Castel Volturno, cittadini e associazioni ignorati nelle scelte d’interesse pubblico

575

Le associazioni di cittadini continuano a dare risposte concrete, fattive e propositive al territorio, ma in cambio di tanto impegno continuano ad essere ignorate dall’amministrazione, in modo particolare sull’ambiente e su progetti fondamentali per il territorio dove il coinvolgimento non è una concessione ma un vero diritto negato.

Mi spiego:

Pubblicità

Fatta la gara ponte di 10 mesi per scegliere la nuova ditta per il settore ecologia, ebbene le associazioni non sono state coinvolte, la carte del cittadino seppur inserita per iscritto nemmeno attivata, un progetto informativo per i lidi balneari che doveva partire da Marzo 20121  mai iniziato. La gara è stata fatta, ha vinto una nuova ditta, l’attuale TeKnoService a fine mese dovrebbe andare via…e tutto ciò avviene in pieno agosto e senza coinvolgere cittadini, forze sociali, imprenditoriali e politica, si dirà: ma la gara non è stata fatta da noi ma dalla  Stazione unica appaltante ASMECOMM. Certo, la procedura nessuno la contesta è la preparazione della gara che non ha coinvolto nessuno e che contestiamo.

Diventa veramente difficile comprendere questa “strategia” senza confronto e trasparenza degli atti e delle procedure adottate.

Ripeto, NON si discute la gara, ma i tempi di attuazione e i metodi utilizzati che porteranno unicamente danni e confusione.

In realtà leggendo il capitolato ed altro carteggio di gara, molte cose sono state finalmente adeguate, come la penale per il non raggiungimento della differenziata che per legge deve essere del 65%,  e le penalità contrattuali sul servizio (se ci saranno i controlli e applicate) ma va ancora studiato e approfondito e  ci ritorneremo in altre sedi e con altri modi, ma comunque molti errori e mancanze storiche, continuano ad esserci (non c’è lo stradario dello spazzamento, quale strade interessate, zone periferiche e centrali e enti istituzionali, zone estive e zone annuali), il parco mezzi va valutato ed adeguato in modo diverso,  tra periodo estivo ed invernale, le attrezzature e i mezzi di proprietà comunale dove risultano e che valore d’utilizzo è stato dato, continuiamo ad inserire nei costi una lava cassonetti che non abbiamo mai visto utilizzata, come 2 spazzatrici stradali utili se non troppo grandi e adeguate alle necessità reali… e tante altre cose, che noi cittadini , se fossero state attivate le consulte di settore, potevamo dare un contributo costruttivo e a costo zero, ma la “democrazia” e la partecipazione, sono termini di cui ci si riempie la bocca in campagna elettorale, ma poi quando diventano amministratori… TUTTI si sentono degli “eletti” e non dei semplici rappresentanti. Ma visto la competenza e le capacità professionali messe in campo, prendiamo atto che ancora una volta non si è ritenuto utile coinvolgere le associazioni dei cittadini.

Oggetto: PROCEDURA APERTA PER L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SPAZZAMENTO, RACCOLTA IN MODALITÀ PORTA A PORTA E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI E SERVIZI COMPLEMENTARI DEL COMUNE DI CASTEL VOLTURNO “GARA PONTE PER 10 MESI”.

 Isola Verde Ecologia srl – Aggiudicatario S 50.42 0 25 0 Risultato finale 75.42
TEKNOSERVICE S.R.L. – Secondo classificato S 62.42 0 1.1 0 Risultato finale 63.52

Altra cosa che preoccupa e non poco, che la nova ditta vincitrice dell’appalto  Isola Verde Ecologia srl nell’offerta tecnica ha totalizzato 50,42 punti mentre la TEKNOSERVICE S.R.L. ben 62,42 Pertanto un offerta qualitativa altamente migliore rispetto alla concorrente.
Ma per l’affidamento di gara, faceva punteggio anche il massimo ribasso economico dove la Isola Verde Ecologia srl  ha praticato un ribasso di ben 25%, conto 1% TEKNOSERVICE S.R.L.

Pertanto la nuova azienda a costo altamente inferiore come potrà garantire un servizio migliore se tecnicamente è risultata ampiamente inferiore?

Scusate di tutte queste note tecniche che ho dovuto inserire e spero che il tutto sia comprensibile e serva a poter fare delle valutazione di merito.

Infine chiedo e Mi chiedo … ma costoro, alcuni amministratori e funzionari, hanno il diritto di gestire a loro piacimento le sorti del nostro comune e con scelte unilaterali e a volte scellerate creare danni irreversibili ai cittadini?

di Tommaso Morlando

Nessuna descrizione della foto disponibile.
Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità