informareonline-carlino-lingegnere-napoletano-pronto-al-viaggio-virtuale-su-marte

Carlino: l’ingegnere napoletano pronto al viaggio virtuale su Marte

Palmina Falco 22/05/2022
Updated 2022/05/22 at 11:45 AM
2 Minuti per la lettura

Roberto Carlino, ingegnere aerospaziale napoletano, è stato scelto dalla Nasa per la missione simulata su Marte che verrà attuata il prossimo 27 maggio, nel centro aerospaziale di Houston.

Il trentatreenne è uno dei tre aspiranti astronauti pronti a cimentarsi in questo viaggio: prima tappa la luna marziana Phobos. Prima di dirigersi sul “pianeta rosso” dovranno trascorrere una settimana nell’orbita lunare marziale, in seguito ci sarà l’allunaggio e la raccolta di campioni da sottoporre a una miriade di analisi, una volta tornati nella navicella.

“Una volta giunti nell’orbita di Phobos, dopo un viaggio di 22 giorni, – spiega Roberto Carlino all’ANSA – dedicheremo una settimana all’assemblaggio di alcuni moduli, prima di partire per Marte”.

Il viaggio, com’è noto, durerà ben 45 giorni – dal 27 maggio all’11 luglio – duranti i quali gli astronauti, sempre in forma simulata, eseguiranno una lunga serie di esperimenti. “Nel viaggio da Phobos a Marte – dice ancora l’ingegnere aerospaziale napoletano – verranno eseguiti molti esperimenti.

Verrà anche simulata la rottura e la riparazione, con una stampante 3D, di alcuni componenti della navicella, ma la metà degli esperimenti riguardano le reazioni del corpo umano a un viaggio così lungo. Si tratterà di tenere sotto costante controllo le risposte del nostro organismo dal punto di vista psicologico e fisiologico”.

Riguardo il suo coinvolgimento alla missione che dovrebbe portare l’uomo su Marte, l’ingegnere è chiarissimo: “E’ altamente improbabile. Secondo i piani della Nasa la missione è prevista tra il 2030 e 2035: avrò 45 anni”.

Ciò che è sicuro, conclude l’ingegnere italiano, “è che sicuramente rimarrò nel settore spaziale e questo mi consentirà di fare domanda come direttore di un’agenzia spaziale. Inoltre potrei avere l’opportunità di diventare astronauta privato… vedremo….”.

 

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *