DENUNCIA PUBBLICA – Bruciano i fanghi del depuratore a Villa Literno

Il Depuratore - Foto di Carmine Colurcio

All’epoca inviammo via PEC a vari Enti Istituzionali e ai partiti, MAI avuto risposte concrete, ma presto vi aggiorneremo su ulteriori denunce fatte anche 15 anni addietro, quando i fanghi venivano scaricati nei laghetti sul territorio di Castel Volturno  (cave di sabbia della camorra) e mai VOLUTO trovare una soluzione attraverso impianti a tema.
NON basta allontanare semplicemente il dirigente della SMA che di fatto è un carrozzone politico, ma i dirigenti regionali, tutti coloro che NON vogliono trovare soluzioni perchè finirebbe la ruberia, i responsabili amministrativi e politici, anche coloro che fanno finta opposizione e non controllano nelle commissioni preposte. Piena solidarietà per i colleghi di Fanpage e per la stampa LIBERA.

Aggiornato al 17/02/2018
di Tommaso Morlando

 

Siamo a Villa Literno nei pressi del depuratore Foce dei Regi Lagni. Da oltre una settimana, i cittadini della Domiziana, di Pinetamare ed altre zone del territorio di Castel Volturno, vengono avvelenati dai fumi che provengono da un incendio “domato” da un idrante acceso appena siamo giunti sul posto, quando si sa bene che con la semplice acqua non verrà mai spento.

Ci siamo trovati davanti una vera discarica. Non sappiamo se autorizzata o meno, ma di sicuro proveniente dai fanghi del depuratore in questione, 75.000 mc. di fanghi senza nessun controllo e impianto antincendio.

Chi ha consentito tutto ciò, visto che la puzza si propaga anche in pieno inverno? Chi da giorni non ha ritenuto opportuno avvertire i Vigili del fuoco e perchè? Di tutto ciò ne faremo dettagliate denunce a tutte le autorità competenti.

Servizio a cura di Fabio Corsaro
Riprese e montaggio a cura di Carmine Colurcio

 

 

About Fabio Corsaro

Ho 22 anni e da quasi 3 primavere sono giornalista pubblicista. Dirigo la splendida redazione di Informare, di cui faccio parte dai miei teneri 16 anni. Sono laureato presso l’Università di Salerno in Scienze della Comunicazione e, in virtù della specialistica, mi appresto a fare esperienze internazionali (non ricordatelo a mia mamma). Per il resto avanti con un detto che non muore mai... Per aspera ad astra!