imagesCastel Volturno_10/07/2015

111 beni di cui solo 6 effettivamente in uso. Un grande patrimonio che ad oggi, tuttavia, risulta riconvertito solo in minima parte. Si è tenuta questa mattina, presso la Sala consiliare “G. Rega” del Comune di Castel Volturno la conferenza stampa “Da beni confiscati a beni liberati”, organizzata dal Consigliere delegato ai Beni confiscati Alessandro Buffardi in collaborazione con l’Associazione Libera. “Siamo partiti dal censimento e dalla mappatura dei beni confiscati entro il territorio comunale – ha dichiarato il Consigliere Buffardi (SEL) – e ad oggi sono 6 i beni effettivamente in uso. Altri sono già pronti per la consegna e ci aspettiamo presto richieste per il loro affidamento. Il recupero dei beni confiscati rappresenta non soltanto una sfida culturale ma anche una risposta sociale: coi beni recuperati si crea occupazione e lavoro, contribuendo così a migliorare nel complesso l’economica dell’indotto collegato“. “Quello che manca è la domanda – ha dichiarato Fabio Giuliani, responsabile Libera Regione Campania – ovvero la richiesta d’utilizzo dei beni confiscati quindi il loro ripristino e ritorno a vitalità“. La sfida oggi è aiutare le associazioni a “costruire e realizzare progetti di affido che mirino alla promozione di modelli di impresa sociale in cui il bene diventa strumento di benessere collettivo” ha concluso Gianni Solino, responsabile Libera Caserta.

Print Friendly, PDF & Email