Conte e Azzolina in visita al “F. Gesué” di San Felice a Cancello

informareonline-conte-azzolina (2)-min
Raro come il passaggio di una cometa, l’arrivo in una scuola del casertano del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e del Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina è stato visto come un evento straordinario per il nostro martoriato territorio.

L’Istituto Comprensivo “Francesco Gesué” di San Felice a Cancello accoglie studenti dall’infanzia alla secondaria di primo grado da un ampio bacino. Purtroppo la storica mancanza di fondi per mettere in sicurezza i sei plessi scolastici, apre le porte alla frequente vandalizzazione.

Le lacrime di sconforto, per l’ennesimo raid subito poche settimane fa, della Dirigente Scolastica Teresa Mauro hanno raggiunto in pochissimo tempo l’Azzolina. Il Ministro, dopo averle telefonato, ha promesso l’invio di 30mila € per la messa in sicurezza del plesso vandalizzato e scongiurare così nuovi furti.

informareonline-conte-azzolina (3)-min

Scene di calore familiare durante la visita di Lucia Azzolina e Giuseppe Conte, che spogliandosi delle vesti istituzionali, con fare genitoriale, hanno rincuorato gli animi di allievi e professori, in vista di un anno scolastico lungo e complesso, tra i nuovi banchi appena arrivati.

“Questa struttura è stata presa di mira più volte da atti vandalici e l’intero territorio soffre di una elevata dispersione scolastica. Una scuola che costituisce un efficace presidio di legalità e di inclusione in un contesto di forte disagio sociale ed economico. Ho incontrato tanti alunni felici di essere tornati a scuola. Il ritorno alla didattica in presenza, pur con alcune criticità, è una grande vittoria per l’intero Paese” ha dichiarato il Presidente Conte.

La scelta di immagine di avviare il nuovo anno scolastico dell’era covid in una scuola difficile può suonare come retorica. Se non fosse altro che con la loro presenza, due delle più alte cariche dello Stato hanno promosso un cambio d’opinione del Sindaco. Infatti, intrappolato nell’entanglement preparato a tavolino da Teresa Mauro, ha così finalmente dovuto accogliere la richiesta originaria della preside. Gli studenti del devastato Don Milani -attualmente ospitati al “Gesué” e causa di sovraffollamento- saranno trasferiti nel comando della polizia municipale.

informareonline-conte-azzolina (1)-min

Sorge spontanea la domanda, perché si rende necessario un passaggio istituzionale per far smuovere le acque in queste scuole periferiche? Non dovrebbe essere la normalità che le istituzioni collaborino tra di loro al fine di trovare soluzioni adeguate allo svolgimento di una serena vita cittadina?

Non sono mancate poi le proteste; sia di alcuni genitori dei comuni limitrofi che hanno tentato di accendere i riflettori anche su altre scuole disagiate, sia degli insegnanti precari.

Al grido di “Vergogna, vergogna”, chiedendo le dimissioni dell’Azzolina, ne hanno contestato l’immobilità operativa. I nuovi concorsi, a detta loro, non sono sufficienti a tappare il buco nero delle assunzioni scolastiche; ancora troppi i precari da inserire rispetto ai posti disponibili. La denuncia parte dalla considerazione che il concorso abilitante straordinario sia una prova eccessiva per chi ha già svolto 36 mesi di servizio ed è in possesso di Laurea e 24CFU.

Ma è proprio di pochi giorni fa la notizia che il TAR del Lazio ha bocciato il ricorso di alcuni docenti e ha stabilito che Laurea, 24 CFU e 36 mesi di esperienza professionale, pur se posseduti congiuntamente, non sono equiparabili al conseguimento del titolo abilitativo.

Intanto si attende l’avvio del “Tavolo sui percorsi abilitanti”, promesso dal Governo con l’attuale Decreto Scuola del 6 giugno 2020. I sindacati sperano inoltre in una revisione dei punteggi assegnati attraverso le nuove tabelle di valutazione dei titoli, che sembrano aver avvantaggiato i neo-laureati e causato non poche difficoltà nell’elaborazione delle graduatorie provinciali.

Che dire, speriamo che le alte cariche dello Stato facciano più spesso visita ai luoghi disagiati del nostro territorio, visto l’effetto positivo apportato in questo caso.

informareonline-conte-azzolina (4)-min

di Francesco Cimmino 

Print Friendly, PDF & Email