Corbara, Gionata Nazionale del Cibo Italiano nel Mondo

Gionata Nazionale del Cibo Italiano nel Mondo

Venerdì 13 aprile alle ore 10:00 in occasione della giornata dedicata all’anno del cibo italiano nel mondo, organizzata da Medeaterranea – Accademia Enogastronomica in collaborazione con il comune di Corbara, patrocinata dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, si potrà assistere ad una prima rassegna di interventi da parte dei ragazzi delle scuole che aderiscono al network europeo Schools for Health in Europe – SHE Network. Interventi basati sulle evidenze delle loro ricerche messe in atto per la prevenzione e il controllo delle malattie.
Alla presenza della professoressa Carla Galdino dell’Ufficio IV MIUR Direzione Generale per gli Ordinamenti scolastici e per la Valutazione del Sistema Nazionale di Istruzione e della dottoressa Luisa Franzese Direttore Generale dell’USR per la Campania, saranno valutati gli strumenti che i partner in rete del Polo scientifico internazionale Giovan Giacomo Giordano, Centri di ricerca, imprese, associazioni, hanno sviluppato e svilupperanno in futuro (tra questi ultimi, quelli del professor Antonio Giordano, direttore della Sbarro Health Research Organization, del professor Santarelli direttore di ReS On Network – Studies on Networks and Critical Infrastructure, London e del referente di Attuare la Costituzione – Associazione di promozione sociale Paolo MaddalenaLuigi de Giacomo su cui ci sarà un approfondimento a parte), assegnando risorse, umane, materiali e professionali, ricerche e pubblicazioni scientifiche, nonché modelli didattico-pedagogici, allo staff scolastico locale, al fine di supportare l’attivazione di un modello di ricerca indipendente basato sui punti di un protocollo di intesa stipulato tra il MIUR Istruzione e Medeaterranea – Accademia Enogastronomica.

 

Locandina Corbara Gionata Nazionale del Cibo Italiano nel Mondo
Locandina Corbara Gionata Nazionale del Cibo Italiano nel Mondo

 

I punti inseriti in tale protocollo, fungono da guida per l’attivazione di percorsi integrati, in regime di alternanza, ma non solo, finalizzati alla conservazione della biodiversità ambientale (eco sistemica, specifica e genetica), attraverso la promozione e l’interesse per la ricerca scientifica e tecnologica, per fini sociali sui temi dell’agroalimentare, della scienza, della medicina, dell’ambiente e della sicurezza alimentare. Ed è basandosi su questi punti, che vengono attivati dalle scuole, aderenti a tale protocollo, progetti di miglioramento, salvaguardia e tutela delle condizioni ambientali, della sostenibilità alimentare e delle materie affini e trasversali e percorsi e progetti di promozione della cultura e delle scienze enogastronomiche in linea con i dettami della Dieta Mediterranea.
In questo quadro, si colloca questa prima esperienza( a cui seguirà la documentazione di quelle delle altre scuole), che sarà illustrata al convegno.

L’esperienza è quella fatta fino ad ora dagli 87 studenti delle classi terze dell’indirizzo opzione scienze applicate del Liceo “Federico Quercia”, diretto dal professor Diamante Marotta, i quali, supportati dal team di ricerca di MedEATerranea Scientific DepartmentSbarro Health Research Organization e dallo staff scolastico locale, composto, in primis, da docenti di Scienze naturali, Diritto, Informatica e Lingua inglese (per il supporto alla traduzione delle pubblicazioni scientifiche), hanno messo in piedi una Cooperativa sociale simulata “Medfood 3G- Studenti ambasciatori della Salute in alternanza”, rappresentata, nelle sue varie cariche, da un presidente, tre vice presidenti, il comitato scientifico, il consiglio di amministrazione ecc., a cui far corrispondere una Cooperativa sociale reale in modo da poter consentire l’associazione dei loro corrispettivi genitori, coinvolgendoli nei percorsi indirizzati ad “aiutare le persone ad accedere, capire e trarre beneficio dalla scoperta scientifica della salute”.

Hanno già prodotto un articolo sul Magazine Informare di cui al link goo.gl/wbg6TS e presenteranno, in occasione del seminario, una relazione che illustra il nuovo modello piramidale della Dieta mediterranea, basato su di uno studio e una pubblicazione scientifica fornita dalla ricercatrice dottoressa Daniela Barone.

Nello statuto deliberato all’unanimità, si può leggere, inoltre, tra le varie finalità:

  • Favorire la diffusione del pensiero scientifico tra tutti coloro che giocano un ruolo diretto ed indiretto nel processo della gestione della salute (cittadini, pazienti, medici, caregivers, Istituzioni, imprese di ristorazione), a partire dalla prevenzione;
  • Sostenere e diffondere tutti gli aspetti sanitari e socio-sanitari correlati alla salute ed alle patologie;
  • Stimolare e collaborare con le istituzioni affinché la persona e i suoi reali bisogni siano costantemente il cardine delle scelte;
  • Diffondere e favorire il modello “Le Scuole Promotrici di Salute”, l’approccio intersettoriale tra i due sistemi, scolastico e sanitario e altri stakeholder, nonché la metodologia della co-progettazione sulla scorta di un Protocollo d’Intesa tra Ministero della Salute e MIUR – Ministero dell’Istruzione dell’ Università e della Ricerca del 05.01.2007, sul Piano “Guadagnare Salute” che stabilisce che vengano definite strategie comuni tra salute e scuola e vengano realizzati interventi volti a promuovere una cultura condivisa in materia di promozione della salute, per la prevenzione di patologie croniche e per il contrasto di fenomeni di rischio tipici dell’età giovanile.

About Redazione Informare

Magazine mensile, gratuito, di promozione culturale edito da Officina Volturno, associazione di legalità operante in campo ambientale, sociale e culturale.