Cile, un cimitero della moda usa e getta di tessuti tossici

270
informareonline-cile
Pubblicità

Un cimitero della moda usa e getta di tessuti tossici in Cile: “Questi vestiti arrivano da tutto il mondo”. Stivali da pioggia o anche après-ski nel bel mezzo del deserto di Atacama: nel nord del Cile, le discariche selvagge di vestiti e scarpe usate stanno crescendo in proporzione alla dilagante produzione di moda low cost su scala globale

“Questi vestiti arrivano da tutto il mondo”. Stivali da pioggia o anche après-ski nel bel mezzo del deserto di Atacama: nel nord del Cile, le discariche selvagge di vestiti e scarpe usate stanno crescendo in proporzione alla dilagante produzione di moda low cost su scala globale.

Il Paese sudamericano è specializzato da quarant’anni nel commercio di abiti usati, tra abiti scartati dai consumatori, destoccaggio e buone opere provenienti da Stati Uniti, Canada, Europa e altri Paesi.. Ogni anno 59.000 tonnellate di vestiti arrivano nella zona franca del porto di Iquique, 1.800 km a nord di Santiago.

Pubblicità
In questa zona commerciale con dazi doganali preferenziali, le balle vengono smistate e poi rivendute nei magazzini dell’usato in Cile o esportate in altri paesi dell’America Latina.
“Questi vestiti provengono da tutto il mondo”, ha dichiarato ai media, un ex lavoratore nell’area di importazione del porto. Ma di fronte alla crescita della quantità di abbigliamento prodotta a basso costo in Asia per marchi in grado di offrire una cinquantina di nuove collezioni all’anno, il circuito è congestionato e gli scarti tessili si accumulano in maniera esponenziale. Circa 39.000 tonnellate di rifiuti vengono così stoccate in discariche abusive ad Alto Hospicio, cittadina alla periferia di Iquique. “Ciò che non è stato venduto a Santiago o che non è stato contrabbandato in altri paesi” come Bolivia, Perù e Paraguay “rimane qui” perché portarli fuori dalla zona franca non sarebbe redditizio, spiega Alex Carreño, che vive vicino a un discarica.
“Il problema è che questi vestiti non sono biodegradabili e contengono sostanze chimiche, quindi non sono accettati nelle discariche municipali”, ha affermato Franklin Zepeda, che ha appena creato una società di riciclaggio EcoFibra nel tentativo di farlo. Nei grappoli di abiti emergono una bandiera americana, gonne di lamé, pantaloni che hanno ancora le etichette, felpe dai colori natalizi.
Secondo uno studio delle Nazioni Unite del 2019, la produzione globale di abbigliamento, raddoppiata tra il 2000 e il 2014, è “responsabile del 20% dello spreco totale di acqua nel mondo”. Secondo il rapporto, la produzione di abbigliamento e calzature produce l’8% di gas serra e, alla fine della filiera, “ogni secondo viene seppellita o bruciata una quantità di tessili equivalente a un camion di rifiuti”. Nell’Alto Hospicio vengono interrati anche un gran numero di indumenti per prevenire incendi che possono essere altamente tossici a causa della composizione sintetica di molti tessuti.

Ma se sono sepolti sottoterra o lasciati all’aperto, la loro decomposizione chimica, che può richiedere decenni, inquina l’aria e le acque sotterranee.Il governo ha recentemente annunciato che l’industria tessile sarà presto soggetta alla legge sulla “Responsabilità estesa del produttore”, che richiede alle aziende che importano abbigliamento di assumersi la responsabilità dei residui tessili e di facilitarne il riciclaggio.

Nella sua azienda Alto Hospicio, fondata nel 2018, Franklin Zepeda lavora fino a 40 tonnellate di indumenti usati al mese. Gli indumenti sintetici e in poliestere vengono separati dagli indumenti in cotone e vengono quindi utilizzati per realizzare pannelli isolanti per l’edificio. Dopo 10 anni di lavoro nella zona franca di Iquique, l’imprenditore, stanco di vedere queste “montagne di scarti tessili” vicino a casa sua, ha deciso di “uscire dal problema ed essere parte della soluzione”. Per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti “, siamo ormai in un mondo di “fashion victim”? Decisamente sì, e non solo nel senso di persone che seguono acriticamente le mode del momento.

Secondo il rapporto di Greenpeace, Toxic threads – The fashion big stitch-up, l’industria tessile provoca infatti danni gravissimi all’ambiente, ma anche alla salute. Lo rivelano le analisi chimiche eseguite su decine di prodotti dei marchi più importanti del pianeta. Due terzi dei quali, in base ai risultati, contengono sostanze tossiche e nocive. “I 20 principali brand di moda vendono indumenti contaminati da sostanze chimiche pericolose che possono alterare il sistema ormonale dell’uomo, ha rivelato l’associazione ambientalista “Se rilasciate nell’ambiente, possono diventare cancerogene”.

di Redazione Informare 

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità