De Luca: «al via il piano per le assunzioni»

68
informareonline-de-luca

Presso la sede della Giunta Regionale al Centro Direzionale di Napoli, si è tenuto l’incontro pubblico organizzato dalla Fondazione AdAstra inerente il Piano per il Lavoro predisposto dalla Regione Campania per 10.000 posti nella Pubblica Amministrazione. All’incontro ha partecipato il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca oltre al Presidente della Commissione Bilancio Franco Picarone e al Consigliere del presidente per la Riforma della Pubblica Amministrazione della Regione Campania.
Obiettivo dell’incontro è stato la presentazione del Piano di Lavoro che coinvolgerà la pubblica amministrazione di tutti i comuni della Regione Campania che ne faranno richiesta. A tal proposito la Fondazione ha costituito un apposito Comitato Organizzatore al fine di sensibilizzare gli Enti e le amministrazioni locali, ossia Comuni, Province, Città Metropolitane, Comunità Montane, Unioni di Comuni, nonché i Consorzi ubicati su tutto il territorio regionale. Attualmente sono 300 i comuni che hanno aderito al piano ma sono giunte nuove richieste di adesione tanto che la Regione Campania ha stabilito di concedere una proroga per l’adesione alla convenzione, atto preliminare alla pubblicazione del bando.
Il progetto prevede, nell’arco di due anni, l’immissione nelle pubbliche amministrazioni campane di 10.000 unità lavorative a tempo indeterminato, attraverso un unico percorso di reclutamento e formazione. Considerato che nei prossimi 24 mesi le amministrazioni campane per effetto dei pensionamenti, perderanno dalle 8mila alle 13mila unità, obiettivo del piano sarà la sostituzione del personale in uscita con nuove assunzioni.
La Regione ha coinvolto la Formez per il reclutamento tramite un unico corso-concorso pubblico, dalle cui graduatorie potranno poi attingere le amministrazioni che hanno aderito al piano. Inoltre la stessa società eseguirà una ricognizione delle amministrazioni interessate ad aderire al piano, dettagliandone le carenze organiche e stilando un identikit dei profili necessari.
Un’impostazione del genere comporta un notevole risparmio sia economico che di tempo. I singoli enti, sebbene sempre liberi di bandire autonome selezioni, non avranno più interesse a farlo in quanto potranno attingere a costo zero, dalle graduatorie relative ai profili nei quali hanno carenza di personale. Le figure professionali che saranno messe in concorso sono molteplici e trasversali alle diverse posizioni vacanti negli enti, pertanto anche i requisiti necessari saranno trasversali; mentre non sono previsti limiti di età per la partecipazione al concorso in quanto trattandosi di profili amministrativi, di regola non è previsto alcun limite.
Nella delibera si fa una previsione di 200.000 partecipanti. Addirittura si prevede che parteciperanno alla prova preselettiva 6000 partecipanti al giorno (3000 nella sessione mattutina e 3000 nella sessione pomeridiana) per 34 giorni.
«Abbiamo la possibilità di far fare corsi di formazione a 10mila giovani nei Comuni della Campania ma anche in altri uffici, come le Corti di Appello di Napoli e Salerno, che hanno accettato di partecipare al Piano per il lavoro. È una bella occasione per 10mila diplomati e laureati di imboccare la strada del lavoro vero, non del contributo» ha affermato il Presidente della Regione Campania De Luca, che continua «come amministrazione è nostro compito creare lavoro e dare dignità liberando i cittadini dal clientelismo. A questo scopo la Regione sta investendo 110 milioni di euro di fondi europei per questo programma.
Ora dobbiamo solo sollecitare di più il Formez a bruciare i tempi per concludere questo concorso. Per il futuro abbiamo bisogno di accordi statali che ci permettano di passare ad una fase più ampia di assunzioni che preveda il rinnovamento di 45.000 unità statali nel prossimo quinquennio».
Stante il suddetto cronoprogramma il bando Concorso Regione Campania potrebbe essere pubblicato a marzo 2019.

TRATTO DA Magazine Informare N°191 
Marzo 2019

Print Friendly, PDF & Email