Diamo i numeri! – Dati e Notizie

informareonline-diamo-i-numeri-2

«Alla Jabil di Marcianise (Caserta) non si produce tutti i giorni, tra ammortizzatori sociali reiterati e frenate della manifattura. La fabbrica, che sforna schede elettroniche, è di proprietà di un gruppo americano: 120 stabilimenti, 200 mila dipendenti in giro per il mondo e tre centri di ricerca, uno negli Usa, uno in Spagna e uno proprio qui in Italia. Un gigante che rifornisce i maggiori marchi globali hi-tech. Eppure per 350 operai sui 700 impiegati a Marcianise incombe la disoccupazione. L’azienda, nel classico percorso “mordi e fuggi” delle multinazionali, ha trasferito produzione in altri impianti (“in quelli ungherese e polacco hanno addirittura surplus di ordini, non riescono a trovare personale”, dice l’operaio Michele Madonna che è anche nella Rsu per la Fiom), ha dichiarato i 350 esuberi in Italia e ha già avviato le procedure del licenziamento collettivo che scatterà a marzo».
[La Repubblica].

Acrilico

Il 95% dei maglioni di Natale comprati per le strade di Londra e online sono fatti con materiali plastici, il 44% solo con acrilico. Ad ogni lavaggio l’acrilico rilascia quasi 730.000 microfibre, molto più delle miscele di poliestere o poliestere-cotone.
[Business Insider].
Querele

Ogni anno, in Italia, piovono sui giornalisti più di 9 mila querele. Di queste, oltre 6 mila vengono archiviate subito. Poco più di 200 sono le condanne.
[Il Fatto].

Assoluzioni

La richiesta di danni per 20 milioni di euro da parte della Fiat al giornalista Corrado Formigli, reo di aver confrontato, in un servizio per Annozero del 2 dicembre 2010, l’Alfa Romeo Mito con una Mini Cooper e una Citroën Ds. Dopo otto anni di processo, una condanna a 5 milioni in primo grado per danni d’immagine e patrimoniali, e due assoluzioni, la Cassazione obbligò la Fiat a pagare le spese legali. Motivazione: «Il comportamento tenuto dal giornalista Formigli è del tutto lecito. La Fiat deve sopportare il giudizio non solo del consumatore, ma di chi intende informarlo».
[ibid]

Minacce

«Nello Trocchia, che per i suoi articoli e servizi televisivi ha subito minacce e intimidazioni, ha ricevuto una richiesta di risarcimento di 39 milioni di euro: non dai Casamonica ma dall’Università telematica Pegaso per un’inchiesta pubblicata sull’Espresso».
[ibid]

Copisti

«Si dice che un monaco copista fu duramente punito perché nel trascrivere il precetto evangelico sul vedere la pagliuzza nell’occhio altrui omise fatalmente la lettera iniziale del sostantivo latino “oculo”».
[Stefano Bartezzaghi, il venerdì 2016]

Rifiuti

Nel 2018 gli italiani hanno prodotto 30,2 milioni di tonnellate di rifiuti urbani. Era da 6 anni che non si superavano i 30 milioni di tonnellate.
[La stampa]

A Roma un netturbino su tre (1.500 su un totale superiore alle 4.500 unità) ha certificato di non poter salire su un camion e di essere allergico allo smog.
[Il Giornale]

Costo

In Italia nel 2018 il costo dei rifiuti urbani è aumentato di 3,46 euro l’anno per abitante (anno su anno). A livello nazionale il costo totale medio all’anno per abitante è stato di 174,65 euro. Nel 2017 era di 171,19. Al Centro, con 208,05 euro per abitante, i costi più elevati. Al Nord i più bassi: 154,47 euro.
[Affari e Finanza]

Mangiaplastica

Nel decreto Clima del governo anche incentivi ai Comuni che installano eco-compattatori per la riduzione dei rifiuti in plastica, attraverso il fondo Mangiaplastica. L’articolo prevede una dotazione complessiva di 27 milioni di euro per il periodo 2019-2024. 

Iva
L’Iva è la tassa più evasa del Paese. Mancano 35 miliardi di euro. Italiani che non la versano: 1,5-2 milioni.
[La Repubblica]
Dimenticatoio

Valore delle cartelle esattoriali dimenticate per via di soggetti falliti, morti o irrintracciabili, dal 2000 a oggi: 909 miliardi.
[Libero].

Sperperi

Costo che cittadini e imprese sopportano a causa di sprechi e sperperi nella Pubblica amministrazione: 200 miliardi.
[Calcolo Cgia di Mestre]

Inps

Tra il 1° gennaio 2018 e il 31 maggio 2019 la Guardia di Finanza ha riscontrato 15.976 reati fiscali nei confronti dell’Inps, denunciato 18.148 soggetti, avanzato proposte di sequestro per 9,3 miliardi.
[Corriere della sera]

Attesa

Numero di pazienti in attesa di un letto morti negli ospedali del Regno Unito : 5.449.
[The Guardian]

Clima

Danni causati all’agricoltura da eventi climatici estremi tra il 2013 e il 2019: 11,4 miliardi.  Di questi ne sono stati riconosciuti 9,4 miliardi, assegnati 959 milioni e realmente impegnati 911.
[La Repubblica]

Gomme

Tra il 2010 e il 2018 il volume delle vendite di gomme da masticare è calato nel mondo del 4 per cento e negli Stati Uniti del 23 per cento (dati Euromonitor).
[il Post]

Buste paga

I 198 dipendenti della società immobiliare del Maryland St. John Properties hanno ricevuto bonus in proporzione alla quantità di anni di servizio. L’importo più piccolo,100 dollari, è andato a un neo-assunto che non aveva ancora cominciato a lavorare. Il bonus più grande è stato di 270mila dollari. Totale dei premi elargiti: 10 milioni di dollari.
[La Repubblica]

L’azienda di New York Peloton che vende apparecchiature sportive ha perso 900 milioni di euro per una pubblicità considerata «sessista». Nel video un marito regala a sua moglie una cyclette e la donna passa tutto l’anno a registrare i suoi allenamenti condividendoli infine con il consorte. Visto più di 2 milioni di utenti su YouTube, è stato talmente criticato che in Borsa la società ha perso circa il 9 per cento del valore di mercato: 900 milioni di dollari.
[ibid]

Il bilancio 2018 di Trussardi, che l’anno scorso aveva perso 30,6 milioni, è di nuovo in rosso per 29,9 milioni di euro. Il passivo è stato registrato a fronte di un valore della produzione complessivo di 23,7 milioni, in calo dai 24,2 del 2018.
[IlSole]

Dopo la presentazione del piano industriale per il 2020, il titolo di Safilo Group (occhiali) ha perso in Borsa il 25,47%, oltre un quarto del suo valore. Ieri mattina la sua capitalizzazione valeva 429 milioni.

Ieri sera, 322. Le stime sui ricavi dell’anno prossimo sono state tagliate, gli investimenti previsti risultano inferiori alle attese. 700 dipendenti italiani su 1500.

Il gigante del petrolio Aramco ha debuttato in Borsa ma l’80% dei titoli se li sono accaparrati i sauditi.

Lo Stato aveva garantito un debito di 81,8 milioni del quotidiano l’Unità e il tribunale di Roma, con tre sentenze, l’ha condannato, a suo tempo, a pagare al posto del quotidiano fallito. I termini per presentare opposizione alle tre sentenze sono scaduti ieri e a questo punto – essendo il governo Conte rimasto fermo – il debito dell’Unità dovrà essere saldato con la fiscalità generale.
[Il Giornale]

L’esercito dei collaboratori domestici che lavorano in nero vale 2 miliardi di euro l’anno. Lo dice il Rapporto dell’associazione datoriale Domina e della Fondazione Leone Moressa. Quel milione e 200mila di addetti irregolari, porterebbe alle casse dello Stato 1,4 miliardi di contributi previdenziali e 645 milioni di Irpef
[Avvenire].

Per tenere in regola i lavoratori le famiglie italiane sborsano ogni anno 7 milioni: 5.684 per la retribuzione, 976 per i contributi, 421 per il Tfr.
[ibid]

Retribuzione oraria media al Sud: 10,25 euro. Al Nord-Ovest: 11,91 euro.
[rapporto Istat]

Retribuzione oraria di un italiano: 11,61 euro. Di un’italiana: 10,81 euro.
[Ibid]

Dal primo gennaio i docenti italiani rischiano una decurtazione di circa 20 euro in busta paga. Lo ha detto la Cisl Scuola. Il taglio nascerebbe dal fatto che c’è una carenza per il finanziamento del Fondo unico nazionale.
[Avvenire]

In Lombardia la cultura muove 24,5 miliardi di euro e dà lavoro a 365mila addetti (dati rapporto di Symbola e Unioncamere)
[Avvenire].

Inasprire le normative sul clima potrebbe far perdere alle aziende che si occupano di combustibili fossili, agricoltura e automobili, qualcosa come 2,3 trilioni di dollari entro il 2025. Lo hanno fatto sapere gli investitori che fanno capo all’Onu, al summit sul clima di Madrid.
[Libero]

Elon Musk ha un patrimonio stimato di 23,6 miliardi di dollari ma non ha al momento liquidità. Il 99% di questa ricchezza deriva dal possesso di azioni Tesla e Space X. Nel 2018 la maggior parte dei suoi compensi in Tesla è arrivata sotto forma di stock options. Musk, lo scorso anno, ha rifiutato di incassare il suo stipendio base di 56.380 dollari l’anno. Sulle spalle pesano debiti per oltre 500 milioni di dollari: almeno 209 milioni verso Morgan Stanley e 213 milioni presi in prestito da una consociata di Goldman Sachs. La metà della sua partecipazione in Tesla è impegnata a copertura di questi due prestiti.
[Forbes]
«Alcune persone pensano che io abbia molti soldi. In realtà no» (Elon Musk).

Un bonsai coltivato per 800 anni può costare anche un milione di euro.
[Business, Insider]

In media i prezzi delle case in montagna in Italia hanno perso negli ultimi dieci anni il 34,4% del loro valore (dati Tecnocasa).
[Il Sole]

Alfonso La Marmora «faceva costruire le caserme senza scale così i soldati erano costretti a entrare e uscire dalle finestre a forza di braccia».
[Domenico Quirico Generali Mondadori, Milano 2006, pagina 28]

Numeri che non lo sono, ma che potrebbero diventarli

La transumanza è diventa patrimonio culturale immateriale dell’Unesco. La migrazione stagionale del bestiame è stata iscritta, all’unanimità, nella cosiddetta Lista Rappresentativa. Lo ha deciso il Comitato intergovernativo in corso a Bogotà (Colombia). Un’approvazione che porta all’Italia il primato di iscrizioni in ambito rurale e agroalimentare, prima di Turchia e Belgio. «I pastori transumanti, come sottolinea il dossier di candidatura presentato all’Unesco dall’Italia insieme con Grecia e Austria , hanno una conoscenza approfondita dell’ambiente, dell’equilibrio ecologico tra uomo e natura e dei cambiamenti climatici: si tratta infatti di uno dei metodi di allevamento più sostenibili ed efficienti. Oggi la transumanza è praticata soprattutto tra Molise, Abruzzo e Puglia, Lazio, Campania, e al Nord tra Italia e Austria nell’Alto Adige, in Lombardia, Valle d’Aosta, Sardegna e Veneto».

di Nicola Dario

Print Friendly, PDF & Email