Il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale protagonista in Messico

Comandate Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale Generale di Brigata Fabrizio Parrulli

Grazie ad un accordo di cooperazione firmato nel Gennaio del 2017 tra il Governo Messicano e l’Italia, è stata creta una Unità Speciale della Polizia Federale Messicana che si occuperà di tutelare il suo ricchissimo patrimonio culturale secondo solo all’Italia per il numero di siti UNESCO, e tale Reparto è stato creato sul modello del Tutela Patrimonio Culturale dell’Arma dei Carabinieri, che nei quasi cinquant’anni di attività, è unanimemente riconosciuto, anche a livello internazionale, come punto di riferimento nello specifico settore.

Di fatto è stato inaugurato negli scorsi giorni, presso il Museo Nazionale di Antropologia e Storia a Città del Messico, alla presenza del Comandate Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale Generale di Brigata Fabrizio Parrulli, in rappresentanza del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri e del Segretario Generale del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MiBACT), la “Unidad de Tutela del Patrimonio Cultural” della Divisione di Gendarmeria della Policía Federal de México.

La cerimonia, che ha visto la firma di un accordo tecnico di collaborazione anche tra i vertici delle tre istituzioni federali messicane: la Policía Federal’, l’Instituto Nacional de Antropologia y Historia, autorità competente per la custodia e la valorizzazione delle opere, e l’Instituto Nacional de Bellas Artes, costituisce un grande successo per l’Italia ed in particolare per l’Arma, che sostiene il Governo messicano, a seguito dell’accordo di cooperazione, firmato il 18 gennaio 2017, per il supporto all’addestramento della Policía Federal di quella Nazione.

Questa proficua sinergia, prevede corsi di addestramento all’indirizzo del personale selezionato della Polizia Messicana a tutela del patrimonio culturale messicano, con la presenza, in qualità di istruttori, di rappresentanti del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, tratti della componente UNESCO “Unite4Heritage”, nonché di esperti del Ministero dei Beni e delle Attività Culturale e del Turismo, in prosecuzione delle attività di formazione, sulle tecniche di preservazione e messa in sicurezza dei beni culturali, iniziate nel novembre, a seguito degli eventi sismici che hanno colpito quel Paese nel settembre 2017.

di Antonino Calopresti