Castel Volturno, Scialla a Marrandino: “Non è farina del tuo sacco!”

48
informareonline-pineta
Pineta di Castel Volturno
Pubblicità
informareonline-ente-riserva-alberi
Pineta di Castel Volturno interessata al progettoGF

Riceviamo e pubblichiamo la nota inviata dal capogruppo PD al comune di Castel Volturno, il consigliere Giuseppe Scialla.

Nell’ultimo consiglio comunale online, di martedì 26 Gennaio, il sindaco Luigi Petrella, con fare critico, invitava il consigliere Scialla a smetterla di accusare l’amministrazione d’inerzia e di ritardi, bensì ad adoperarsi anch’egli come consigliere comunale e mettersi a disposizione della città (Scialla è stato assessore ai lavori pubblici della passata amministrazione Russo e candidato sindaco nell’ultima tornata elettorale, e quasi tutti i progetti finora cantierabili, sono frutto di quell’ufficio, questo per onestà intellettuale e corretta informazione N.d.r.).
Apprezzai quel richiamo, lo ritenevo doveroso, perchè l’impressione che se ne traeva dall’esterno (compreso il sottoscritto) , era che il consigliere Scialla fosse contro a prescindere.
Per altrettanta onestà intellettuale, devo dire che in ogni incontro o intervista avuta dal sindaco Petrella, lo stesso ha sempre tenuto a puntualizzare che la maggior parte delle opere in itinere erano frutto del buon lavoro fatto dalla passata amministrazione.
Oggi ci giunge questa nota, che parla dell’approvazione del Piano di Gestione Forestale della nostra pineta, un risultato storico e di vitale importanza, e con un finanziamento di circa 4 milioni di euro. Chi conosce la prassi e i tempi delle amministrazioni, sa bene che tutto ciò è la risultanza di un lavoro continuo e costante dovuto sia alla competenza dell’ufficio tecnico di riferimento, sia al politico che ha seguito il procedimento in tutte le sue fasi; pertanto occorre dare oggettivamente atto al Consigliere Scialla del buon lavoro fatto e il doveroso ringraziamento dei cittadini per lo straordinario risultato.
(Tommaso Morlando)

Pubblicità
Di seguito la nota del consigliere Giuseppe Scialla.

“Ieri abbiamo appreso – con molto sollievo –  che la Regione Campania ha approvato il Piano di Gestione Forestale del Comune di Castel Volturno (PGF) a cui è legata la realizzazione di un intervento di recupero della nostra pineta comunale finanziato (per quasi € 4.000.000) con ben due delibere regionali: una a maggio che stanzia € 3.000.000 e una a dicembre che stanzia altri € 950.000.

L’annuncio lo ha dato il vicesindaco, Pasquale Marrandino, che ha fatto il solito proclama trionfalistico senza mettere al corrente i cittadini su ciò che è stato veramente fatto e su chi lo ha concretamente portato avanti.

Sarebbe stato un gesto BELLO e UTILE fare il comunicato raccontando che il progetto di recupero della pineta – NELLA REALTA’ – è stato frutto anche del lavoro di un consigliere di minoranza:

–          Sarebbe stato BELLO perché avrebbe dimostrato che l’assessore Marrandino è una persona leale che non ha timore a riconoscere il contributo fattivo di un suo oppositore (Ma, evidentemente, Marrandino non è di questa pasta);

–          Sarebbe stato UTILE perché i cittadini di Castel Volturno avrebbero finalmente percepito che i rappresentanti della politica locale – normalmente su posizioni opposte –  possono collaborare per raggiungere obiettivi di rilevanza generale per il nostro territorio. Invece, il vicesindaco preferisce fare dichiarazioni e proclami soltanto per un infimo tornaconto: alimentare esclusivamente il consenso personale, nascondendo ai cittadini la verità dei fatti. Un consenso formato, quindi, sull’inganno.

Per chi volesse conoscere realmente come sono andati i fatti, potrà leggere ciò che segue.

MARZO 2020 – nel lockdown appena iniziato – con alcuni membri dello staff dell’assessore all’Ambiente della Regione Campania, Fulvio Bonavitacola, io e l’ex Sindaco Dimitri Russo, effettuammo un sopralluogo in pineta per programmarne un intervento di recupero finanziato dalla Regione.

In quel sopralluogo documentammo il grave stato di degrado, incuria ed abbandono della pineta a cui, qualche mese dopo, la giunta di De Luca, con delibera n. 257 del 26/05/2020, diede una immediata risposta  stanziando € 3.000.000 per la pulizia ed il recupero ambientale della pineta e della fascia retrodunale.

A GIUGNO, la Regione ci comunicò che l’intervento era condizionato all’esistenza di un Piano di Gestione Forestale (PGF) regolarmente approvato. Solo che il PGF del nostro Comune era dormiente (e quindi ancora non approvato) da oltre un anno per inerzia degli uffici comunali preposti e perché nessun amministratore se ne era occupato.

Per favorire lo sblocco del PGF, personalmente sollecitai il competente funzionario dell’ufficio LL.PP. e Patrimonio del Comune, arch. Claudio Fiorillo, ed inviai allo staff dell’assessore Bonavitacola – dalla mia casella email personale –  il file contenente il PGF (prima si chiamava PAF) per accelerarne i tempi di approvazione.

Ciò che mancava all’approvazione, era la cosiddetta valutazione di incidenza ambientale che, su formale suggerimento della Regione, poteva essere velocemente rilasciata da una commissione di esperti nominata dal Comune.

Ancora una volta, il nostro Comune trascurò la questione tant’è che a OTTOBRE 2020, la dirigente del settore Foreste della Regione Campania sollecita via PEC la valutazione d’incidenza ambientale al Comune per la definitiva approvazione del PGF.

Solo il 13 NOVEMBRE la Giunta Petrella deliberò di volersi avvalere di una commissione interna per la valutazione d’incidenza ma poi non ne nominò i componenti.

L’inerzia del Comune ci stava costando cara: il 28 NOVEMBRE (era un sabato mattina) un funzionario regionale mi chiamò per sollecitare l’immediata nomina degli esperti della commissione comunale. Questo perché, come mi riferì lo stesso funzionario “per il 30 Novembre alle 16.00 era programmata una riunione in Regione con cui si sarebbero revocate le somme destinate al Comune di Castel Volturno  – data la sua inerzia – per destinarle ad interventi analoghi in altri Comuni della Campania”.

Appena finita la telefonata con la Regione, mi preoccupai di chiamare immediatamente il funzionario responsabile del Comune per sollecitare la nomina degli esperti e raggiunsi fisicamente il vicesindaco Marrandino nella piazza antistante il Municipio per comunicargli la gravità della situazione e per invitarlo a presidiare l’ufficio competente affinchè entro la mattina del 30 fosse nominata, finalmente, la commissione per il parere di incidenza.

Ebbene, quando LUNEDÌ 30 NOVEMBRE 2020 venne nominata la commissione di esperti, comunicai il buon esito immediatamente al funzionario regionale affinchè lo riportasse a chi stava decidendo la revoca del nostro finanziamento. Nella riunione in Regione di quel pomeriggio, quel finanziamento non venne più revocato e, finalmente, si potè riaprire la prospettiva per il recupero della nostra pineta. Ora sapete.”

Giuseppe Scialla
Consigliere Comunale di Castel Volturno

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità