Castel Volturno ha necessità di essere governata e programmata!

67
Informareonline-Castel-volturno
Pubblicità

Non siamo e non vogliamo essere bastian contrari, ma dire che quest’amministrazione è presa unicamente dalle emergenze quotidiane e unicamente concentrata sulla gestione ordinaria – (che svolge in malo modo) – è fazioso? È strumentale?
Assolutamente no, è verità oggettiva!

Nessuna discussione si sviluppa sulla città di Castel Volturno, sulle trasformazioni che sono necessarie e su quanto sarebbe doveroso programmare per il futuro. I cittadini si limitavano ad auspicare una città più decorosa, funzionale, strade in buone condizioni, servizi essenziali e controllo del territorio. Diciamolo: tutte cose importanti, primarie per le esigenze dei cittadini, che seppur non possono costituire l’orizzonte unico dell’attività politica, sono il minimo per poter apprezzare un’amministrazione.
Passiamo alle cose prioritarie e fondamentali a cui era chiamata quest’amministrazione e dove il fallimento è evidente: Piano urbanistico comunale, cardine dell’idea di città, un argomento che in questi due anni non è mai stato affrontato, se non con qualche improbabile comunicato stampa di fantomatici atti di indirizzo del sindaco.

E Castel Volturno ne avrebbe tanto bisogno. Avrebbe tanto bisogno di incrementare gli spazi dei parcheggi pubblici, di infrastrutture a servizio dei quartieri periferici, di indirizzi chiari per lo sviluppo delle future attività produttive, commerciali e terziarie in genere, di favorire il recupero – non solo edilizio – del centro storico ma di alcune parti del territorio che rappresentano una reale senescenza funzionale difficile da superare se non con interventi mirati e progettualità di reale recupero (scogliere di protezione marina-fogne-servizi).

Pubblicità

Informareonline-castel-volturno-2Castel Volturno si appresta (sperando) a dover utilizzare fondi europei e regionali per milioni di euro che sicuramente arriveranno dal recovery plan per un territorio tanto degradato.

I progetti ci sono? Stanno andando avanti? Si spera di non perdere quest’occasione storica ed unica, tuttavia sarebbe giusto che si discutesse di questi progetti-programmi, di come si impiegheranno queste risorse, per quali obiettivi. Mai invece un dibattito in consiglio comunale, mai un confronto tra le forze politiche, eppure sono temi che non dovrebbero essere considerati solo di competenza della maggioranza. L’opposizione potrebbe e dovrebbe dare il suo contributo alla discussione ma evidentemente sarebbe necessario il confronto, che è ritenuto superfluo. Il rischio concreto è che dopo i fondi che la vecchia amministrazione targata PD ha lasciato, la cittadinanza non ha avvertito un salto di qualità nella vita della città che andava conseguenzialmente messo in moto, continuando un percorso virtuoso ormai tracciato ma che è stato abbandonato lasciando spazio all’improvvisazione e all’incompetenza.

La sensazione più triste è che un dibattito del genere non solo non coinvolge tutte le forze politiche e la città, ma nemmeno sia presente nelle tante riunioni di maggioranza che si occupano solo di accordi e disaccordi del momento tra i protagonisti e le cariche da occupare.

Ancora una volta Vi invitiamo al confronto, per fortuna le norme meno restrittive imposte dal Covid-19  consentono incontri e confronti (sempre con le dovute precauzioni), pertanto i cittadini si attendono di conoscere quale programma a medio/lungo termine quest’amministrazione adotterà e quando lo renderà pubblico.

di Tommaso Morlando

 

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità