Cri Napoli

Cri Napoli, distribuito cibo a migliaia di famiglie nell’emergenza Covid-19

Mina Grasso 06/04/2020
Updated 2022/01/13 at 4:24 PM
2 Minuti per la lettura

Croce Rossa di Napoli attiva h24: solo la scorsa settimana sono stati consegnati viveri a 1160 famiglie in città, pari a 5000 persone; nei comuni limitrofi sono stati distribuiti 2000  pacchi alimentari per circa 6000 persone,  11000 persone sono state raggiunte per la spesa a domicilio e decine di famiglie per la consegna dei farmaci.Cri Napoli A questo si affianca il lavoro con la Fondazione Banco Napoli per la consegna di pacchi a parrocchie e associazioni e l’attività di trasporto dei pazienti Covid e il 118. Continua anche la ricerca di infermieri volontari. Cri NapoliNon solo trasporto pazienti Covid e attività legate al 118: nell’ emergenza Coronavirus la Croce Rossa di Napoli soccorre migliaia di famiglie in difficoltà. Un vero esercito che comprende centinaia di Volontari, Infiermiere Volontarie, Corpo Militare e 700 Volontari Temporanei che solo presso la sede di Napoli hanno distribuito viveri a 1160 famiglie, pari a circa 5000 persone.

Oltre 2000 pacchi alimentari per circa 6000 persone sono stati distribuiti nei comuni limitrofi – Acerra, Cercola, Casalnuovo Somma Vesuviana, Pozzuoli, Mugnano S. Giorgio a Cremano, Pomigliano d’Arco, Marigliano, Sant’Anastasia, Ischia.  

Inoltre, il lavoro di consegna della spesa a chi non può uscire di casa ha raggiunto più di 11.000 persone solo nella settimana appena trascorsa e decine di famiglie sono state raggiunte anche per la consegna farmaci a domicilio.Cri NapoliInfine, continua la consegna viveri in collaborazione con la Fondazione Banco di Napoli per altre migliaia di pacchi, consegnati alle parrocchie ed alle Associazioni. «Ma – sottolinea il Presidente della Croce Rossa di Napoli, Paolo Monorchio – se ci sono  infermieri volontari che vogliono far parte della nostra squadra possono chiamare lo 0812286811 o andare sul sito della Croce Rossa di Napoli; c’è tanto da fare per cui saranno i benvenuti».

 

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *