Cinema sul lago: ultimo appuntamento con “Tuo, Simon”

66
informareonline tuo cinema sul simon lago rain arcigay
Pubblicità

A partire dal 15 luglio, il parco Faber ha ospitato il progetto Cinema sul Lago, mettendo a disposizione la cornice suggestiva offerta dal Laghetto Allocca. La scorsa serata si è tenuta l’ultima proiezione della rassegna organizzata da Rain Arcigay Caserta, proiettando “Tuo, Simon” di Greg Berlanti.

Le parole di Bernardo Diana

Prima dell’inizio della proiezioni, il presidente di Rain Arcigay Caserta Bernardo Diana ha speso alcune parole sul progetto. Innanzitutto Diana ha voluto ricordare come questa rassegna sia stata finanziata dal Ministero della Cultura e lo scopo finale era quello di “tentare di riqualificare il Parco Faber attraverso l’uso dell’arte cinematografica”. Inoltre, ha ribadito come la scelta dei film non è stata casuale, poiché: “Siamo partiti con Tomboy, dove abbiamo analizzato il punto di vista di un bambino che s’interrogava sulla propria identità di genere. Siamo passati per Les Amour Immaginaires, pellicola che racconta in maniera eclettica le infatuazioni e le cotte. Successivamente abbiamo proiettato La diseducazione di Cameron Post, film toccante sulla terapie di conversione per adolescenti gay. Con Due di Meneghetti abbiamo visto una bellissima storie di due donne che si amano, ma che le famiglie e la società tentano di separare. L’ultima proiezione, infine, è quella di Tuo, Simon, storia di un amore adolescenziale in un liceo americano”.

Pubblicità

Inoltre, prima della proiezione dell’ultima pellicola, è stata mostrata al pubblico un’anticipazione di 12 minuti del docufilm realizzato presso l’immobile di Rain Arcigay Caserta nel Parco Faber. Il film uscirà in autunno e verrà distribuito in vari festival.
L’obiettivo, aggiunge Diana, è “quello di mantenere sempre un faro acceso su questo progetto, anche quando questo finirà”.

Tuo, Simon

Il film proiettato la scorsa serata è un adattamento cinematografico del romanzo “Non so chi seima io sono qui” (Simon vs. the Homo Sapiens Agenda) di Becky Albertalli. Il protagonista è il diciassettenne gay Simon, interpretato da Nick Robinson, alle prese con gli amici, la famiglia, un amore segreto on-line e un bullo che minaccia di rivelare a tutti la sua omosessualità.

Simon rappresenta il messaggio stesso lanciato dal film ed è fondamentale la scena in cui non ammette di non voler far coming out per due motivazioni: il fatto di non voler modificare la sua vita e il suo mondo, e il fatto di non trovare giusto che debbano essere solo i gay a dichiararsi. “Perché essere etero è la normalità?“. 

La fine della rassegna

Si chiude il sipario sullo splendido cinema galleggiante messo in piedi da Rain Arcigay Caserta che, con dedizione e passione, ha voluto riqualificare una zona dal passato oscuro. Attraverso la presenza dell’associazione, Castel Volturno ha potuto godere di un po’ di “arcobaleno” sul laghetto Allocca. Noi di Informare siamo lieti di aver fatto parte del progetto e ci auguriamo che in futuro sempre più iniziative del genere vengano proposte sul territorio castellano. Grazie Rain Arcigay Caserta, da Informare e dalla città di Castel Volturno.

Pubblicità