposo di Pasqua” è stato un errore, c’erano buoni motivi per deciderlo, ma in così breve tempo non era realizzabile. Per dirlo con parole chiare: è un errore mio, unicamente mio». Spiega Tonia Mastrobuoni su Rep: «La cancelliera ha citato ragioni legali per giustificare la clamorosa marcia indietro. Troppo complicato inserire due giorni di riposo nello “Shutdown di Pasqua” come è stato chiamato, insomma era poco chiaro per i datori di lavoro se andassero considerati come giorni di festa. Ma è chiaro che pesa un clima che sta diventando sempre più plumbeo: il paese è sfinito dopo quattro mesi di negozi e ristoranti, di teatri e stadi ininterrottamente chiusi, ed è scosso dallo “scandalo delle mascherine” che travolto la Cdu e ha lambito negli ultimi giorni persino il ministro della Salute Jens Spahn. Inoltre pesano i ritmi lenti delle vaccinazioni: neanche otto milioni di tedeschi hanno ricevuto la prima puntura (il 9,5%), appena 3,5 milioni (il 4,2%) il richiamo».

«La marcia indietro della Merkel è figlia di incertezze, divisioni (con gli Stati) ma anche di consapevolezza. I partiti di opposizione fiutano la preda e chiedono un voto di sfiducia, ma in Germania esiste il meccanismo della sfiducia costruttiva che impedisce crisi al buio» [Sole].

Quote rosa

«Senatore Andrea Marcucci, dica la verità, rimpiange di non essere nato donna?» [CdS].

Furbetti

«Va bene, lo capisco: io son famoso e loro no, io son ricco e loro no, io son caruccio e loro no, io ce l’ho fatta e loro no. La capisco, l’invidia: anch’io mi starei profondamente sui coglioni, se non fossi Andrea Scanzi» [, Linkiesta].

Telequiz

Martina Crocchia, 39 anni, fisico da pin-up, vari interventi di chirurgia estetica, diplomata con 88 al classico, poi Scienze della comunicazione, una scuola di danza con la pertica chiusa per via del Covid, da un mese è campionessa dell’Eredità su Rai 1. Ha vinto più di 150 mila euro, avrebbe potuto vincerne altri 115 mila se al gioco finale, «la ghigliottina», avesse risposto «capelli» invece di «capello» [Fatto].

Luna Park

«Ho un’idea semplice come l’acqua: un parco tematico, sul modello di Disneyland, a Firenze, o comunque in Toscana, che riproduca nel sottosuolo l’Inferno immaginato da Dante nella Divina Commedia. I visitatori potrebbero ripercorrere i gironi e così incontrare, attraverso le scenografie e le riproduzioni, l’intero racconto della perduta gente così come è descritto nella prima Cantica. Pensi: i lussuriosi, gli iracondi, gli omicidi, i traditori, quindi Caronte, i flagelli, le vampe, Malebolge e, infine, Lucifero. Sarebbe anche un’opera di ingegneria cui verrebbe a concorrere il genio italico dell’arte e, ovviamente, la poesia. Alla Pandemia, insomma, non si può che rispondere col Pandemonio. Avremmo il mondo intero col biglietto in mano per poter visitare l’Inferno. Sarebbero soldi, successo e — ebbene sì — sesso. La migliore delle formule commerciali» [Buttafuoco, lettera a Cazzullo, CdS].

Risposta di Cazzullo: «Lei è il solito malandrino».

Una commissione d’inchiesta per Davide Rossi

È stata istituita una commissione parlamentare d’inchiesta sulla morte di Davide Rossi, il dirigente del Monte dei Paschi di Siena volato giù dalla finestra del suo ufficio il 6 marzo 2013. Le Iene, che da anni si occupano della vicenda, dicono: «Il testimone che abbiamo sentito sui festini hot è stato giudicato attendibile dal gip di Genova». Il fascicolo sulla morte di Rossi è stato archiviato già per due volte dalla procura di Siena.

Pedofilia, il papa arruola una delle vittime

«Il Papa ha nominato nella Commissione pontificia per la tutela dei minori Juan Carlos Cruz, una delle vittime che denunciò, attaccato dai vescovi, i crimini del prete pedofilo Karadima in Cile. “È un riconoscimento per tante vittime, ringrazio il Papa”, dice: “Rinnova il mio impegno contro il flagello degli abusi, per tanti che ancora non hanno giustizia”» [CdS].

Robinhood si quota in borsa

«Dopo avere sfidato l’establishment di Wall Street, presentandosi come l’outsider per eccellenza, Robinhood finisce per quotarsi anche lei a Wall Street. Ieri ha completato le procedure per la sua prima introduzione sul listino, e le valutazioni sono generose: si stima che potrà valere dai 12 ai 20 miliardi di dollari. Eppure sembrava quasi sull’orlo del default, nelle settimane frenetiche in cui la sua notorietà salì alle stelle. Fu a gennaio che Robinhood balzò all’attenzione dei media e del Congresso. Questa app che facilita le transazioni in Borsa, con zero commissioni, è nata a Menlo Park nella Silicon Valley californiana otto anni fa, ma è dall’anno scorso che ha conosciuto un boom negli affari. Si dice che fosse dovuto a tre fattori congiunti: la bolla speculativa dei titoli tecnologici, l’afflusso di denaro nelle tasche di tanti americani grazie alle manovre anti-recessione e il tempo libero per i giovani segregati in casa a fare smart working durante i lockdown» [Rep].

Comprare una Tesla con Bitcoin

Da ieri negli Stati Uniti è possibile pagare una Tesla in Bitcoin. L’ha annunciato Elon Musk, fondatore della società automobilistica full electric, che a febbraio aveva acquistato Bitcoin per un valore nominale di un miliardo e mezzo di dollari: «I Bitcoin pagati per una Tesla non saranno convertiti in moneta». Al momento un Bitcoin viene scambiato a 56 mila dollari, questo vuol dire che per poter avere una Tesla in garage ne serviranno almeno uno e mezzo o due.

Pennuti

Il carro armato dell’esercito che, durante un’esercitazione di tiro, ha sbagliato mira centrando un allevamento di galline a Vivaro (Pordenone), a due passi dal torrente Cellina. «Al di là del cordoglio per i poveri pennuti, la notizia è girata molto e ha già prodotto meme di un certo livello. Come la finta pagina Wikipedia dedicata alla storica “Battaglia del Cellina”. Schieramenti: “Italia” contro “Pollame”. Comandanti: “Col. Alessio Bacco” (il responsabile del reggimento che ha bombardato il pollaio) contro “Rosita” (una delle coraggiose galline perite nell’operazione). Effettivi: “Reggimento Genova Cavalleria (4 carri armati”) contro “24 galline”» [Rodano, Fatto].

Amuleti

Ugur Sahin, lo scienziato di origine turca che, assieme alla moglie Özlem Türeci, ha fondato la Biontech (l’azienda tedesca che assieme alla Pfizer, ha sviluppato il metodo sperimentale dei vaccini mRna), porta sempre con sé un amuleto: «In turco si chiama Nazar Boncuk. È un occhio che protegge dagli sguardi maligni» [Mathias Döpfner, Welt am Sonntag].

Killer

«Dunque: Biden è un noto gaffeur. In America si sa da tempo, noi lo stiamo conoscendo adesso. Bravissimo, generoso, però con un’esposizione alla parola in libertà fuori dal comune. C’è da dire anche che stava rispondendo a una domanda, quindi un po’ è stato aiutato a scivolare nella contumelia e poi c’è da aggiungere che evidentemente qualche sassolino nella scarpa voleva toglierselo davvero. Detto ciò, è assolutamente certo che gli Stati Uniti hanno bisogno in questo momento della Russia per tenere alto e vincente il confronto con la Cina, il cui tratto egemonico impensierisce, e tanto» [Sergio Romano, Fatto].

Coppini

«Quelli che pensano la prima polmonite della storia dell’uomo sia adesso, che tutto sia iniziato quando si sono aperti un account su Facebook, che quello sia l’inizio della storia (la Storia maiuscola), che nulla sia accaduto più addietro dell’anniversario che ti rammenta Zuckerberg, otto anni fa postavi un cappuccino e prima di allora il nulla. Quelli che dicono che è normale avere problemi di “salute mentale” (il modo in cui i parlanti doppiaggese chiamano quel che in italiano si chiama “equilibrio psichico”), e che bisogna essere sociopatici per non crollare quando non puoi fare il pranzo di Natale, l’aperitivo con gli amici, il circuito per i glutei in palestra. Quelli che nessuno ha mai preso a coppini» [Linkiesta].

Raggi senza più maggioranza

Le elezioni a Roma sono state rinviate in autunno, ma a pochi mesi dalla fine del mandato, Virginia Raggi rischia di trovarsi senza maggioranza. Questa mattina, con una lettera di due pagine, la consigliera Gemma Guerrini ha lasciato il M5s per passare al gruppo Misto («Non supporterò nessuna forza politica che sosterrà la candidatura dell’attuale sindaca alle prossime elezioni», ha spiegato). Si tratta della quinta defezione da quando, nel luglio 2014, la truppa grillina entrò entusiasta in Campidoglio. Allora erano 29 consiglieri, sufficienti anche in caso di assenze, a garantire la maggioranza. Adesso ne rimangono solo 24. Ora, dato che nell’Assemblea capitolina siedono 48 consiglieri, e per la maggioranza ne servono 25, il voto del sindaco sarà determinante.

«Dei 24 reduci a 5 stelle ben sei non prendono più ordini dalla prima cittadina. Uno è il presidente dell’Assemblea capitolina Marcello De Vito che dal suo ritorno in aula dopo l’arresto per la vicenda stadio preferisce non votare quasi nulla e quando lo fa finisce con il litigare con il resto della maggioranza. Ci sono poi i cinque consiglieri della fronda interna – Enrico Stefàno, Angelo Sturni, Donatella Iorio, Alessandra Agnello e Marco Terranova – che lunedì facevano sapere che decideranno se e come votare atto per atto. In pratica nessun provvedimento varato dalla giunta potrà passare senza il loro assenso. La situazione per Virginia Raggi si fa davvero complicata» [De Rosa, Foglio].

Trieste

Una giovanissima nipote dello stilista Ottavio Missoni, visto un corteo politico con tante bandiere, chiese al nonno di esporne anche lui una alla finestra. «Sì, aveva risposto il nonno, ma il Jolly Rogers – la bandiera nera dei pirati col teschio» [CdS].

Tortuga

«L’isola francese della Tortuga (La Tortue) era per intero un covo di fuorilegge del mare, non solo con bordelli e osterie, ma anche con una Chiesa cattolica ben impiantata e con un governatore, nominato da Luigi XIV, che riceveva una quota dei bottini e, trattenuta la propria parte, spediva le eccedenze a Versailles» [Sole].

Hollywood

La parrucca con dread intessuti di fili di perline indossata da Johnny Depp nella saga dei Pirati dei Caraibi è stata messa all’asta a novembre 2020. Valore stimato: tra i 7 e i 9 mila euro [Mess].

Spazio

Sabato gli scienziati dell’Istituto nazionale di astrofisica hanno annunciato che un piccolo meteorite – una roccia scura color antracite, otto centimetri di diametro, almeno un chilo di peso – sarebbe caduto lunedì scorso in Molise, precisamente in località Temennotte, 250 abitanti, nel territorio del comune di Sant’Agapito, in provincia di Isernia. Ancora non si sa se la roccia si sia disintegrata al contatto con il terreno. Da oggi partiranno le ricerche, alle quali parteciperà anche il Cai. Il sindaco ha dichiarato: «In termini di turismo, per noi è una manna dal cielo» [Arnaldi, Mess].

Artico

«Le previsioni degli scienziati indicano però che, a questo ritmo, entro il 2050 nei mesi estivi non ci sarà più ghiaccio nell’Artico. Ciò significherebbe che il commercio dall’estremo oriente verso l’Europa potrebbe risparmiare oltre 4 mila chilometri di viaggio navale, non avendo bisogno di seguire le rotte attuali che passano attraverso il Canale di Panama. Sono prospettive che ringalluzziscono Pechino che, pur non potendo vantare diritti diretti sull’Artico, come i Paesi che vi si affacciano (Usa, Canada, Russia, Norvegia, Svezia, Finlandia, oltre alla danese Groenlandia), si è comunque definita “vicina all’Artico” e per questo rivendica il diritto di navigarvi» [Guaita, Mess].

Competenza

Nel 1991 Enrico Letta, 26 anni, divenne presidente dei giovani democristiani europei. «Racconta un testimone che per la Dc fu una scelta obbligata: era l’unico che sapeva le lingue» [Meletti, Domani].

Cose turche

In meno di due anni la Turchia ha cambiato già tre governatori della Banca centrale. Naci Agbal, ex deputato, ex ministro delle Finanze, in carica dal 7 novembre, per contrastare l’inflazione tornata al 16% e frenare la caduta della lira turca, ha portato il costo del credito dal 17 al 19%, ed è stato licenziato da Erdogan. Il nuovo governatore, Sahap Kavcioglu, ha promesso che terrà bassi sia l’inflazione sia il costo del denaro, cosa inaudita nella teoria economica classica [Sorrentino, Sole].

Altre cose

Abbiamo anche appreso: che il britannico Daily Star ha smesso di pubblicare ragazze in topless a pagina 3 nel 2019 (ci sono ancora ragazze ma non in topless); che Guido Maria Brera fa volontariato con la Comunità di Sant’Egidio; che un lettore del Fatto ha scritto a Luca Mercalli per dirgli che i suoi articoli sono «pornoclimatologia» (risposta: «io spero ancora che siano prevenzione»); che tra le tartarughe non comanda la più grossa ma quella con il carattere più spigliato; che domenica prossima Rai Storia manderà in onda, dalle 14 alle 24, dieci ore puntate di Alto Gradimento di Renzo Arbore, commentate da lui stesso; che Donato Carrisi, tre milioni di thriller venduti, è terrorizzato dalle bambole; che per la prima volta la Zecca Reale inglese ha coniato una moneta commemorativa in cui Britannia, la personificazione della Gran Bretagna, è una donna nera.

Londra

di Francesco Olivo

Corriere della Sera

Adesso Boris Johnson fa il verso a Gordon Gekko: «Greed is good», l’avidità è buona, proclamava l’indimenticabile protagonista di Wall Street, il film di Oliver Stone. E adesso l’ineffabile Boris annuncia che il successo della campagna di vaccinazione in Gran Bretagna «è dovuto al capitalismo, è dovuto all’avidità, amici miei». Apriti cielo: sono parole arrivate come benzina sul fuoco della contesa con l’Unione europea sull’esportazione dei vaccini. E infatti lo stesso Boris, che parlava martedì sera durante una riunione riservata con i deputati conservatori, si è accorto di averla sparata grossa: «Mi dispiace di averlo detto», ha aggiunto subito dopo, chiedendo agli astanti di «cancellare dalla memoria» quelle parole. Ma ormai il danno era fatto: anche se i testimoni chiariscono che Johnson non si stava riferendo alla disputa con l’Europa, ma al fatto che lo sforzo dei giganti farmaceutici, che ha portato alla realizzazione dei vaccini, era motivato dalla ricerca del profitto per gli azionisti. Ancora una volta, però, Boris non è riuscito a trattenere la boria. E pensare che ieri i giornali inglesi lodavano lo stile austero, misurato e contrito con cui aveva condotto la conferenza stampa che ha marcato un anno dall’inizio del primo lockdown: Boris ha ammesso i molti errori compiuti e ha confessato che quella esperienza lo accompagnerà per tutta la sua vita. Ma poi gli è scappata la mano, come è nel suo stile tradizionale. E la sua gaffe non è stata accolta bene a Bruxelles, dove in quelle ore stavano decidendo un eventuale blocco delle esportazioni verso la Gran Bretagna. Alla fine di Wall Street, Gordon Gekko finisce acciuffato per le sue malefatte: e anche Boris rischia di pagarla cara.

di Nicola Dario

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *