Diamo i numeri! – Dati e Notizie

60
informareonline-diamo-i-numeri-2
Varie ed eventuali

Sulla scrivania di Fellini, contate 129 penne a sfera, 21 lapis, 18 pennarelli.
[CdS]

Ogni mese nascono in Italia quattordici bambini già drogati.
[Fatto quotidiano]

In America esiste il campionato nazionale di scrittura a mano, vinto adesso da Edbert Aquino, un ragazzino di dieci anni che frequenta una scuola cattolica del New Jersey. Il primo posto nel campionato gli ha fruttato un premio di 500 dollari.
[The New York Times]

Sotheby’s a Londra ha battuto all’asta un Untittled di Maurizio Cattelan per 1.796.632 euro. Più del doppio della stima del prezzo di partenza (600 mila euro). L’opera, del 2007, è una sorta di crocifissione al femminile in resina, pittura, capelli umani, tessuti e legno.
[Libero]

La Nasa ha annunciato che assumerà nuovi astronauti dalla società civile. Faranno parte del programma Artemis, che porterà il primo uomo su Marte entro il 2030. I candidati, cittadini Usa laureati in ingegneria, biologia, fisica, matematica o medicina, guadagneranno tra i 55 mila e 120 mila dollari.
[Forbes]

Sono oltre un milione e duecentomila i passeggeri a cui è stata controllata la temperatura dall’inizio dello screening per il coronavirus negli aeroporti; oltre ai 54 mila i passeggeri, vanno considerati anche i 20 mila membri degli equipaggi delle navi e gli oltre 3.300 medici, infermieri e volontari impegnati nei controlli (dati forniti dalla task-force su Covid-19 del ministero della Salute).

“Clamorosi”

Nell’ultimo trimestre il Pil tedesco è cresciuto dello 0 per cento.
[Il Sole 24 ore]

Diagnosi di cancro ogni giorno in Italia: mille. Nuovi malati di cancro nel 2019: 371 mila, di cui 196 mila uomini e 175 mila donne. In crescita l’incidenza fra gli adolescenti.
[CdS]

Ogni anno 350 milioni di anguille escono illegalmente dall’Unione Europea. Un commercio di circa tre miliardi di euro, secondo le stime di Europol. Ad acquistare le anguille sono gli allevatori asiatici, che le fanno crescere fino al raggiungimento della misura di macellazione (da 500 a 1.000 grammi).

Bandiere

La fabbrica Diba Barcham, in Khomeyn, 320 chilometri a sud di Teheran, piazza ogni anno un milione e mezzo di metri quadri di bandiere americane o israeliane acquistate massicciamente da coloro che vogliono bruciarle in piazza. Buona anche, allo stesso scopo, la domanda di bandiere inglesi. Khomeyn è la città che diede i natali all’ayatollah Khomeiny [Libero].

L’economia italiana rimarrà stagnante nel 2020

La Commissione Europea ha diffuso ieri le stime invernali sulla crescita nei paesi dell’Ue nel 2020. E ha confermato le previsioni dell’autunno secondo cui quest’anno l’economia italiana rimarrà stagnante. La crescita prevista per il Pil è di appena lo 0,2%, la più bassa di tutta l’Ue. La stima è stata ridotta rispetto allo 0,4% calcolato lo scorso novembre. Subito sopra all’Italia c’è la Germania, con un +1,1%. Nell 2021 per l’Italia è prevista una crescita dello 0,6%.

Record di temperatura in Antartide

Alle 13.00 del 9 febbraio alla base argentina Marambio sull’isola Seymour (64°14’ di latitudine Sud) di fronte alla Penisola Antartica è stata registrata una temperatura di 20,75 gradi. Record per il Polo Sud. Il 6 febbraio in un’altra base argentina, quella di Esperanza (63°24’ di latitudine Sud) è stata registrata una temperatura di 18,3 gradi. In questo caso è il primato per quanto riguarda la terraferma antartica. Si tratta di dati che devono ancora essere validati dall’Organizzazione meteorologica mondiale.

«L’Antartide è tra le zone che stanno subendo i maggiori sconvolgimenti dovuti ai cambiamenti climatici. Dopo due anni e mezzo alla deriva l’iceberg gigante A-68, grande come la Liguria, sta lasciando i limiti del mare ghiacciato. Pochi giorni fa si è staccato un altro grosso iceberg di oltre 310 chilometri quadrati dal ghiacciaio di Pine Island, uno dei due insieme a quello di Thwaites tenuto sotto controllo dagli scienziati per l’accelerazione della fase di scioglimento, che potrebbe provocare l’innalzamento dei mari di diversi metri».
[CdS]

Buste paga

Il voto in Emilia, che ha allontanato il rischio Salvini, ha incoraggiato la domanda di Btp italiani a tre anni, benché con tasso negativo: 2,25 miliardi piazzati con richieste di una volta e mezza l’offerta. Bene anche i titoli a 7 anni (per i restanti 3,75 miliardi). Martedì il titolo a 15 anni era stato richiesto per un ammontare di 50 miliardi a fronte di 9 miliardi poi collocati. Lo spread ieri ha chiuso a 128 punti, dopo aver toccato quota 125.
[Il Sole 24 ore]

La Juventus ha rinnovato l’accordo di sponsorizzazione con Allianz per altre sette stagioni sportive, dal 1° luglio 2023 al 30 giugno 2030. Il club bianconero incasserà 103,1 milioni di euro.

I titoli di Stato a dieci anni emessi dalla Grecia ieri sono scesi sotto il rendimento dell’1 per cento. È la prima volta che accade da quando è scoppiata la crisi finanziaria, «Ci sono voluti dieci anni, il bazooka della Bce, tre rinegoziazioni con gli investitori internazionali e una serie di riforme lacrime e sangue per i cittadini. A prezzo di riforme politiche e sociali dolorose, Atene si è rimessa in rotta. Per dire: ieri lo spread con i Bund tedeschi è arrivato a un differenziale di 133 punti, non lontano dal differenziale tra Bund e Btp italiani di pari durata. Ieri, il decennale italiano è sceso sotto 134 punti, pagando un rendimento dello 0,93%. In un periodo di tassi zero, almeno qualcuno ci guadagna».
[La Repubblica]

I lavori di ristrutturazione del Palazzo di Westminster, l’edificio che ospita il Parlamento britannico a Londra, costeranno 18,6 milioni di sterline (22 milioni di euro) in più rispetto a quanto preventivato. Questo perché sono stati scoperti – oltre alla presenza di amianto – alcuni danni dovuti al bombardamento del 1941 che distrusse l’aula dei Comuni. I lavori di ristrutturazione, che riguardano la torre in cui si trova il celebre orologio Big Ben, erano cominciati nel 2017. Arriveranno a costare in tutto 80 milioni di sterline (più di 95 milioni di euro). La data di fine lavori resta fissata per la fine del 2021.
[il Post]

L’anno scorso, negli Stati Uniti, sono stati spesi 15 miliardi di euro in interventi correttivi di chirurgia plastica, un record.

L’ultima moda è quella di trasformare la propria faccia in quella che si vede nei selfie, liscia come il vetro grazie ai filtri e con i lineamenti alterati in funzione di un’ipotetica bellezza. Alla nuova ossessione è stato dato il nome di Snapchat dysmorphia. Lara Devgan, chirurgo plastico di New York, difende questo tipo di interventi: «Invece di chiedere il naso, il mento o gli zigomi di una celebrità, i pazienti stanno portando in gran parte foto modificate dei loro volti».
[ItaliaOggi]

A gennaio le vendite di auto in Cina sono scese del 18% (1,61 milioni unità). È il calo mensile più importante da gennaio 2012.

Il nuovo coronavirus avrà conseguenze «significative» sulla domanda di petrolio, che registrerà la prima contrazione in un decennio in questo primo trimestre del 2020. La previsione negativa è dell’Agenzia internazionale dell’energia (Aie) che ha rivisto al ribasso di 365.000 barili al giorno le stime sulla crescita della domanda di greggio per il 2020, un taglio del 30% rispetto alle previsioni di gennaio. La domanda si attesterebbe adesso sugli 825.000 barili al giorno, la più bassa dal 2011.

Mauro Masi, già direttore generale della Rai, non ha mai pagato alla Rai i centomila euro di multa intimati dalla Corte dei Conti prima e dalla Cassazione poi per danno erariale.
[Roselli, Fatto]

Una multa da un milione e mezzo di euro per «il mancato rispetto da parte della Rai dei principi di indipendenza, imparzialità e pluralismo». Ma anche per la violazione di alcune norme in tema di pubblicità. Decisione senza precedenti, ai danni di viale Mazzini,
dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni. Sarebbe stato violato il contratto di servizio. Nel mirino sarebbero finiti molti servizi del Tg2, in particolare quello che parlava del presunto fallimento del modello svedese d’integrazione e sosteneva che alcuni territori del Paese erano «completamente fuori controllo». Tra i casi di violazione ci sarebbe anche la battuta del conduttore di UnoMattinin famiglia, Tiberio Timperi, ritenuta offensiva nei confronti dei calabresi e la puntata de L’Approdo di Gad Lerner sulla Lega svolta «senza contraddittorio», nonché la prima puntata di Realiti di Enrico Lucci e alcune frasi del cantante neomelodico Leonardo Zappalà sulla morte di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

Gli italiani sono sempre di meno, un declino da cinque anni inarrestabile. Al 1° gennaio 2020 i residenti ammontavano a 60 milioni e 317 mila, 116 mila in meno rispetto al 2019. Il calo è dovuto sostanzialmente al crollo dei nati nel Mezzogiorno e al Centro, mentre nel Nord le culle crescono con un buon ritmo: Bolzano, 5 per mille, Trento 3,6 per mille, bene anche Lombardia ed Emilia-Romagna. Le nascite sono decisamente inferiori ai decessi, 435 mila contro 647 mila. Si tratta, sottolinea l’Istat, «del più basso livello di ricambio naturale mai espresso dal Paese dal 1918». Per ogni 100 persone che muoiono in Italia ne nascono solo 67 (dieci anni fa erano 96). Il numero di figli per donna rimane costante, 1,29. A incidere sul calo non è la decisione di mettere al mondo meno figli ma la diminuzione del numero di donne in età fertile (cioè tra i 15 e i 49 anni): in un anno si sono ridotte di 180 mila unità. Altri numeri interessanti: la quota di popolazione straniera sul totale è dell’8,9% (5,4 milioni, in crescita); calano gli ingressi di stranieri in Italia (nel 2019 sono stati 25 mila in meno rispetto al 2018 e 34 mila in meno sul 2017); la speranza di vita alla nascita si è allungata di un mese, è a quasi 81 anni per gli uomini e 85,3 per le donne.

Di numeri che potrebbero essere…

Il caso del verme portato nel 2013 dall’Argentina in Francia da un biologo che voleva studiarne le caratteristiche e che adesso s’è diffuso in tre quarti del Paese. Segnalato anche in Italia, Inghilterra, Spagna, Portogallo, Belgio, Svizzera. Distrugge lumache e lombrichi, essenziali per la salute del terreno. Lungo 5-8 centimetri, gelatinoso, di colore arancio-nero, piatto di giorno e praticamente invisibile, si trasferisce da un punto all’altro nascosto nelle piante in vaso che si commerciano nei vivai o nei mercati. Si chiama Obama Nungara. L’ex presidente degli Stati Uniti non c’entra, “obama” in lingua tupi significa “animale-foglia”. I tupi sono un gruppo etnico brasiliano.
[ItaliaOggi]

 

di Nicola Dario

Print Friendly, PDF & Email