Dal napoletano per sversare rifiuti: beccato dal settore ambiente del Comune

308

Nelle prime ore dell’alba, i ragazzi del settore ambiente del comune di Castel Volturno, insieme ad un componente dell’amministrazione, hanno trovato e ripulito un grosso cumulo d’immondizia proveniente da un’attività commerciale di Afragola. La Polizia municipale ora passa alla denuncia.

Alle ore 6.00 del mattino, gli operatori ecologici del settore ambiente di Castel Volturno, con l’apporto di un componente dell’amministrazione comunale, si apprestavano per il giro di raccolta rifiuti e per il monitoraggio delle aree sensibili di sversamento nelle zone periferiche del comune, una decisione partita dalla volontà dell’amministrazione comunale. Il loro obbiettivo è quello dei evitare che questi punti marginali possano diventare dei veri e propri giganteschi cumuli di rifiuti e divenire un rischio per la possibilità di incendi dolosi, ciò significherebbe altri roghi tossici che avvelenano i cittadini castellani.

È proprio in uno di questi punti di raccolta “non autorizzati”, precisamente nella zona di Bagnara, che gli operatori ecologici hanno allertato l’attenzione degli uomini del settore ambiente e della Polizia municipale sullo sversamento che era avvenuto e, una volta aperte le tante buste, sono saltate fuori bollette e fatture, oltremodo sconcertante il particolare che mostra come a pochissimi metri dal punto di “scarico illegale” erano situati dei bidoni appositi per la raccolta rifiuti. La Polizia ha già provveduto a denunciare il soggetto interessato, il materiale all’interno dei rifiuti rimandava ad un’attività commerciale di Afragola. Anche residenti di altri comuni, quindi, trovano in Castel Volturno, in particolare le sue zone limitrofe, un’ottima discarica nella quale sversare illecitamente i rifiuti della loro attività, per fortuna stavolta il soggetto coinvolto non ha brillato per astuzia e presto avrà una multa salta da pagare.

Pubblicità

informareonline-dal-napoletano-rifiuti

Si dimostra sicuramente efficace questa sinergia messa in piedi dal comune sul monitoraggio dei siti sensibili per lo sversamento illecito di rifiuti, una coordinazione che coinvolge le forze della Polizia municipale, esponenti dell’amministrazione, operatori ecologici e cittadini. Proprio questi ultimi, ritrovatisi nel Comitato No Roghi di Castel Volturno, continuano con le loro perlustrazioni serali, segnalando costantemente tutte le informità che rilevano in merito allo sversamento di rifiuti. Un’azione congiunta che sta producendo risultati concreti, a monito che, su questa problematica, non c’è colore di partito che tenga, è un’emergenza che incide su tutta la collettività e che necessita l’attenzione di tutti.

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità