Comparto bufalino dal Prefetto: “Tavolo con De Luca su emergenza bufale”

35
informareonline-brucellosi
Pubblicità

Continua la controversia tra gli allevatori del comparto bufalino della provincia di Caserta e i sindaci, che stanno sostenendo le ragioni del “no” deciso al piano di eradicazione della brucellosi, evaso dalla Regione Campania.

L’incontro col Prefetto di Caserta

Il 3 agosto, alle 17.30, una delegazione del Coordinamento Unitario in Difesa del Patrimonio Bufalino, composta da Gianni Fabbris e due allevatori (Pasquale D’Agostino e Attilio Galeone), ha incontrato il Prefetto di Caserta Giuseppe Castaldo. La delegazione, dopo aver ringraziato la prefettura per l’attenzione riservata alla questione, ha richiesto l’apertura “di un tavolo istituzionale di confronto con la Presidenza della Regione Campania”. Fabbris ha aggiunto: “Lo chiediamo sia perché la Presidenza ha gli strumenti adeguati per affrontare una questione complessa che investe più profili, oltre quello tecnico-scientifico, sia perché il Presidente De Luca ha la delega alla Salute, essendo l’Assessorato sotto la sua diretta responsabilità. Adesso non è più possibile discutere con l’Assessore all’Agricoltura, delegittimato di funzioni e poteri decisionali”.

Pubblicità

Il Prefetto Castaldo, dopo aver ascoltato con attenzione e aver sottolineato i limiti dentro cui il suo ruolo può esercitare le funzioni, ha assicurato che da subito avrebbe messo in campo un’ulteriore azione di interlocuzione con la Presidenza della Regione Campania.

Pubblicità