Coronavirus e i giovani: un’avventura da scoprire

informareonline-covid-19-giovani-rid
Per diversi motivi, spesso nella vita di un essere umano molte cose vengono sottovalutate o non prese in considerazione; cosa molto comprensibile, soprattutto in questo periodo di pandemia.

Il 2020, e il periodo che lo precede, è  arrivato con tante sorprese: incendi in Australia e diverse zone dell’America, l’ipotetica guerra tra nazioni, odio tra etnie, alluvioni, terremoti in Albania e altri paesi, e più sorprendente di tutti, il coronavirus. Diciamoci la verità, queste cose non sono belle da pensare, figuriamoci viverle, soprattutto perché in tempi paurosi così, le persone possono essere spaventate e stressate non solo per le continue morti e perdite di posti di lavoro, ma anche perché non si sa a cosa credere o a cosa pensare in queste situazioni, anche per via della continua pressione data dai Tg e dai Social Media.

In questi periodi inoltre girano sempre tante voci, tra cui una delle più recenti e quella dei complotti antagonisti proposti da Bill Gates con il suo vaccino, oppure voci interessanti come quella della comunità cristiana, che sostiene che tutte le profezie scritte nella Bibbia nel libro dell’ Apocalisse, che parlavano della 2°Venuta sulla terra di Gesù Cristo (Figlio di Dio), stiano accadendo, e che Gesù stia arrivando a riprendere tutte le persone fedeli a lui che hanno fatto la sua volontà e hanno fatto tutto il loro massimo a servirlo e a credere in lui (non fare peccati, seguendo ciò ché sta scritto nella Bibbia Originale). Se da una parte ci sono gli avvenimenti, dall’altra ovviamente abbiamo le persone che con tutto il cuore, la resistenza e fede (per chi crede), stanno passando questo momento senza arrendersi, soprattutto i ragazzi, che nonostante non fossero pronti a niente del genere, si stanno impegnando a seguire le regole e a fare ciò che è giusto fare sentendosi costantemente,con i loro compagni, e studiando con impegno.

Ognuno, diciamo, se la vive a modo suo. C’è chi parla con gli amici, chi esce per prendere un po’ d’aria, chi dorme costantemente, chi da scuse per evitare le videolezioni e chi invece studia fino allo sfinimento; insomma, i modi sono vari, ma nonostante la continua socialità e odio per lo studio, i ragazzi hanno usato il loro tempo per imparare tante cose importanti per il futuro e per la loro vita in generale.

Le maggiori lezioni imparate durante questa pandemia sono state, sicuramente a livello emotivo, cioè l’importanza di volersi bene, di fare sempre ciò che è giusto quando è necessario, e di migliorare se stessi sempre senza arrendersi mai a i propri sogni (possibilmente sogni positivi); infatti, i ragazzi che erano negati forse nel canto, cucina, sport o attività generali della vita, sono migliorati e stanno provando a migliorare loro stessi ogni singolo giorno. In Conclusione, questa pandemia, certamente avrà portato dei momenti difficili, ma la cosa importante è non arrendersi mai, e possibilmente, lasciare ciò che non possiamo controllare o comprendere a chi lo sa fare (almeno per chi crede), e concentrarci su ciò che possiamo migliorare e cambiare, cioè: il Futuro della nostra vita e della società, insegnando buoni propositi alle nuove generazioni – togliere le nostre brutte abitudini e migliorare noi stessi ogni singolo giorno – credere che nonostante i momenti difficili c’è qualcuno che veglia su di noi, e che quel qualcuno ci aiuterà e cambierà la situazione, fino a farlo diventare un lontano ricordo…

di King Edo

Print Friendly, PDF & Email