Dal 10 Luglio 2017 la Stazione Ferroviaria di Caserta ospita uno strumento prezioso, per italiani e stranieri: l’Infopoint di accoglienza turistica EPT- Regione Campania.

“Si tratta di un costante punto di riferimento per tutti i turisti in transito a Caserta, non solo in treno, ma anche in autobus e/o con mezzo proprio, in quanto, come è noto, la stazione di Caserta è ubicata esattamente di fronte alla Reggia”, afferma Antonio Raiano, responsabile della struttura. “I turisti sono per metà italiani e per metà stranieri, ma in alcuni mesi la presenza di stranieri è stata addirittura maggiore”, prosegue Raiano. Il complesso vanvitelliano è la meta prediletta dai turisti: “È ovvio che il principale attrattore per la stragrande maggioranza dei turisti sia la Reggia di Caserta. Direi che esso rappresenta il motivo primario della loro visita. E negli ultimi anni, con la gestione Felicori, vi è stato un rilevante incremento di visite, con numeri che sfiorano il milione di visitatori l’anno”. Ma a catalizzare l’attenzione del turista sono anche altre mete preziose che arricchiscono il nostro territorio: “Dopo la Reggia, le mete più gettonate sono il Borgo medioevale di Casertavecchia e il Real Sito Belvedere di San Leucio. Ma noi stiamo facendo un lavoro importante, ovvero quello di indirizzare i turisti verso tantissime altre località e tantissimi altri tesori della nostra provincia. Penso, ad esempio, a Capua e Santa Maria Capua Vetere, ma anche Teano, Sessa… Solo per citarne qualcuna”.
L’Infopoint di accoglienza turistica EPT- Regione Campania sta facendo un lavoro capillare e davvero importante per il turismo a Caserta, in quanto si tratta del primo ed unico punto di snodo ed assistenza per i turisti in transito nel capoluogo di provincia campano.
La struttura, oltre che dal responsabile Antonio Raiano, è attualmente composta da un collega e da studenti universitari tirocinanti, ma ultimamente anche da studenti dell’Istituto Buonarroti di Caserta, ad indirizzo turistico, nell’ambito dell’Alternanza scuola-lavoro.

di Teresa Lanna