Castel Volturno, raccolta rifiuti fuori controllo interviene il Vicesindaco Marrandino

417

Il Vicesindaco: “Nuovi mezzi e personale per affrontare il disagio odierno”. Ma il caos rifiuti era facilmente prevedibile, come ampiamente mostrato dai nostri approfondimenti.

CASTEL VOLTURNO – Dopo la settimana di ferragosto, nella zona di Pinetamare (Villaggio Coppola) si torna a vedere scene vergognose per un servizio di raccolta rifiuti in evidente difficoltà. Una situazione che molti cittadini hanno definito “fuori controllo“, frutto sia del boom di villeggianti di quest’estate sia da scelte discutibili sul servizio di nettezza urbana.

D’altronde proprio sulla nostra testata abbiamo ampiamente previsto il caos attuale e il motivo è molto semplice.

I nostri dubbi, poi confermati dalle immagini, derivavano dalla scelta dell’amministrazione di Castel Volturno di cambiare in piena estate la ditta responsabile del servizio di raccolta rifiuti (Teknoservice), per poi stabilire con quest’ultima una proroga tecnica per il mese di agosto data l’impreparazione momentanea della nuova ditta vincitrice della gara d’appalto ponte (Isola Verde Ecologia srl). Tornare nuovamente sulla dubbia efficacia di questa scelta non ha senso, soprattutto ora che il territorio deve avere una risposta decisa e urgente al caos della raccolta rifiuti.

Pubblicità
Per tale ragione abbiamo raggiunto telefonicamente il Vicesindaco e Assessore all’ambiente Pasquale Marrandino, che ci ha aggiornato sulle prossime azioni per rimuovere i cumuli e sul perché del caos creatosi.

Ovviamente il passaggio di testimone tra un azienda e l’altra ha fatto ricadere sul parco macchine e sui dipendenti qualche difficoltà tecnica che, sommata alla straordinarietà della stagione estiva, si è trasformata in disservizi e ritardi – afferma il Vicesindaco Marrandino – Sicuramente questo è il periodo meno adatto per effettuare un passaggio di cantiere, ma purtroppo dopo la vicenda Senesi e soprattutto a causa della precedente gara bloccata in Prefettura per anni, siamo stati costretti prima con ordinanza e poi con minigara su MEPA, con successive proroghe, ad affidare il servizio di raccolta alla TeknoService di tre mesi in tre mesi, nelle more della preparazione di un nuovo progetto industriale aggiornato e soprattutto su misura per Castel Volturno”.

informareonline-marrandino
Pasquale Marrandino

Sulle prospettive future e le azioni da intraprendere per fronteggiare il caos rifiuti odierno, il Vicesindaco Marrandino ha affermato: “In queste ore dopo ovvie e pesanti solleciti, la TeknoService ha inviato sul territorio ulteriori mezzi e personale per fronteggiare il disagio odierno. La situazione sta rientrando e personalmente ho chiesto di accelerare sulla raccolta dell’umido che con queste temperature potrebbe creare qualche problemino igienico-sanitario. Intanto tengo a precisare che l’ufficio sta lavorando già su un nuovo progetto industriale che vedrà a seguito una nuova gara per affidare il servizio per cinque anni. Nei prossimi mesi, organizzeremo incontri con associazioni del territorio e con chiunque possa dare un valido contributo affinché, per il futuro, la gestione dei rifiuti non diventi mai più un problema e soprattutto un’emergenza”.

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità