Conte: le anticipazioni sulla Fase 2

conte-conferenza-stampa-768x449

Terminata pochi minuti fa la Conferenza Stampa del Presidente Giuseppe Conte che ha anticipato i punti su cui sarà basato il nuovo DPCM

«Avete manifestato tutti, da nord a sud, forza, coraggio e responsabilità. Ora inizia la fase di convivenza con il virus. Nella fase 2 ci sarà il rischio concreto di risalita dei contagi e per questo bisognerà rispettare le misure di sicurezza».

Queste le parole del Premier Conte durante la conferenza stampa che ha annunciato il nuovo DPCM che allenterà le restrizioni del lockdown e dal 4 Maggio andrà a delineare la ripartenza dell’Italia. Importante la posizione del governo in merito al prezzo delle mascherine, che avranno un costo massimo di 0.50 centesimi e il Premier chiarifica che ci sarà un ulteriore tavolo di lavoro per un prezzo calmierato ed esente dall’IVA.
In arrivo poi molteplici bonus e sussidi, da quello per le colf e le badanti al bonus da 600€, aumentato e con erogazione automatizzata.

GLI SPOSTAMENTI
Restano vietati gli spostamenti da regione a regione, mentre fino al 18 maggio gli spostamenti all’interno delle proprie regioni saranno mantenuti con le attuali disposizioni: necessaria l’autocertificazione e concessi spostamenti solo per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità e motivi di salute. Saranno concesse però le visite ai congiunti: gli spostamenti mirati per far visita ai propri parenti saranno concesse ma sempre rispettando il distanziamento sociale e muniti di mascherina. Il Presidente ha specificato che restano vietati gli assembramenti anche in privato. Garantito l’accesso ai luoghi pubblici come ad esempio i parchi, a discrezione delle amministrazioni locali che potranno eventualmente regolarne gli accessi; consentita anche l’attività fisica mantenendo la distanza di sicurezza.

APERTURA ALLE CERIMONIE FUNEBRI
Il Presidente Conte si è mostrato provato emotivamente in merito ai numerosi decessi avvenuti a causa dell’emergenza sanitaria. Sarà possibile lo svolgimento delle cerimonie funebri, che preferibilmente dovrebbero tenersi in luoghi all’aperto, nel rispetto delle norme di sicurezza, restringendo il numero dei partecipanti a 15 persone.
In merito alle attività produttive, verrà riaperto il commerci al dettaglio dopo il 18 maggio, così come mostre musei e campi di allenamento. Dal 1 Giugno, infine, bar, ristoranti pub, centri estetici e parrucchieri.
Una riapertura graduale con tappe ben definite, dove il Governo dichiara di essere pronto ad intervenire tempestivamente in caso di risalita della curva del contagio. Da valutare con gli operatori degli stabilimenti balneari la riapertura in vista della stagione estiva.

Tema critico invece la scuola, poiché risulta complesso coniugare il diritto allo studio con l’osservazione delle misure anti-contagio. «Ad oggi sarebbe un rischio troppo grosso. La ministra Azzolina sta lavorando per una ripartenza della scuola a settembre, nel migliore dei modi» conclude il presidente.
Print Friendly, PDF & Email