Da The Infinity Gauntlet ad Avengers Endgame

20
informareonline-infinity-gauntlet

La magia della Semplificazione

Non sono passati neanche tre mesi dalla mia recensione di “Avengers: Endgame”, che il film ha battuto ogni record e diventato il film più redditizio di tutti i tempi al botteghino, mentre io, nel frattempo, mi sono messo a leggere i fumetti degli anni d’oro della Marvel.

Nel farlo, ho scovato la storia che ha ispirato la duologia di “Avengers: Infinity War” e “Avengers: Endgame”, ossia “The Infinity Gauntlet”, storia del 1991 di Jim Starlin.

informareonline-infinity-gauntlet-1

La mia domanda nell’aprirlo era: quanto hanno adattato della storia originale? 

La risposta è poco o niente, e meno male. Perché, dopotutto, la Marvel Comics e il Marvel Cinematic Universe sono due bestie molto diverse fra loro. Una è una compagnia di fumetti con sessant’anni di continuity, e l’altro è un franchise di soli undici anni che ha dovuto raggiungere il grande pubblico nella maniera più ampia possibile. Per farlo ha dovuto semplificare, sovvertire, e prendere in giro i cliché che le hanno dato vita, e rendere le sue storie più realistiche possibile. 

informareonline-endgamePer questo “Infinity War” e “Endgame” raccontano la storia di un piccolo gruppo di eroi umani che vuole impedire che un tiranno decimi metà dell’universo. “The Infinity Gauntlet”, invece, racconta una ‘storia cosmica’, di forze universali oltre la comprensione umana condensate in forme di eroi e antagonisti, una cosa in cui la Marvel Comics si è specializzata da Doctor Strange in poi, pur essendosi lanciata come la casa dei “supereroi con superproblemi”.

In The “Infinity Gauntlet”, il tiranno Thanos non decima metà dell’universo con le Gemme dell’Infinito, ma cerca di sedurre la personificazione della Morte, di cui è innamorato. Gli Avengers e tutti gli altri eroi che lo contrastano non sono che carne da macello mandata da Adam Warlock, il Gesù spaziale della Marvel, nel tentativo di impadronirsi delle Gemme, e il conflitto si risolve in una battaglia tra le forze primordiali dell’universo che sarebbe costata il PIL di una piccola nazione solo per coprire i costi della CGI, il tutto condito di una bella dose di filosofia e teologia. Non certo la premessa più semplice per portare gente al cinema, eh? 

informareonline-marvel-fumetto

Ringraziamo MCU per aver preso in prestito solo le basi da questa storia. Avengers: Endgame è un capolavoro, ma vi consiglio anche The Infinity Gauntlet…è un trip. 

di Lorenzo La Bella

Print Friendly, PDF & Email