Campania De Luca

De Luca annuncia misure di sostegno alle famiglie e alle imprese

Giovanni Cosenza 17/09/2022
Updated 2022/09/16 at 10:21 PM
4 Minuti per la lettura

Nella consueta diretta social del venerdì, il governatore della Campania Vincenzo De Luca ha annunciato oggi una serie di misure per far fronte alle difficoltà provocate dalla crisi energetica internazionale che sta avendo ripercussioni su tutti i comparti produttivi e che si ripercuote inesorabilmente sulle famiglie. Dopo aver ricordato gli sforzi fatti dalla Regione nei due anni del covid, ha enumerato i provvedimenti che Palazzo Santa Lucia intende approvare per dar respiro alle tante famiglie già provate da due anni di crisi pandemica.

La dichiarazione del Governatore della Campania De Luca

«Siamo in una situazione di grande emergenza sociale ed economica – ha dichiarato De Luca – problemi gravi e pesanti per quanto riguarda le bollette, l’energia. Abbiamo deciso di fare uno sforzo ulteriore e di mettere in piedi un piano di aiuti alle famiglie e alle imprese nella misura maggiore possibile».

Successivamente ha elencato dettagliatamente tutti i provvedimenti che si aggiungono a quelli che nei prossimi giorni, prima del termine della legislatura, saranno varati dal governo centrale.

I fondi messi in campo dalla Regione: la ripartizione

La Regione Campania ha messo a disposizione circa 400 milioni di euro che saranno così divisi: sarà introdotto un bonus per gli asili nido per circa 2 o 300 euro al mese per ogni bambino, un buono di 400 euro alle famiglie per consentire l’attività sportiva dei ragazzi che dia una mano a superare i problemi determinati dalle chiusure dovuti al covid nel tentativo di ristabilire un livello di socialità accettabile. Oltre 600 società sportive, che hanno praticamente chiuso i battenti durante la pandemia, si sono rese disponibili ad accogliere i ragazzi ed a ricevere il rimborso delle spese dalla regione Campania.

Un ulteriore provvedimento è il blocco delle bollette dell’acqua sopperendo al pagamento dei costi della depurazione lievitati a causa dell’aumento dell’energia, costi che avrebbero pagato i cittadini. Saranno dati contributi alle aziende per la realizzazione di impianti per l’energia rinnovabile, e sostegni alle aziende nella misura del 30% dei costi delle bollette energetiche superiori a 5000 euro. L’ultimo provvedimento annunciato riguarda il sostegno alle donne vittime della violenza ed ai loro figli. De Luca ha anche ricordato come la Campania sia l’unica regione d’Italia che offre l’abbonamento gratuito ai mezzi di trasporto per gli studenti fino a 26 anni che in regione sono circa centomila. Un ulteriore provvedimento riguarda il bando per le borse di studio per il 2022 – 2023 aumentando la soglia ISEE ed un contributo fino a 1.000 euro per i fitti per le abitazioni dove vivono circa 70.000 famiglie.

I dati Svimez sul lavoro in Campania

Immancabili poi le polemiche con il governo nazionale che, a dire di De Luca perde tempo. Il governatore passa poi ad analizzare il tema del lavoro snocciolando i dati ricevuti dallo Svimez, che indica che potrebbero crearsi circa 300.000 posti di lavoro nel Meridione. L’età media degli impiegati nella Pubblica Amministrazione è di circa 58 – 60 anni ed è impossibile mirare ad una completa digitalizzazione della macchina statale. Al centro – nord, ricorda De Luca, ci sono 8,3 dipendenti pubblici per ogni 1.000 abitanti che nel meridione scendono a 6, senza considerare le aziende partecipate. In questo caso il divario raddoppia. «Se copriamo solo i posti di lavoro perduti per mancato turn over – continua De Luca – se recuperiamo il divario nord – sud recupereremo decine di migliaia di posti di lavoro». Ed annuncia un ulteriore concorso per assumere giovani nella pubblica amministrazione.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.