Che cos’è il Fentanyl e perchè si parla di epidemia negli USA

Gianrenzo Orbassano 06/12/2023
Updated 2023/12/06 at 9:02 PM
5 Minuti per la lettura
Immagine tratta dal sito oregonlive.com

Negli ultimi anni, alcune città degli USA come Portland sono state attenzionate dal governo americano a causa di un’epidemia senza precedenti di abuso di Fentanyl che sta dilaniando queste comunità.

La sostanza stupefacente, originariamente progettata per trattare il dolore severo, ha assunto proporzioni epidemiche, trasformando queste città in luoghi denominati tristemente come “Zombieland“. Sono diventate ormai troppe le famiglie dell’Oregon che piangono la perdita dei loro cari a causa del fentanyl illegale.

Che cos’è il Fentanyl e perché è un problema negli USA

Il Fentanyl è un oppioide sintetico, è da 50 a 100 volte più potente dell’eroina, più economico e facile da produrre e crea maggiore dipendenza. Inoltre, comporta un maggior rischio di overdose, soprattutto per i giovani che non hanno esperienza nell’uso di oppioidi. Secondo il National Center for Health Statistics, l’anno scorso i decessi per overdose in Oregon sono aumentati del 41%, rispetto a un aumento del 16% a livello nazionale. Nel 2021 sono stati 100mila gli statunitensi morti per overdose, 30mila in più rispetto ai dati del 2019. La maggior parte di questi decessi è dovuta al Fentanyl. Oggi, il Presidente USA Joe Biden, parla di allarme Fentanyl che coinvolge i più giovani e – secondo le sue stime – “it is killing more than 70,000 Americans a year.”

La disponibilità di questa droga ha raggiunto livelli preoccupanti, alimentando una crescita esponenziale di tossicodipendenti. Il problema si è ulteriormente aggravato quando il Fentanyl è stato mescolato con altre sostanze stupefacenti, amplificando il rischio di overdose e decessi.

Zombieland: le autorità hanno difficoltà a combattere il fenomeno

I quartieri colpiti dall’epidemia di Fentanyl hanno acquisito il soprannome di “Zombieland” a causa del comportamento zombie-like degli individui dipendenti. Passeggiare per queste strade significa confrontarsi con un panorama di persone dipendenti da questa droga. Le autorità locali sono sovraccariche, e i servizi di emergenza sono costantemente sotto pressione per rispondere alle chiamate legate a overdose e situazioni di emergenza causate dalla dipendenza da Fentanyl.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha riassunto la portata dell’epidemia di Fentanyl citando il cartello della droga messicano per il loro ruolo nell’importazione di Fentanyl negli Stati Uniti. Il Fentanyl è oggi la principale causa di morte per gli americani di età compresa tra i 18 e i 49 anni e ha alimentato l’epidemia di oppioidi che ha devastato le famiglie e le comunità degli Stati Uniti negli ultimi anni.

Cosa c’entrano Messico e Cina con il Fentanyl

La discussione sul Fentalyn è arrivata quindi alle massime cariche del governo americano durante l’ultimo incontro tra i presidenti Joe Biden e Xi Jinping. Ma perché? La Cina ha infatti un ruolo centrale nella produzione e nella circolazione della droga. Non a caso due nomi da strada per il fentanyl sono “china girl” e “chinatown”. Questo perché, prima che il traffico passasse per il Messico, era la Cina a trasportare via aria il prodotto negli Stati Uniti.

Al momento invece l’84% del fentanyl viene sequestrato via terra (dogana) o attraverso canali di immigrazione irregolare (16%). I dati fanno riferimento ai sequestri della DEA del 2022, che contano circa 379 milioni di pasticche (una per ogni americano), ovvero 4,5 tonnellate di fentanyl in polvere. A oggi la Cina è il principale produttore degli ingredienti del fentanyl che giungono in Messico. Per questo già Donald Trump aveva tentato un accordo con Xi Jinping: maggiore controllo sulla produzione in cambio di allentamento dei dazi su Pechino. Ma l’accordo fallì e la Cina lasciò che il fentanyl fosse un problema unicamente americano. L’incontro Biden-Xi Jinping potrebbe però fornire un nuovo tavolo di lavoro sui rapporti tra i Paesi, con il Fentanyl come argomento principale insieme a Taiwan.

Aggiornamenti incontro Biden – Xi su Fentanyl

Si parla, tra polemiche e critiche, di un patto stretto tra Biden e Xi Jinping lo scorso mercoledì che impegnerebbe la Cina a fermare le aziende che producono ed esportano le sostanze di partenza per la sintetizzazione dell’oppioide. L’obiettivo è quello di limitare in modo significativo il flusso di questi prodotti verso il Messico. Intanto, l’allarme Fentanyl sta preoccupando seriamente il vecchio continente…

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *