Come Vendere Droga Online, le due facce del web

informareonline-come-vendere-droga-online
Come Vendere Droga Online (In Fretta) è una serie televisiva tedesca che ha debuttato su Netflix il 31 maggio 2019, in tutti i paesi in cui il servizio è disponibile. La seconda stagione è disponibile dal 21 luglio 2020.

I creatori sono Philipp Käßbohrer e Matthias Murmann. È basata su fatti realmente accaduti in quel di Lipsia nel 2015.
How To  Sell Drugs Online (Fast) segue la storia di due studenti delle scuole superiori che hanno creato un business di droga online in Europa per riconquistare l’amore di una ragazza.
La serie è basata sulla storia del diciottenne Maximilian S., che ha lanciato un commercio di droga in rete dalla sua camera da letto a Lipsia alla fine del 2013 con il nome in codice Shiny Flakes. Era in grado di vendere inosservato i farmaci per un valore di quasi quattro milioni di euro in tutta l’Europa. Nel novembre 2015 è stato condannato a sette anni di prigione e la sentenza è diventata definitiva nel marzo 2016.

Come Vendere Droga Online (In Fretta) – Info principali

All’interno della serie numerosi sono i cenni al mondo del web attuale, da Mark Zuckerberg fino ad arrivare ai maggiori canali di servizio del segretissimo dark web.

Moritz, protagonista della serie, rappresenta il prototipo di ragazzo nato e cresciuto nell’era 2.0 che riesce a ottenere una propria rivalsa sociale grazie alla creazione di una start up della droga. Lenny, migliore amico di Moritz, si trova sulla sedia a rotelle e con un tumore in fase terminale. I soldi/bitcoins guadagnati dal duro lavoro dietro ad uno schermo potrebbero cambiare inaspettatamente il suo scenario d’esistenza.
Per ultimo c’è Dan, archetipo di ragazzo popolare e fiabesco, che fra i tre è colui il quale sembra essere meno attaccato all’idea di portare avanti il progetto. Si rivelerà essere un personaggio non scontato, pieno di debolezze causate dalla doppia arma dell’apparenza adolescenziale.
La serie funge da illustratrice di pregi e difetti del web, dei social e di chi li gestisce direttamente.
Se si è curiosi di scoprire quali sono i veri trucchi per sopravvivere all’interno di una comunità digitale sempre più solida, allora questa serie fa per voi.

Il gap generazionale ben rappresentato da Jens e Moritz

Altro punto importante del prodotto Netflix è quello del distacco generazionale, rappresentato dal rapporto genitore-figlio tra Jens e Moritz Zimmermann. Padre poliziotto completamente distante dalle logiche virtuali del web e figlio iper conoscitore del mondo digitale. E se questa fosse la causa scatenante dell’incomprensione costante tra i due? Altro punto interrogativo e spunto di riflessione lasciatoci dalla serie.

Come Vendere Droga Online (In Fretta) – Lo specchio della realtà

In ultimo luogo come non pensare al reale tema: il destino di chi vive nell’illegalità.
Rispetto alla tradizionale forma di criminalità lontana dai modelli del web, quella presente sul dark web sembra avere vita molto più lunga. Rivelare quanto duri la vita di uno spacciatore online come Moritz Zimmerman significherebbe creare uno spoiler indiretto ai fini della visione delle due stagioni. Sicuramente però il modo per arrivare a delinquere senza essere notati da chi vive intorno a noi, da chi davvero ci conosce, non è stato ancora inventato.
Moritz rappresenta non solo chi sfocia nell’illegalità, ma soprattutto chiunque decida di mettere al primo posto un’occupazione, un mestiere dal quale si inizia a dipendere a tutti gli effetti. I propri affetti, le proprie radici e perfino i propri reali doveri vengono conseguenzialmente annullati, annichiliti.
Da specificare che gestendo uno stile di vita del genere la distruzione è inevitabile. La perdita di qualsiasi contatto con la realtà è quasi sempre dietro l’angolo.
Più che un prodotto di intrattenimento o una sitcom, Come Vendere Droga Online (In Fretta) la si può definire un’analisi sociale accurata. La relazione tra Lenny e Kira, una ragazza conosciuta proprio online, è la prova evidente di quanto aggiunto precedentemente.
Una vera e propria fotografia del crollo di un quadro all’interno di un enorme edificio chiamato industria del web.
Guardando questa serie, nel bene o nel male, ne uscirete cambiati.

di Matteo Giacca

Print Friendly, PDF & Email