Covid, isolamento dei positivi: “Imitiamo il modello Svizzera”

57
informareonline covid positivi modello svizzera
Pubblicità

Gianni Rezza, direttore del Dipartimento di Prevenzione del Ministero della Salute, ha chiarito che “si andrà verso una politica di responsabilizzazione rispetto al virus“. Molto probabilmente, infatti, si supererà l’obbligo di isolamento dei contagiati, partendo dagli asintomatici. Matteo Bassetti, a tal proposito, ha dichiarato che “l’isolamento aveva senso quando eravamo sensibili al virus, oggi tra vaccinati, guariti e protetti abbiamo raggiunto il 100% della popolazione”.

Il modello Svizzera

Carlo La Vecchia, epidemiologo dell’Università di Milano, ritiene che “la soluzione svizzera sia intelligente”. Secondo tale modello chi è positivo resta isolato una settimana, poi è libero di uscire senza un ulteriore tampone, poiché la contagiosità è massima a partire dal giorno precedente alla comparsa dei sintomi. Il sottosegretario Costa si trova d’accordo con questo cambio di rotta, dato che l’obiettivo è “quello della convivenza col virus, quindi non possiamo che rimuovere anche l’isolamento dei positivi”.

Pubblicità
Pubblicità