Caro-bollette e prezzi del pane alle stelle: la risposta dei panificatori napoletani

Ludovica Palumbo 30/09/2022
Updated 2022/09/30 at 12:49 PM
2 Minuti per la lettura

Ricordate l’articolo di pochi giorni fa sui prezzi stellari del pane (retro)? Con l’aumento delle bollette ed il prezzo sempre più alto delle materie prime, anche un semplice pezzo di pane sembra stia diventando a poco a poco un alimento costoso e destinato ai pochi, già com’è diventato, negli ultimi anni, per carne e pesce. Soprattutto per chi fatica ad arrivare a fine mese.

A tutto questo arriva la reazione dei napoletani che rispondono alle ingiustizie scendendo in piazza e portando con sé la generosità e la bontà.

Prezzi del pane: cosa è accaduto a Napoli

Ieri, 29 settembre, centinaia di panificatori si sono riuniti in piazza Plebiscito con i loro furgoni regalando pane e prodotti da forno a tutti i passanti.

Si sono riuniti per protestare contro l’aumento del prezzo della vita inscenando il funerale della loro arte, con una bara sulla quale era affisso un manifesto funebre dedicato a ”la panificazione”.

Avrebbero potuto urlare, protestare, fermare la produzione…e invece hanno agito come solo i napoletani sanno fare: mostrando un sorriso e tendendo una mano verso il prossimo. Una protesta pacifica che non ha creato alcun disagio alla routine della città. Hanno regalato pane, pizze a tutti i passanti ricordando quanto l’arte della panificazione sia importante nella tradizione partenopea.

A chi ha chiesto come stiano vivendo questa situazione uno di loro ha risposto:

«Aumenti del 700 per cento, non possiamo più sostenere i costi e non possiamo chiedere ai nostri clienti cifre assurde, il pane è un alimento del popolo».

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *