Macrico Caserta verde pubblico

Caserta, Macrico come verde pubblico inedificabile: Lagnese e don Giannotti appoggiano la petizione

Redazione Informare 22/02/2022
Updated 2022/02/22 at 5:24 PM
2 Minuti per la lettura

La riqualificazione dell’area ex Macrico quale F2, cioè come “Verde pubblico inedificabile”, sarà uno degli argomenti del prossimo consiglio comunale di Caserta. Per tale obiettivo, alcuni cittadini hanno deciso di avviare una petizione, protocollata in Comune dal comitato “Macrico Verde” e alla quale hanno apposto la propria firma anche il vescovo di Caserta Pietro Lagnese e don Antonello Giannotti, direttore dell’istituto di Sostentamento Clero. Tra i firmatari anche il Vescovo Emerito Raffaele Nogaro.

“In considerazione dell’autorevolezza dei firmatari e della precisa richiesta della proprietà, che di fatto nel chiedere la qualifica di F2 valorosamente rinuncia a qualsiasi azione speculativa e corrisponde a quanto affermato negli ultimi venti anni dal Vescovo Nogaro e a quanto coraggiosamente dichiarato più volte dal Vescovo Lagnese – si legge in una nota di Maria Carmela Caiola Sergio Tanzarella – chiediamo ai consiglieri comunali di Caserta di provvedere senza indugio a votare la destinazione urbanistica F2 per l’area ex Macrico, permettendo quindi alla proprietà di poter realizzare, come meglio ritiene, un progetto che possa rendere fruibile l’area stessa come parco, disponibile per i cittadini e per il bene pubblico. Chiediamo ai consiglieri comunali di riparare ai 21 anni di indecorosi progetti di cemento, e di inutili attese e rinvii dei loro predecessori, sanando un ritardo che ha negato l’ascolto della richiesta avanzata con petizioni, convegni, manifestazioni che hanno coinvolto nel tempo molte migliaia di persone. Sul destino e la qualifica dell’area ex Macrico la città si è già e più volte espressa, ma i rappresentanti del popolo fino ad oggi si sono sempre tirati indietro. Adesso i consiglieri comunali hanno un’occasione storica di riscatto per il Consiglio comunale e per la città”.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *