Venerdì 31 maggio alle 17:30 nella Casina Pompeiana l’incontro con il poeta e scrittore italiano Michele Caccamo che presenterà il suo nuovo romanzo Con le mani cariche di rose, Elliot Edizioni. Fondatore ed editore della casa editrice “Il seme bianco“, le opere di Caccamo sono state pubblicate e tradotte in Egitto, Yemen, Indonesia, Siria, Palestina, Sud Asia, Russia, Cile, Argentina, Messico, Spagna, Francia, Stati Uniti ed riconosciuto dal mondo della cultura araba come “Poeta della fratellanza”.

L’evento è organizzato in partnership con il Comune di Napoli e Magazine Informare.

Il romanzo 

Con le mani cariche di rose”, è un romanzo il cui filo conduttore è l’amore universale, che punta a sottolineare la potenza del sentimento, e prescinde da qualsiasi distinzione culturale, sociale o di sesso. Anche in questa ultima opera, Michele Caccamo, con la sua scrittura, riesce a stabilire un legame empatico con il lettore, attraverso un’accurata scelta lessicale.

Insieme all’autore, interverranno Tommaso Morlando, direttore di Magazine Informare, Claudio Finelli, delegato nazionale cultura dell’Arcigay e Luca Marfé, giornalista de “Il Mattino” di Napoli. A moderare l’incontro, la giornalista Alina D’Aniello.

A fare eco alla poesia di Caccamo, Maria Gabriella Tiné che leggerà alcune pagine del romanzo e Pasquale Terracciano che l’accompagnerà con i suoi intermezzi musicali. Nella sala, alle pareti le foto della mostra fotografica di Vito Fusco “Stonewall The Temple“.

Il fiume di Rose

In occasione della presentazione di “Con le mani cariche di rose”, la Casina Pompeiana ospiterà l’installazione realizzata da Rita Esposito, a cura di Daniele Galdiero. Il manufatto artistico interattivo consiste in una rete realizzata all’uncinetto dall’artista. Su di essa, i partecipanti saranno invitati a collaborare nel corso dell’evento a legare una Rosa all’uncinetto, donata loro dalla stessa artista. Una sorta di Roses Wall per bloccare discriminazioni e soprusi contro ogni libera forma dell’Amore. Le rose distribuite dall’artista durante l’evento saranno di colore viola, unione del rosa e dell’azzurro, in omaggio alla Violetta, fiore prediletto dalla poetessa Renée Vivien.

di Carmelina D’aniello

Print Friendly, PDF & Email