Consegnato all’Ariston di Mondragone il Premio De Martino

317
Premio De Martino

Si è tenuta ieri mattina, presso il Teatro Ariston, la premiazione dei vincitori del Concorso Poetico e Letterario dedicato alla Prof.ssa Anna De Martino, indetto dalla Fondazione “Vito Bisecco”, in collaborazione con l’Istituto Statale di Istruzione Secondaria “Nicola Stefanelli”. 

Oltre agli alunni dello Stefanelli hanno partecipato anche gli studenti del secondo e terzo anno della Scuola Secondaria di Primo Grado “Michelangelo Buonarroti” di Mondragone che hanno presentato ben 150 elaborati che sono stati esaminati da una Commissione composta dagli stessi docenti di entrambi gli Istituti, retti dalle Dirigenti Scolastiche, d.ssa Giulia di Lorenzo e d.ssa Lucia Razzino.

Il tema prescelto per questa 11° edizione è stato l’articolo 3 della Costituzione, il cui valore fondante, l’uguaglianza di tutti i cittadini con  pari dignità, senza distinzione di sesso, razza, lingua, religione, opinioni e condizioni, vuole invogliarci a ricercare una società più equa e giusta che ci consenta di realizzare un’autentica, quanto sostanziale, parità fra gli uomini.

informareonline-premio-de-martino

Madre Natura ha creato ogni essere umano uguale all’altro, con due occhi, cinque dita per ogni mano, due gambe ed un solo cuore, ma è lo stesso uomo che, crescendo, crea delle barriere tra i suoi simili: a volte è il colore della pelle, a volte può essere una disabilità o talvolta un sentire diverso. Ed è dietro queste barricate che germoglia il seme dell’odio che porta a guerre fratricide, allontanandoci ogni giorno di più dalla nostra indole e facendoci perdere di vista lo scopo per il quale siamo venuti al mondo.

Ma, se per un momento, sapessimo fermarci per provare a leggere negli occhi di un bambino la nostalgia dell’odore del pane appena sfornato della nonna lontana che ha dovuto lasciare per poter avere un futuro migliore, o il disagio di un ragazzo che vorrebbe lasciare quella sedia per poter tirare un calcio a quel pallone, forse potremmo risentire ancora l’eco di quell’umanità che ci sta scappando dalle mani e sarebbe bellissimo riuscire a far arrivare questo palpito alle generazioni future. E’ stato questo il messaggio che gli elaborati vincitori sono riusciti a trasmettere ad una platea, numerosa ed attenta.

Sono risultati vincitori:

Scuola Media Buonarroti – Grippo Francesco 1° P e Makar Nazarii 2° I per la prosa e Amleto Palumbo 3° M e Giametta Alessandra 3° F per la peosia;

Istituto Stefanelli – Rita Giacobbe 4° AT e Fiorelli Giovanni 3° AN per la prosa e, con menzione speciale, Martina Mazza 5° BT e Cristian Di Meo 4° AT per la poesia.

 

La grande emozione dei  ragazzi premiati ha creato alcuni momenti di commozione, stemperati solo dall’esilarante esibizione dello “Stefanelli Art”, un gruppo di giovani studenti che, mettendosi in gioco con molto coraggio, sono riusciti a creare una vera e propria piccola compagnia teatrale esibendosi in monologhi, balletti ed in alcuni scketch tratti dalla “Smorfia” di Massimo Troisi, dalla “Livella” di Totò e dalla commedia di Gaetano Di Maio “Arezzo 29” che hanno provocato momenti di irrefrenabile ilarità nel pubblico presente in sala.

Soddisfatti anche i docenti che, alacremente, si sono impegnati, per la perfetta realizzazione della manifestazione:  Antonietta Turco, Maria Miraglia, Giovanna Nardella, Pina Cristiani e Pietro Ciriello, il quale, coadiuvato da due alunni, ha funto anche da presentatore dando vita a non pochi momenti di autentico metateatro.

di Mina Iazzetta

Print Friendly, PDF & Email