Ciro Di Maio : “Con il covid – la camorra farà un salto di qualità”

informareonline.com-ciro-di-maio-7-e1603360621522

«La pizza è meglio della camorra», parola di Ciro Di Maio, giovane ristoratore di Frattamaggiore, che ha trovato la sua strada a Brescia ma non ha dimenticato le sue origini. Il padre Eugenio da ragazzo si era fatto abbagliare dai soldi facili che la malavita assicura a chi è in difficoltà: «Si era fatto intrappolare, perché quella è una ragnatela, una volta entrati non si esce, o si finisce in carcere o si finisce morti. Non ci vuole coraggio per entrare nella camorra, ce ne vuole per uscirne. Ma lui ce l’aveva fatta. Io l’ho conosciuto quando era già una persona pulita. Prendeva i ragazzi e li portava in comunità, raccontava loro la sua storia per accendere la speranza di una vita migliore». Pur vivendo in un quartiere difficile, le casi popolari di via Rossini a Frattamaggiore, Di Maio ha sempre avuto davanti l’esempio del padre. Ha scelto da subito il percorso della ristorazione e ha lavorato in diverse città del Nord, dove ha trovato le opportunità che la sua città gli negava. A Brescia ora ha una pizzeria. E adesso che il padre è scomparso per una malattia, Ciro vuole impegnarsi in prima persona per portare avanti il suo insegnamento. «Con il covid – dice – la camorra farà un salto di qualità perché è proprio quando ci sono situazioni problematiche che la malavita ti illude con i suoi soldi di avere la soluzione, ma non è così. A Brescia mi trovo bene, ma voglio tornare nel mio quartiere per continuare a fare quello che faceva mio padre: aiutare i giovani delle case popolari. Lo farei con il mio lavoro, insegnando a chi crede di non avere futuro che con impegno il futuro si può costruire. Ci sono tantissime opportunità. Certo servono sacrifici, ma sono quelli che danno valore alla vita».

Print Friendly, PDF & Email