Climatizzatori e sistemi di raffreddamento: il prezzo che paga il pianeta

Informareonline-climatizzatori-e-sistemi-di-raffreddamento-il-prezzo-caro-che-paga-il-pianeta
Pubblicità
Mai come questa estate, trovare una soluzione a queste elevate temperature è diventato essenziale. In tutta la nostra penisola si sono registrate temperature mai così alte, a Siracusa toccati i 48.8 gradi, temperatura più elevata mai registrata in Europa.

Il riscaldamento globale ha portato con sé un incredibile aumento delle temperature che, a sua volta, ha portato all’aumento della domanda di sistemi di raffreddamento.
Come riuscire a sopravvivere? Attrezzarsi. Non c’è casa che non sia provvista di condizionatori o ventilatori. Ma vi siete mai chiesti quale sia l’effettivo prezzo di questi comfort? Qual è il prezzo dell’avere un po’ di fresco in casa?

E con prezzo non si intende certo il dispendio economico, bensì il prezzo che il nostro pianeta paga, ancora una volta, a causa nostra. Condizionatori e sistemi di raffreddamento consumano una quantità enorme di energia, portando quindi ad un’eccessiva produzione di Co2, principale causa dell’inquinamento atmosferico. Ancora, molte persone utilizzano vecchi modelli di condizionatore che rilasciano nell’atmosfera clorofluorocarburi, gas tra i principali responsabili del buco nell’ozono.

In che modo “aggirare” il problema? Innanzitutto comprare condizionatori di ultima generazione tenendo sempre conto della temperatura registrata all’esterno. Le temperature dei condizionatori infatti non dovrebbero andare al di sotto dei 6 gradi registrati all’esterno proprio per evitare l’eccessivo consumo di energia.

Pubblicità

Ma come eliminare totalmente il problema? Ci sono piccoli trucchetti che possono tenerci al fresco evitando l’uso di questi dispositivi. Utilizzare persiane o tende per evitare il contatto diretto con i raggi solari, aprire le finestre durante le ore notturne sfruttando le correnti. Ancora, coibentare le abitazioni, preferire l’uso del ventilatore a quello del condizionatore.

Negli ultimi tempi, l’emergenza climatica si è imposta come uno dei principali problemi che affliggono il nostro pianeta. Cercare di salvaguardare la sua sopravvivenza dovrebbe essere preoccupazione di tutti. I metodi per ridurre o almeno non aggravare il problema esistono. Dovremmo utilizzarli tutti proprio per evitare che la situazione creatasi a Siracusa diventi normalità.

di Ludovica Palumbo

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità