Carmine Migliaccio, da youtuber ad “Ambasciatore del Sorriso”

Carmine Migliaccio

Nei video pubblicati sulla piattaforma “YouTube” lo conosciamo come “Carolina”. 23 anni, di Giugliano in Campania. È uno “youtuber” ed ama la tecnologia e ciò che riguarda il mondo del web. Si definisce un ragazzo simpatico e sveglio, ma allo stesso tempo timido e riservato. Lui è Carmine Migliaccio, il giovane napoletano da tempo star del web. Nell’intervista che ha concesso a noi del magazine “Informare”, Carmine ha raccontato i suoi esordi e come sia nato il personaggio di “Carolina”. Lo “youtuber” assieme agli altri componenti del sodalizio, ed ossia Luca Arena, in arte “Ciruzzo” e Raffaele Molisso, “Rafelopazz” saranno insigniti del premio “Ambasciatori del Sorriso” nell’ambito di una cerimonia che si svolgerà a Napoli nei prossimi giorni.

Carmine, sei uno youtuber napoletano, molto seguito. Il tuo personaggio “Carolina” è stato apprezzato dal popolo del web. Ci racconti com’è nata “Carolina”? E come ti sei avvicinato al mondo dei social, ed in particolare a quello di youtube?
«Ho sempre avuto la passione per i video, sin da piccolo mi cimentavo a registrare “scenette comiche” con la telecamera a cassette di mio padre, tutto ovviamente in modo amatoriale. Nel 2011 decido di aprire un canale Youtube con mio fratello e con un mio amico, pubblicando piccoli sketch e parodie di programmi televisivi. Con il passare del tempo fù difficile mantenere un equilibrio e un impegno per i video, non tanto per me che ci vivevo con la videocamera, ma per mio fratello e per il mio amico, quindi pian piano abbiamo abbandonato tutto. Dopo circa 3 anni, mi sono ritrovato ad affrontare una cosa che mi ha segnato a vita, la depressione, l’ansia e gli attacchi di panico. Sono stato male per 3 mesi, e in tutto questo tempo non riuscivo a capire cosa mi mancava per farmi stare bene, e cosi, guardando dei video riguardanti l’ansia e la depressione capìì che per riprendere la mia vita in mano avevo bisogno di stimoli, di soddisfazioni, di fare un qualcosa che mi facesse sentire bene, utile. Cosi, pensai subito ai video, senza programmarmi nulla, presi una parrucca che avevo conservato anni indietro e feci un piccolo sketch,lo pubblicai su facebook e tutto iniziò da li. Tanti “Mi piace”, commenti, persone che ridevano a crepapelle condividendo il mio video, per me fù una grandissima soddisfazione, non mi aspettavo tutto ciò. Giorno dopo giorno mi svegliavo con l’intenzione di fare nuovi video, e ogni video che pubblicavo faceva il giro del web, e in tutto questo non sapevo ancora come chiamare questo “personaggio” che mi è venuto fuori per caso. Quando mi sono messo per la prima volta la parrucca in testa, ho semplicemente imitato una “Vrenzola”, senza aspettarmi nulla, ma arrivai ad un certo punto che dovevo dare un nome a questa donna, pensai “Assuntina”? “Concettina” ? Vabbè chiamiamola Carolina, ed oggi sono qui».

Nei prossimi giorni a Napoli, assieme a Raffaele Molisso, che fa coppia con te nei video riceverete il premio “Ambasciatori del Sorriso”. I tuoi video sono divertenti e verrai, per l’appunto, premiato. Che emozione hai provato appena ti hanno comunicato la notizia della vittoria ? Hai già ricevuto altri premi? 
«Per me è una grandissima soddisfazione, far ridere oggigiorno non è facile, e addirittura ricevere il premio Ambasciatori del Sorriso mi lascia senza parole. Il premio a cui tengo di più è sicuramente il Silver Button che Youtube mi ha inviato al raggiungimento dei 100.000 Iscritti, lo guardavo dal binocolo ed ora ce l’ho qua, accanto a me, ancora non mi sembra vero».

Come nasce il tuo sodalizio artistico? Da chi è composto?
«È nato tutto per gioco, sopratutto perchè alla base c’è sempre la Passione. Con me ho sono trascinato Luca Arena alias Ciruzzo figlio di Carolina, e poi Raffaele Molisso (Rafelopazz) nel ruolo del Marito. Ci siamo appena aperti uno studio, oltre a fare spettacoli e video vogliamo offrire altre cose alle persone, creando un vero e proprio gruppo di fuoco, ideando giorno dopo giorno cose innovative».

Passiamo alla tua arte, quella dei video. Ci vuoi spiegare come nascono i tuoi video? Qual è il loro percorso? Come viene basata la scelta della tematica da trattare?
«La tematica che più uso è l’attualità, anche se i video preferiti da tutti sono i “Litigi Rap”. Chi fa video comici, deve guardare la realtà con occhi diversi, con ironia, qualsiasi cosa può essere uno spunto per un nuovo video, io di solito punto sull’attualità, ma bisogna anche saper essere creativi, inventare cose nuove. Carolina è una donna di casa, con i soliti problemi del lavoro, la casa ecc… Sono riuscito a creare tantissimi video con questa tematica, d’altronde è la realtà di tanta gente».

Nel mondo dei social, ci sono diversi youtubers, anche napoletani. Qual è la “ricetta” della Carolina di Carmine Migliaccio per restare “a galla” nella rete?
«Creatività, creatività, e creatività, se non ce l’hai non puoi fare video. Oggigiorno di Youtubers ce ne sono tanti, ma proprio tanti e per rimanere a galla ce ne vuole. Molte volte mi è capitato di non avere più idee, di non saper cosa fare, che video creare, ma proprio mentre lo pensavo mi ritrovavo a montare un nuovo video, è cosi, a volte non hai idee, a volte ti vengono all’improvviso, e invece ci sono volte in cui è giusto che arrivino i momenti “no”, io la chiamo “Rinascita”».

Quale è il tuo youtuber preferito? E per quale motivo ti piace?
«Beh, a me piace tanto Fabrizio Cerrone, il suo modo di parlare, di fare mi fa troppo ridere, e la cosa bella è che non recita, lui è proprio cosi!!».

C’è qualcuno a cui ti ispiri?
«No, non mi ispiro a nessuno, non so come dirlo, ma tutto ciò che faccio mi viene naturale, idee, movimenti, modo di parlare e quant’altro».

Hai annunciato che a breve svolgerai anche dei corsi per youtuber. Qual è il percorso da seguire per diventare uno youtuber? Secondo te qualsiasi persona è portata per essere uno youtuber? Qual è la caratteristica fondamentale che, secondo te, dovrebbe avere uno youtuber?
«Il percorso per diventare uno Youtuber non è per niente facile, ci sono tantissime cose da sapere riguardo al web, a Facebook, Youtube, Le visualizzazioni, i guadagni. Non tutti ne sarebbero capaci, ma penso che se c’è la passione e non la voglia di essere “popolare” la cosa riesce sempre. Da piccolo ho cominciato ad usare il pc, mi piace informarmi, conoscere e imparare cose nuove, e tutto ciò che ho imparato mi è servito per arrivare al traguardo dove sono ora, non basta una videocamera e un pc, serve la passione, la pazienza, la costanza, la creatività ma sopratutto devi credere in te stesso e in ciò che stai facendo. Tante persone vorrebbero diventare Youtuber, altri mi dicono “Vorrei diventare come te”, magari lo dicono per la mia “Popolarità”, perchè non credo che a tutti piacerebbe mettersi una parrucca in testa e fingersi donna davanti a tutto il mondo, giusto? Io lo faccio, ce l’ho nel sangue, mi piace recitare, scrivere, creare video con o senza parrucca. Per questo dico “Ci vuole passione”».

Perchè scegliere i video di “Carolina” di Carmine Migliaccio?
«Ci sono tante persone che amano il personaggio di Carolina, altre invece che la evitano per il suo linguaggio molto scurrile. Carolina rappresenta la vita di tante donne, ho fatto tanti video, alcuni specifici per determinati argomenti reali cercando uno spiraglio di ironia da aggiungere alla vera realtà che ci circonda, Carolina rende il problema reale una barzelletta. Nei tuoi video spesso parli anche della Napoli attuale e di usi e costumi…».

Prossimi progetti?
«Ho tante cose per la testa, tante idee da mettere in atto, mi serve solo del tempo. Con l’apertura dello studio sicuramente ci saranno tantissimi progetti da mettere in atto, tipo offrire Video produzione e tante altre cose. Per quanto riguarda i video, ho una bella sorpresa per tutti, vedranno una Carolina nel mondo di un cartone animato molto conosciuto, ma non vi svelo il nome».

 

di Giovanni Iodice

About Redazione Informare

Magazine mensile, gratuito, di promozione culturale edito da Officina Volturno, associazione di legalità operante in campo ambientale, sociale e culturale.