David di Donatello 2018: Napoli premia i suoi capolavori

David di Donatello 2018 - Sala Baroni del Maschio Angioino di Napoli

Una vera festa, quella tenutasi nella sala dei Baroni del Maschio Angioino, in onore dei film che hanno celebrato Napoli nei David di Donatello 2018

Solo qualche settimana fa eravamo di fronte alla TV per tifare Napoli durante i David di Donatello e, ad essere sinceri, le nostre aspettative non sono state deluse. A fronte delle tantissime candidature, film come “Napoli velata” e “La gatta Cenerentola” hanno portato in alto la Napoli cinematografica incassando più di un premio. Renato Carpentieri è stato premiato per la sua interpretazione ne “La tenerezza”, commuovendo tutti gli spettatori per la sua passione e la sua carriera. “Ammore e malavita” è stato premiato come miglior film. Orgoglio assoluto.

 

 

Per celebrare la vittoria della nostra città all’interno di questo festival nazionale è stata organizzata, nella Sala dei Baroni del Maschio Angioino, la consegna delle medaglie della città di Napoli a protagonisti ed addetti ai lavori. Erano presenti Franco Ricciardi, Renato Carpenieri, Dario Sansone con le sue due “band”: il team di registi de “La gatta Cenerentola” e i “Foja”. «Questa è la riconoscenza sincera della nostra città» ha affermato Luigi de Magistris, sindaco di Napoli. «Qui c’è la nostra gratitudine, perché Napoli sta dominando sui set cinematografici internazionali. 500 film negli ultimi tre anni sono stati girati a Napoli ed è molto bello vedere che ci sono produzioni di ogni genere. Se noi facciamo vedere che in questa città con la cultura si può lavorare, avendo professionalità, investendo, dimostriamo che l’alternativa c’è e voi ne siete testimoni. Sono orgoglioso di consegnare a voi la medaglia della nostra città, premiare la cultura è la cosa più bella che possa capitare ad un sindaco. Sono convinto che attraverso i vostri esempi tante persone stanno scegliendo di fare cultura. Questo che respiriamo qua lo sento sempre più a livello nazionale ed internazionale: di Napoli c’è un’immagine di cultura che passa attraverso le immagini della musica, del teatro e del cinema».

di Savio De Marco
Foto di Carmine Colurcio

About Salvatore De Marco

Salvatore De Marco nato il 18/10/1992 a Napoli. Tutti lo conoscono come Savio De Marco. Diplomato al Liceo Classico Vittorio Emanuele II di Napoli. Laureando presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II in Scienze Politiche. Ama l’arte, la filosofia e la scrittura e il teatro, appassionato di cinema e fumetti. Coordinatore e Regista di una compagnia amatoriale teatrale “Pazzianne & Redenne” formata totalmente da giovani. Milita in un’associazione culturale “ViviQuartiere Napoli” attiva nella riqualificazione del nostro territorio.