Il degrado del “Ring Verde” di Marcianise: una discarica a cielo aperto

178

Il Ring Verde è in uno stato di abbandono e di degrado totale. Trattasi di un’area verde di circa 200mila metri quadrati, ridimensionata a 30mila metri quadrati, simbolo di un importante progetto avviato dalla Regione Campania in virtù di una gara bandita nel 2008.

Tale progetto, per il quale sono stanziati 5 milioni di euro, rientrava nell’ambito dell’accordo di programma inserito nel Pit Orafo Campano. Il programma iniziale prevedeva la realizzazione di una “barriera verde”, predisponendo una serie di arbusti che dividessero la zona industriale di Marcianise dall’area urbana.

Pubblicità

Tutto ciò avrebbe consentito la creazione di un piccolo polmone verde all’interno della città ed un ambiente naturale utile per lo sviluppo di determinate specie animali e vegetali. L’obiettivo di questo ambizioso progetto era dar vita ad una delle più grandi opere di afforestazione per la salvaguardia dell’Ambiente, ma attualmente nel Ring Verde regnano solo incuria e degrado. I lavori iniziati nel 2010 sono rimasti incompiuti e, ad oggi, l’area interessata è un ricettacolo di rifiuti urbani: una vera e propria discarica a cielo aperto.

Il degrado del Ring Verde è ormai sotto gli occhi di tutti e, di fronte a tutto questo, non si può che constatare il fallimento di una grande opera di riqualificazione del territorio, di salvaguardia dell’ambiente e di tutela della salute.

Pubblicità